Atleta dell’anno: Nole e Serena tra i candidati

Atleta dell’anno: Nole e Serena tra i candidati

Sport Illustrated, come ogni anno dal 1954, ha pubblicato le nomination per l’atleta dell’anno. I numeri 1 del tennis mondiale sono in lizza , ma per loro le chance di vittoria sembrano poche.

Commenta per primo!

Serena e Nole sono in corsa per il titolo di sportivo dell’anno, ma le reali possibilità di vittoria per loro sono molto basse .

Tra i due è soprattutto il serbo ad averne di meno.
Il motivo è di per se molto chiaro: la lista infatti è piena di grandi figure dello sport americano o di sport molto seguiti negli States. Se ciò non bastasse, basta dare un’occhiata alla lista dei vincitori degli anni passati per farsene un’idea. Tutavia , in questo 2015, la presenza di Nole e Serena sembra voler un pò sfidare questa tendenza.
Tra i due è ovvio che sia Serena ad avere qualche chance in più; a Nole non basterà, l’aver vinto tre Slam su quattro ed aver perso solo 6 match sugli 88 disputati.
Inoltre, vi è da considerare che il tennis non è uno sport molto seguito negli USA. Il basket, il baseball e ora persino il calcio godono di maggior prestigio e di grande copertura televisiva.
Non è un caso che solo due tennisti abbiano raggiunto l’ambito traguardo di miglior atleta dell’anno: Chris Evert nel 1976 e Arthur Ashe nel 1992. Entrambi americani, ovviamente.
Altri candidati sono: la ginnasta Simone Biles, Usain Bolt, il cestista Stephen Curry , il giocatore di football americano Thomas Davis, la calciatrice Carli Lloyd, Lionel Messi, un cavallo di nome Faraone Americano, la campionessa di arti marziali Ronda Rousey, la squadra di basket dei Kansas City Royals, ed infine il golfista Jordan Spieth.
La decisone non sembra facile da prendere, vista la griglia di partenza tanto eterogenea.

nole e serena 1
L’anno di Serena e di Nole è stato comunque eccezionale. Per il serbo il 2015 è paragonabile al 2006 di Federer; anche il campione svizzero fu nominato , ma a vincere quell’anno fu il cestista Dwayne Wade.
Sia Nole che Serena hanno dominato i loro rispettivi circuiti, ma in modo diverso. Nole ha incontrato qualche difficoltà , grazie alla versione 2015 di Roger e all’esplosione parigina di Stan.
Serena invece non ha rivali ,tranne se stessa. Tuttavia le sconfitte rimediate in Francia da Nole e a New York da Serena rischiano di pesare molto.
Ad entrambi è mancata, insomma , quella ciliegina sulla torta che avrebbe fatto salire di molto le loro quotazioni per il titolo assegnato a fine anno e, probabilmente, messo in crisi i tradizionali parametri di valutazione della prestigiosa rivista americana.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy