ANDY MURRAY: “AVRO’ BISOGNO DI TEMPO PER ABITUARMI ALLA PATERNITA’ “

ANDY MURRAY: “AVRO’ BISOGNO DI TEMPO PER ABITUARMI ALLA PATERNITA’ “

Andy Murray sta per unirsi al gruppo di papà-tennisti di cui fanno già parte Federer e Djokovic. Lo scozzese ne parla e non nasconde la sua emozione.

Commenta per primo!

Andy Murray sta per diventare papà. Lo scozzese ,in un’intervista rilasciata al portale Sport360 ,  parla dell’arrivo del suo primogenito e di quanto ciò possa influire sua attività. Tanti i progetti per questo 2016 , ma al primo posto c’è la paternità ormai imminente:
“Ci sto pensando sempre di più nelle ultime settimane. Quando lo abbiamo scoperto, ovviamente, è stato molto emozionante. Lo sapevamo già alla seconda settimana e mezzo, e quindi l’attesa è stata ancora più lunga. Tra la decima e la ventesima settimana non ci pensavo tantissimo, ma ora ci penso ogni secondo di più. Non vedo l’ora che arrivi quel momento”.
Di recente il britannico ha dichiarato che, se la nascita coincidesse con l’Australian Open, lascerebbe immediatamente il torneo.
Intanto nell’immediato futuro, come si conviene a tanti aspiranti neo-mamme e neo- papà, Murray potrà contare sulla presenza costante dei suoi genitori:
” Questa è’ una cosa ottima . Molte persone attorno a me hanno figli: Ugo Colombini (supervisore di Murray ai tornei) ha appena avuto due bimbi, Matt Gentry, che lavora nel mio team, ha un figlio. Poi ovviamente Amelie, è chiaro. È bello quindi avere attorno tanta gente che possa aiutarci”.

murray 5

Andy riflette poi su come lo sport possa aiutare ad essere buoni  genitori :

Credo che ci sono alcune cose che lo sport ti insegna, il duro lavoro e la disciplina sono due delle cose più importanti se si vuole raggiungere il top. Allo stesso modo, penso che quando si diventa genitori si va a svolgere un compito duro; devi essere disciplinato e molto rigoroso, quindi credo che tutto ciò che mi ha insegnato lo sport mi aiuterà. Ma è comunque qualcosa di completamente nuovo e avrò bisogno di tempo per adattarmi. Negli ultimi  anni la mia vita è stata tutta centrata sul tennis e dopo un po’ questo ti crea stress, ti dà pressione. Così, quando accadono cose importanti fuori dal campo hai più motivazioni per rigenerarti anche in campo “.

Vedremo se anche su Andy si avrà l’effetto-papà, così come è accaduto a Nole;  ovvero vivere la sua miglior stagione subito dopo esser diventato padre.

Infne Murray parla anche dei suoi piani futuri , e della presenza di Amelie Mauresmo come suo coach. Andy non ha escluso totalmente Jonas Bjorkman possa continuare a far parte del suo team, come è stato dalla fine dell’estate in poi:
“Non sono ancora sicuro dei miei piani. L’idea era di lavorare con Jonas fino alla fine dell’anno, ovvero in un periodo complicato, data l’assenza di Amelie. Non sono ancora sicuro al 100% , ma l’idea è di lavorare solo con Amelie fino alla fine del prossimo anno “.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy