Atp Barcellona: le dichiarazioni dei protagonisti

Atp Barcellona: le dichiarazioni dei protagonisti

Ecco tutte le dichiarazioni dei semifinalisti del torneo catalano.

di Pierluigi Serra, @pierluigi_serra

Rafael Nadal

“Cosa succede? Succede che anche gli altri vogliono vincere e giocano molto bene”, ha dichiarato un sorridente Rafa Nadal, rispondendo ad una domanda in merito al combattutissimo secondo set vinto contro Martin Klizan. “Non è facile, Martin non è riuscito per caso a vincere cinque partite di fila in questo torneo, nessuno gli ha regalato nulla per arrivare ai quarti di finale. Ho giocato un buon primo set, ma nel secondo sono partito molto scarico e questo ha condizionato l’intero parziale. Ho avuto occasioni per controbreakkarlo, ma non ne ho approfittato. Ho continuato ad insistere e sul 5-4, con un po’ di fortuna, sono riuscito a strappargli il servizio e a vincere 7-5”.

“Già sul 6-5, al cambio di campo, stavo pensando di dover fare il break. Era il momento di essere più aggressivo e di attaccare. Ci sono riuscito e per questo sono molto soddisfatto. Era un avversario difficile, sapevo che mi avrebbe potuto creare problemi; ma sono riuscito a vincere, è normale attraversare qualche momento di difficoltà”, ha ammesso il campione spagnolo.

“Il 6-0 non ha condizionato nulla. Sono andato in bagno e forse lì ho perso un po’ la concentrazione. Ho commesso un errore stupido, poi un doppio fallo e infine il mio avversario ha tirato un vincente sulla linea. Sono andato 0-40 e ho perso il gioco, può succedere”, ha detto Nadal. “Poi non sono stato in grado di recuperare velocemente nonostante abbia provato diverse soluzioni, ma allo stesso tempo Klizan è stato molto aggressivo e ha giocato molto bene. Alla fine ho prodotto il massimo sforzo e ho preso il sopravvento sul 5-4, fortunatamente la svolta è arrivata quando il set si era fatto complicato”.

“È stato un set complicato, ma prima o poi bisogna passare per momenti così difficili. Non avevo più avuto un set del genere da quando sono tornato dall’infortunio, un set tanto complicato, ma alla fine ce l’ho fatta. In fin dei conti è un’ottima notizia. Thiem ha perso, Dimitrov ha perso… alla fine tutti soffrono, non ci sono partite facili e questo torneo è il miglior esempio”, ha concluso lo spagnolo.

Pablo Carreno Busta

Pablo-Carreno-Busta

“Per me è molto importante aver raggiunto le semifinali qui a Barcellona. Giocare in casa dovrebbe essere sempre un aiuto, anche se anni fa, a causa della pressione non sono mai riuscito ad esprimermi al meglio. Ora sto giocando al mio livello, più libero. Sono un giocatore migliore rispetto agli anni passati, ho più esperienza, ho raggiunto risultati migliori nell’ultimo periodo e, anche se nelle ultime settimane non sono stato in grado di giocare per un infortunio, fisicamente mi sto trovando molto bene”, ha spiegato il numero 11 della classifica Atp.

Sul prossimo avversario Stefanos Tsitsipas: “Non lo conosco molto, ma so che da mesi qui sul circuito se ne parla molto bene. Oggi ha sconfitto un avversario molto forte (Thiem) in maniera netta. Dovrò stare molto attento, sta giocando molto bene, con grande fiducia. Dovrò cercare di dominarlo, non dovrò permettergli di sentirsi a suo agio sul campo; gli errori che potrebbe commettere a causa della sua mancanza di esperienza mi saranno di aiuto”.

Stefanos Tsitsipas

tsitsipas-doha-2018-wednesday

“Ho guardato il tabellone a fine partita (6-3, 6-2) e non ci credevo. Ho giocato un ottimo tennis, ma credo che lui (Thiem) non abbia preparato perfettamente la partita dal punto di vista tattico. Detto questo, io sono entrato in campo con le idee molto chiare, ma non mi aspettavo un risultato del genere. Con il rovescio oggi mi sono trovato molto bene”.

“Ho molta fiducia in me stesso e non mi interessa l’avversario che ho davanti. Per me oggi è stato un risultato molto positivo, che mi dà grande fiducia per il futuro”, ha dichiarato il giovane tennista greco.

“Sarebbe incredibile giocare qui contro Rafa”.

“Mi piacerebbe finire la stagione tra i primi 50 giocatori del mondo”

Sulla prossima partita: “Mi sento più rilassato che mai, la verità è che non sento alcuna pressione”, ha concluso Tsitisipas.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy