ATP Bercy: Milos Raonic si ritira, Andy Murray è il nuovo numero 1 del mondo. John Isner sorprende Cilic e vola in finale

ATP Bercy: Milos Raonic si ritira, Andy Murray è il nuovo numero 1 del mondo. John Isner sorprende Cilic e vola in finale

Forse non ci è riuscito come avrebbe desiderato, con una vittoria, ma ciò non conta: Andy Murray, dopo il ritiro di Milos Raonic nella semifinale del Master 1000 di Bercy, è meritatamente il nuovo numero 1 del mondo, coronamento di una stagione, in particolare nella seconda parte, pressoché perfetta. In finale, lo scozzese troverà John Isner, che con una grandissima prestazione ha sconfitto Cilic.

Saranno Andy Murray e John Isner a giocarsi la finale dell’ATP di Parigi-Bercy, ultimo Master 1000 della stagione che precede le ATP World Tour Finals. Grazie al ritiro di Milos Raonic, lo scozzese ha passato il turno senza giocare, completando così il sorpasso su Djokovic nel ranking: da Lunedì sarà il nuovo numero 1 del mondo. Nell’altra semifinale, John Isner ha sfornato una prestazione maiuscola, trionfando in due set sul croato.

[2]A.Murray b. [4]M.Raonic w.o.

IL NUOVO NUMERO 1- Non si è conclusa, probabilmente, come tutti si sarebbero aspettati. Ma in fondo cosa importa? La scalata di Andy Murray, impensabile fino a qualche mese fa, è stata davvero straordinaria, e il giusto premio per il suo impegno e la sua determinazione non poteva che essere la prima posizione nel ranking mondiale, uno dei traguardi più importanti che ancora sfuggiva allo scozzese. Dopo anni passati all’ombra dei tre fenomeni, Federer, Nadal e Djokovic, finalmente “Muzza”, l’ultimo dei Fab Four, è riuscito a togliersi di dosso l’etichetta del perdente di lusso, e, con una serie fantastica di risultati, che comprende uno Slam, Wimbledon, le Olimpiadi, e il 1000 di Shangai, oltre a due ATP 500. Dal mese di Giugno in poi, proprio dalla sconfitta in finale al Roland Garros per mano di Djokovic, Andy ha messo in mostra uno stato di forma psicofisico invidiabile, e, approfittando anche della crisi del serbo, si è preso la vetta del tennis, diventando così il ventiseiesimo numero 1 della storia e il primo britannico a realizzare questa impresa nell’Era Open.

RAONIC COSTRETTO AL RITIRO– Dicevamo, però, che l’impresa non si è conclusa come previsto. Non è stata, infatti, una vittoria a sancire questo record: nella semifinale del Master 1000 di Parigi-Bercy, che avrebbe dovuto decretare il sorpasso, Murray non ha nemmeno avuto bisogno di giocare. Il suo avversario Milos Raonic, che nella giornata di ieri aveva sconfitto Jo-Wilfried Tsonga, ha infatti dovuto alzare bandiera bianca di fronte ad un altro problema fisico, in una stagione per lui da luci e ombre. “Ad inizio partita ieri ho sentito un dolore alla coscia destra. Stamattina ho fatto una risonanza ed è stata riscontrata una lesione al quadricipite”, queste le parole che il canadese, visibilmente turbato, ha pronunciato in conferenza stampa. Per lui questa è davvero una brutta battuta d’arresto, e a questo punto è probabile un forfait a Londra, che permetterebbe a Berdych di entrare in extremis tra i primi otto.

In ogni caso, domani Andy Murray si giocherà la dodicesima finale di questo fantastico 2016, e avrà la chance di conquistare il terzo Master 1000 e l’ottavo titolo della stagione, che si conferma, ormai definitivamente, la migliore della sua carriera.

J.Isner b. [9]M.Cilic 6-4 6-3

ISNER SORPRENDE CILIC- Prima di festeggiare, però, lo scozzese dovrà vedersela con un avversario di tutto rispetto, estremamente pericoloso su questi campi: John Isner, che in questo torneo, in maniera assolutamente inaspettata, sta mettendo in mostra il suo miglior tennis del 2016. L’americano è giunto alle fasi finali del torneo quasi in sordina, faticando all’esordio contro Zverev per poi mettere in fila consecutivamente Ferrer, Stuff, Sock e, quest’oggi, Marin Cilic, grazie ad una prestazione maiuscola. L’andamento al servizio al servizio è stato, come al solito, impressionante, con una velocità media di 209 Km/h e percentuali di 86% di punti fatti con la prima e il 67% con la seconda. Ma a sorprendere di più non è stata la resa della battuta, cui “Long John” ci ha abituato negli anni, ma piuttosto la grande efficacia mostrata a fondo campo e nei pressi della rete: tra rispsote fulminanti, un’ottima mobilità, considerando la stazza, e alcune volée davvero pregevoli, numero 1 d’America ha annichilito il proprio rivale in poco più di un’ora.

Dal canto suo, Cilic non è apparso centrato e determinato come nei quarti, dove ha eliminato in due set Novak Djokovic. Le accelerazioni ficcanti, la potenza al servizio e, soprattutto, il sangue freddo nei momenti importanti sono spariti, per lasciare spazio ad un giocatore meno brillante e incapace di trovare la chiave per scardinare la battuta dello statunitense e sfruttare le poche chance che si è riuscito a guadagnare.

Isner

IL CROATO SI ARRENDE IN DUE SET- Che l’incontro odierno avrebbe presentato non poche insidie al tennista croato è apparso chiaro fin dall’avvio, quando, nel gioco d’apertura, è stato costretto a fronteggiare ben tre chance di break, che avrebbero complicato le cose non poco; alla fine, però, Cilic riesce a salvarsi e a fare gara di testa. Anche Isner, nettamente in svantaggio negli scontri diretti non avendo mai trionfato nei sei precedenti, rischia qualcosa nel primo turno di battuta, ma riesce a rimontare con ottime prime da 0-30 e a impattare sull’uno pari. Ora entrambi registrano il servizio e cominciano a martellare da fondo campo. Alle accelerazioni del campione degli US Open 2014, che prova in tutti i modi a prendere l’iniziativa e a muovere l’avversario da fondo campo, “Long John” risponde sempre con una costanza al servizio spaventosa, che lo tira sempre fuori dai guai. Si prosegue così sulla scia dei servizi fino al 4 pari, quando, un po’ dal nulla, arriva la svolta: Isner cambia marcia, approfittando anche di qualche regalo di uno spento Cilic, e a sorpresa strappa la battuta al rivale, volando così sul 5-4 con la possibilità di archiviare la frazione. Il tutto è solo una formalità, e in pochi minuti lo statunitense si issa in vantaggio.

Ad inizio di secondo parziale, tutto il pubblico si aspetta una reazione del croato; il quale, almeno in parte, non delude le aspettative: sul 2-1, infatti, il tennista di Medjugorje trova un sussulto d’orgoglio, rimonta, in risposta, dal 40-15 e si procura la prima palla break del match, grazie ad una serie di ottimi vincenti. Con le spalle al muro, però, Isner tira fuori il meglio e scaglia tre ace consecutivi, sfruttando, per l’ennesima volta, il provvidenziale aiuto di “San Servizio”. Questo è probabilmente il colpo di grazie per Marin, che subisce un altro passaggio a vuoto e concede, dopo avere fallito le proprie chance, il break. L’americano ora è in grande fiducia e, di fatto, dilaga, dominando il finale di secondo set. Con un altro allungo, sul 5-3, Isner si prende la soddisfazione più importante del 2016, concedendosi così la chance di giocarsi la terza finale in carriera a livello di Master 1000 e la certezza, invece, di chiudere l’anno nella top 20.

Per Cilic, in ogni caso, il meglio arriva adesso: tra una settimana, infatti, il numero 10 del ranking volerà a Londra per le ATP World Tour Finals, in quella che sarà per lui la seconda partecipazione al torneo dei maestri.

I risultati: 

[2]A.Murray b. [4]M.Raonic per ritiro
J.Isner b. [9]M.Cilic 6-4 6-3

 

16 commenti

16 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Angelo Ridente - 4 settimane fa

    Meritatamente primo??? Ma non scherziamo. Nole vero n. 1

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Sandro Coni - 4 settimane fa

    Forza Nole …si riprende tutto nel 2017 ..almeno spero

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Impollonia Alessandro - 4 settimane fa

    Contento per lui,ma solo inevitabile declino di Nole,Roger e Rafa,gli ha permesso di arrivare alla prima posizione,che non avrebbe mai visto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Carmine Cantile - 4 settimane fa

      Anche Nole è arrivato dove è arrivato con l’inevitabile declino degli altri due citati.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Impollonia Alessandro - 4 settimane fa

      Esatto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Titti Tandoi - 4 settimane fa

      Vero

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Francesca Sarzetto - 4 settimane fa

    “Pressoché” perfetta… a parte la sconfitta in Davis, con Delpo, che tra qualche mese gli succederà al trono

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Carmine Cantile - 4 settimane fa

      Prima Roger, poi delPo :-)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Francesca Sarzetto - 4 settimane fa

      Carmine Cantile e che palle con sto Roger, non è stato n.1 che basta (e avanza!)?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Carmine Cantile - 4 settimane fa

      Non basta. Se ti piace il Tennis, non te ne puoi uscire con affermazioni del genere…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Francesco Azathoth Pastore - 4 settimane fa

      Francesca Sarzetto finalmente qualcuno che è stanco di sentire sempre i soliti nomi….. Lo sport è bello quando si avvicendano spesso i nomi al vertice, non parlo solo del numero 1 ma in generale dei primi 8-10, e non vale solo per il tennis…….. Io per esempio ragiono al contrario, quando trovo i soliti Federer, Nadal etc, in incontri visti e rivisti, cambio canale. in questa fase vedo Murray con piacere, in futuro spero in Thiem, Zverev, Goffin, Puille etc…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Francesca Sarzetto - 4 settimane fa

      Carmine Cantile mi piace il tennis, ma per quanto lo ammiri non sopporto il borioso frigidaire… e i suoi tifosi meno ancora

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Romeo Pavidini - 4 settimane fa

      Francesca Sarzetto fai ridere…tu segui il tennis e scrivi sto stronzate??? Ma chi ti crede.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Romeo Pavidini - 4 settimane fa

      Francesco Azathoth Pastore se permetti io che seguo e pratico questo sport da trent’ anni, ti assicuro che é una delizia per gli occhi e una gioia per il cuore, seguire i match di Federer e non solo i suoi. Che giochi finche ne ha, per noi tutti amanti del tennis. Poi ognuno la pensi come vuole!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Francesco Azathoth Pastore - 4 settimane fa

      Ma anche io ovviamente apprezzo il gioco di Federer, ma i monopoli tolgono interesse a tutto il movimento….. L’importante è che il futuro del tennis non sia dei Raonic, Isner, ed altri tutto servizio e poco altro…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    9. Francesca Sarzetto - 4 settimane fa

      Romeo Pavidini non mi credi? No, davvero, ti assicuro, non lo sopporto proprio! Mia opinione comunque ovviamente

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy