Al via i tornei di Tokyo e Pechino in contemporanea. Top players divisi e più spazio per le sorprese.

Al via i tornei di Tokyo e Pechino in contemporanea. Top players divisi e più spazio per le sorprese.

La stagione asiatica entra nel vivo con i due tornei Atp 500 di Tokyo e Pechino, tappe di avvicinamento al Master 1000 di Shangai del 5 ottobre. Tornei che si disputeranno in contemporanea da domani e che dunque si spartiranno i top players del ranking. Una ghiotta occasione per giocatori di seconda fascia e giovani in cerca di conferme per fare strada nei due tabelloni.

China Open
La sedicesima edizione del China Open vede come favorito il detentore del titolo e numero 1 del mondo Novak Djokovic, che ha vinto 4 delle ultime 5 edizioni, e deve difendere i punti guadagnati a Pechino per tenere lontano Nadal e Federer. Il serbo esordirà contro Garcia-Lopez e al secondo turno incontrerà uno tra Rosol e il canadese Pospisil. Turni che dovrebbe superare in scioltezza per poi giungere ai quarti di finale.

Da qui in poi il percorso di Novak verso la finale si potrebbe fare molto interessante. Ai quarti infatti con tutta probabilità se la dovrà vedere con Dimitrov. Sempre che il bulgaro non inciampi con Verdasco, avversario pericoloso, o con uno tra Andujar e Benneteau nel secondo turno. Mentre in semifinale dovrebbe vedersela con uno tra Cilic e Murray. Il croato e lo scozzese potrebbero affrontarsi ai quarti, in uno dei match più interessanti del torneo. Cilic non dovrebbe avere problemi a sbrigare le pratiche Yan Bai, che gioca grazie a una wild card, e Joao Sousa. Per Murray, invece, un primo turno tosto contro Yanowicz che se in giornata potrebbe anche far sua la sfida.

Nella parte bassa del tabellone i due atleti più accreditati per arrivare in semifinale sono Nadal e Berdych. Anche se lo spagnolo torna da un infortunio e non sarà al massimo della condizione, mentre il ceco viene da un periodo non certo esaltante, caratterizzato da pessime figure sia in America che in Coppa Davis. Qui dunque le sorprese potrebbero essere dietro l’angolo.

Una buona occasione per Gulbis, Gasquet, Feliciano Lopez, Isner, Youzhny, il redivivo Troicki e, perché no, anche per il nostro Fognini. Nadal avrà subito un compito difficile contro il francese Gasquet, e se dovesse raggiungere i quarti potrebbe incontrare Gulbis o magari Fognini che sfida il lettone al primo turno. L’altro italiano in tabellone a Pechino è Andreas Seppi che al primo turno dovrà affrontare ancora una volta Tommy Robredo, che lo ha battuto la settimana scorsa a Shenzhen.

Centrale-WTA-ATP-Tokyo-img20940_678
Rakuten Japan Open Tennis Championships

Con Djokovic e Nadal impegnati in terra cinese, è Stan Wawrinka ad assumere il ruolo da favorito per la vittoria finale nel torneo di Tokio. Un gradino più in basso Kei Nishikori, in ottimo stato di forma in questa stagione e fresco vincitore dell’Atp 250 di Kuala Lumpur. Il pubblico potrebbe essere l’arma in più del giapponese per trovare la prima affermazione nel torneo di casa. Lo svizzero non dovrebbe avere problemi a raggiungere i quarti dove con ogni probabilità troverà Dolgopolov. L’ucraino è davvero la mina vagante del torneo e potrebbe anche lui ambire alla finale. Certo, deve giocare con continuità ed evitare le sue solite sregolatezze. Una delle semifinali potrebbe dunque essere Wawrinka-Nishikori o Dolgopolov-Nishikori.

Nella parte bassa del tabellone troviamo sfide forse più equilibrate con David Ferrer che dovrà vedersela al primo turno con Granollers e poi dovrebbe affrontare Bautista Agut o Gilles Simon che si sfidano al primo turno. In semifinale ad attendere lo spagnolo uno tra Raonic e Tsonga che si affronteranno in un interessantissimo quarto di finale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy