Atp Finals: Buon esordio per Federer, sconfitto Berdych

Atp Finals: Buon esordio per Federer, sconfitto Berdych

Dopo Novak Djokovic esordio con vittoria anche per Roger Federer al Masters di Londra. Lo svizzero ha sconfitto il ceco Tomas Berdych in due set, col punteggio di 6-4 6-2.

Programma serale alla 02 Arena di Londra, con Roger Federer impegnato all’esordio contro il ceco Tomas Berdych, dopo che nel pomeriggio Novak Djokovic si è sbarazzato facilmente di Kei Nishikori, portandosi così avanti nel girone.

E’ Berdych che inizia il match al servizio e, fatta esclusione per un punto, il ceco domina il primo gioco grazie ad un paio di vincenti che sorprendono Federer. Dal canto suo, Roger non parte così bene alla battuta, numerosi errori ed altri vincenti di Berydch con l’elvetico troppo rinunciatario consegnano infatti il break a zero al ceco, che si porta così avanti 2-0.
Federer non si scompone ed il contro break è immediato. Roger alza il livello del tennis, mentre a sentire la pressione di dover confermare il vantaggio è Berydch, che a zero è lui a cedere la battuta e rimettere Federer nel match, con lo svizzero che non ci pensa un attimo a riportarsi in parità.
Federer è in versione “diesel” e, dopo i primi due giochi veramente pessimi, sale di intensità e si procura una doppia palla break per portarsi addirittura avanti. Berdych, a fatica, le annulla entrambe e si porta a casa il game, ma la crescita di Federer non sembra essere di buon auspicio per il ceco.
Lo svizzero soffre in battuta ed ha bisogno dei vantaggi per chiudere, mentre i due game che seguono si chiudono a 15, per il 4-4 e servizio Berdych. Qui, il numero 6  del mondo gioca un game sciagurato, con tre errori consecutivi di dritto ed il break è l’immediata conseguenza, con Federer che va servire per il set e non si fa scrupolo alcuno a chiudere a 15 il primo parziale, col punteggio di sei giochi a quattro, portando così a casa un set nonostante parecchie difficoltà ed un livello di tennis non sicuramente all’altezza di Federer, soprattutto nei primi giochi.

rogerr

Secondo set con Berdych al servizio, ma Federer, in crescendo dalla fine del primo set, sembra subito voler rompere gli indugi. Lo svizzero si spinge fino al 15-30, il ceco mette a segno un ace per il 30-30, con Roger che però si procura una palla break grazie ad un vincente di dritto e la prima è quella buona per un break immediato che sembra indirizzare subito il set.
Così è, Federer non sbaglia più nulla e la conferma del break è una pura formalità per il numero 3 del mondo che chiude a zero e, non contento, mette in difficoltà ancora una volta lo spento Berdych in battuta. Sul 30-30, il ceco si procura una palla game, ma non riesce a sfruttarla e si mette nelle mani di un Federer spietato: secondo break che sa di match point, soprattutto perchè confermato, ancora a zero, nel game successivo.
Berdych riesce a portarsi a casa un game sofferto per il punto della bandiera, mentre Federer, a trenta, tiene la battuta e costringe il ceco a servire per rimanere nel match. Una stecca di Roger concede al numero 6 il primo punto, mentre due tentativi di SABR mal riusciti e un gran dritto di Berdych fanno si che il ceco allunghi il match e si porti sul 5-2, ma Federer non trema e chiude per sei giochi a due il primo match del girone, portandosi così a ridosso di Novak Djokovic.
Per Roger, un esordio tranquillo, in crescendo, mentre per quanto riguarda Berdych il grosso problema è stato indubbiamente quello della prima di servizio, in quanto un 44% di prime in campo, contro Federer, ti condanna nel 99% dei casi.

[3] R. Federer b. [6] T. Berdych 6-4 6-2 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy