Andre Agassi seguirà ancora Novak Djokovic. Il serbo: “Vorrei giocare ancora 10 anni”

Andre Agassi seguirà ancora Novak Djokovic. Il serbo: “Vorrei giocare ancora 10 anni”

L’ex n. 1 del mondo di Belgrado sta preparando il suo ritorno per il 2018, affiancato fra gli altri dalla leggenda americana (ma solo negli Slam) e da Marco Panichi, ex preparatore atletico di Roberta Vinci e Fabio Fognini: “La fine della mia carriera è lontanissima”.

di Redazione Tennis Circus

“Sono felice di avere questi sei mesi per organizzare la mia vita sia sul campo che fuori e per porre le basi per il mio gioco e il mio corpo negli anni a venire. Vorrei dire per i prossimi dieci anni, ma vedremo, perché non si sa mai ciò che può accadere nel tennis professionistico”. Se qualcuno aveva dubbi sulle effettive motivazioni di Novak Djokovic, ora è costretto a ricredersi. Il serbo, che ha giocato l’ultimo match ufficiale ai quarti di finale a Wimbledon, dove si è ritirato contro Tomas Berdych per un infortunio al gomito che gli ha precluso l’anno, sta pianificando per un grande rientro nel 2018, con l’intenzione di ritornare ai vertici mondiali e rompere l’attuale dominio di Federer e Nadal. Come aveva già rivelato, il serbo tornerà l’anno prossimo a giocare in Australia già a Brisbane o all’Hopman Cup.

Il vincitore di 12 Slam ha iniziato dal team: lo scorso aprile aveva epurato tre membri del suo team storico e ora sta definendo il nuovo ‘organico’ che lo assista nel suo tentativo di tornare fra i migliori. A partire da Andre Agassi, che lo assisterà per i mesi a venire, ma solo negli Slam e forse in qualche altro torneo più importante. Ancora incerto invece il nome del suo coach vero e proprio: improbabile che sia l’ex tennista Mario Ancic, che ora è un avvocato a New York e dovrebbe lasciare il suo lavoro per seguire il serbo continuativamente.

Novak Djokovic e Andre Agassi
Novak Djokovic e Andre Agassi

La più grande novità è l’arrivo dell’esperto preparatore fisico italiano Marco Panichi, che da trent’anni ha lavorato insieme a grandi tennisti azzurri come Fabio Fognini, Simone Bolelli, Davide Sanguinetti, Roberta Vinci e Mara Santangelo, ma anche un’ex vincitrice Slam del calibro di Svetlana Kuznetsova. Non è comunque la prima volta che Nole si circonda di professionisti italiani: nel suo team sono infatti già presenti i manager Elena Cappellaro e Edoardo Artaldi. Il serbo ha inoltre ‘assoldato’ il fisioterapista argentino Ulises Badio, che già aveva lavorato con lui negli anni passati.

In un’intervista Novak Djokovic ha parlato del suo futuro, ma ha anche ricordato il passato, quando ha preso per la prima volta “una racchetta in mano, iniziando a crescere con essa, prima sui campi da tennis del Kopaonik e poi con Jelena Gencic, che mi ha dato la conoscenza del tennis e le basi per il mio gioco che mi porto ancora dietro. Gli anni Novanta sono stati duri per tutti in Serbia e ho imparato ad avere più rispetto per ogni cosa che ho realizzato”.

Nole, che è diventato papà per la seconda volta pochi giorni fa, non vede l’ora di ritornare in campo: “Mi manca la competizione ma ci sono molte altre cose che posso fare, soprattutto dopo che io e Jelena siamo diventati genitori per la seconda volta qualche settimana fa. Sia Stefan che Tara sono dei bellissimi bimbi e sto facendo del mio meglio per aiutare il più possibile mia moglie e trovare lo stesso il tempo per allenarmi. Sto facendo del mio meglio per rimanere in forma, nonostante purtroppo non posso giocare a tennis. Lavoro fisicamente ogni giorno ed è da due mesi che non tocco la racchetta, il che è positivo per il mio corpo”. Quel che è certo è che Djokovic non pensa minimamente al ritiro:  “La fine della mia carriera non è nemmeno all’orizzonte visto che voglio mettermi in gioco sia per me che per gli altri. Voglio spingermi al limite e migliorare sia me stesso che il mio gioco. Nonostante abbia fatto già molto, c’è ancora lo spazio per fare di più perché vedo alcuni elementi del mio gioco che possono essere a un livello più alto, nonostante per gli altri potrebbe non essere così. Per la prima volta nella mia carriera, ho cinque mesi per incrementare gradualmente il mio gioco e la mia forza fisica, e per prepararmi fisicamente a essere al massimo per l’inizio della stagione”.

24 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Elizabeth Shanahan - 2 anni fa

    Djokovic so he will be back with his complaints and banging his chest, kissing the floor and asking the crowd to clap for him.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Roberto Zambrelli - 2 anni fa

    Sognare nn costa nulla caro Nole…… Ma di sogno si tratta…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Rossella Panciroli - 2 anni fa

    Grande nole riprenditi e spacca tutti soprattutto roger e nadal tu x me sei un grande un bes e vaiiiiiiii

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Marija Vasiljevic - 2 anni fa

    Andate ad adorare il vostro “re” piuttosto di commentare un articolo su Nole. Semplice, no? Prima di dire che lui non manchi a nessuno, premere on sul cervello. Tu puoi parlare per te ma di sicuro non rappresenti tutti noi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luca Celi - 2 anni fa

      Purtroppo molta gente è stupida

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Diana Bianchin - 2 anni fa

    Agassi il mio preferito ai bei tempi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Alessandro Alvaro - 2 anni fa

    Spacca il culo a tutti Nole!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. 10 anni la vedo difficile,se non di più..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliana Cau - 2 anni fa

      Infatti ha detto vorrei, ma non sara così :)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Michele Monfasani - 2 anni fa

    Ti odio ma ci servi per contrastare il dopato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Loris Polverari - 2 anni fa

    Agassi sto finendo di leggere il suo libro Open (definito il migliore libro del tennis….) sono per la prima volta d’accordo con le considerazioni di McEnroe “Agassi odio il tennis ” ma? Dopo essere stato Nr 1 ecc.ecc..odia così tanto il tennis che adesso fa pure il Coach per insegnare cosa ?..le sue sregolatezze in stile di vita o altro ..il tennis è fatto per chi lo ama non per chi lo odia certamente Agassi non è l’esempio dell atleta sportivo ..il gioco forse Djokovic è l evoluzione del suo gioco anticipato ..il resto sono affari loro_

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alberto Mingione - 2 anni fa

      Agassi è stato un innovatore mai nessuno come lui ha infiammato il pubblico… Poi ha avuto 3 carriere ….ma talenti come lui…ne nascono veramente pochi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Loris Polverari - 2 anni fa

      Alberto Mingione talento non si discute ..il resto non penso sia da insegnamento

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Alessandra Bragion - 2 anni fa

      Se hai scritto questo commento significa che non ha compreso il libro di Agassi ! Il suo “odio” e’ complesso … e non è per il tennis … lo spiega in più punti … bisogna andare al di là delle parole e capire il senso profondo della sua vita ! Libro spettacolare anche per chi non segue il tennis

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Irene Melpignani - 2 anni fa

      Alessandra Bragion mi hai rubato le parole di bocca! Open è un capolavoro ma non ha nulla a che vedere col mondo del Tennis. È un complesso viaggio nella psiche che, a me personalmente, ha cambiato la vita.
      Nell’ultima frase dell’ultima pagina è racchiusa la chiave di tutto: “è più forte di me…voglio giocare ancora un pó”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Loris Polverari - 2 anni fa

      Irene Melpignani non sono ancora arrivato al finale …i racconti della sua vita privata mi interessano fino ad un certo punto , non è vero che odia il tennis altrimenti avrebbe mandato tutti al quel paese …quando si è maggiorenni si è liberi…comunque a me piacciono altri giocatori Borg/Lendl/Nadal il resto non mi interessano più di tanto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Angelo Lafranconi - 2 anni fa

    Non glie ne frega niente a nessuno !!!!! Insipido totale

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luca Celi - 2 anni fa

      Ti senti forte ora che l’hai detto?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Angelo Lafranconi - 2 anni fa

      Non e ‘ un tuo problema

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Francesca Mazzeo - 2 anni fa

    si sta cosi bene senza quella tua falsità in campo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Elisa Foti - 2 anni fa

    Nole sei il più forte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Ryan Giardullo - 2 anni fa

    10 anni a remare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Teo Meloni - 2 anni fa

    Vai Nole! :)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Addirittura 10 anni

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy