Andre Agassi fa i nomi dei possibili sfidanti dei Fab Four

Andre Agassi fa i nomi dei possibili sfidanti dei Fab Four

Sono ben 51 gli slam vinti complessivamente da Federer, Nadal, Djokovic e Murray, e Andre Agassi vede in Kyrgios e Zverev i loro successori

di Jonathan Zucchetti, @J_Zucchetti

Un’eredità importante 

L’ex numero uno del mondo Andre Agassi ha indicato Nick Kyrgios e Alexander Zverev come i due giocatori capaci di giocare alla pari dei Fab Four, ma si è anche domandato quali siano le loro reali capacità.
Roger Federer, Rafael Nadal, Novak Djokovic e Andy Murray dominano la scena mondiale del tennis da circa una decade: con i loro 51 Grandi Slam complessivi, sin dal primo titolo di Roger Federer a Wimbledon nel lontano 2003, molti si sono chiesti che giocatori della nuova generazione saranno in grado di sostituirli.

I principali eredi

In molti concordano con Agassi, vedendo in Alexander Zverev, che è riuscito a raggiungere la terza posizione mondiale lo scorso anno grazie ai cinque tornei vinti, e Nick Kyrgios, visto come il giocatore di maggior talento ai giorni nostri e che ha anche conquistato il titolo di Brisbane a inizio anno, i giocatori più indicati a dominare le scene nei prossimi anni.

C’è una grande differenza tra chi ha ora il talento per succedere a questi quattro grandi giocatori e chi ci riuscirà veramente“, ha detto Agassi. “Nessuno sa come un giocatore si svilupperà“.
Nick Kyrgios ha un sacco di talento e sembra impareggiabile nel mondo del tennis, ma quanto ci scommettereste? Alexander Zverev ha già un grande nome, e sembra professionale e centrato, ma cambia moltissimo nella psiche tra il provare ad essere il migliore ed esserlo effettivamente. Ora come ora parliamo di talento, ma non sappiamo come andrà a finire”.andre-agassi-and-pete-sampras

Un esempio più che lampante 

Agassi ha poi citato l’esempio del suo rivale di sempre, Pete Sampras, che lui aveva sempre considerato senza la capacità di avere successo, e che ha poi vinto 15 slam diventando numero 1 al mondo.
Se si prende Pete Sampras ad esempio, lo avevo guardato allenarsi quando aveva 17 anni, e sembrava privo di speranze“, ha spiegato Agassi. “L’ho poi visto ad un torneo professionistico, quando io ero ormai numero 3 al mondo e mi è dispiaciuto per lui”.
“L’ho guardato e pensato che quel ragazzo non sarebbe mai andato da nessuna parte. Mi sentivo così male per lui. Non sarebbe riuscito a raggiungere niente. Insomma, non sapeva colpire un rovescio, e sembrava così pigro e senza idee in campo mentre si allenava. Poi ha iniziato a muovere le braccia, la sua mente si è messa in azione e ha raggiunto obiettivi spettacolari“.
“Non si può mai sapere chi riuscirà a raggiungere la vetta, né quando lo farà. E’ come un trampolino, e certi ragazzi ci saltano e non si riesce più a fermarli. Altri invece, sono decisamente promettenti e poi scompaiono. E’ questo fattore invisibile che fa la differenza.”

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Marco Lunardi - 4 mesi fa

    I famosi fab fuor che sono diventati fab one

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alessandro Peritore - 4 mesi fa

      fab two dai…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy