Atp Miami: avanzano Cilic, Schwartzman e Raonic. Fuori Goffin e Bautista-Agut

Atp Miami: avanzano Cilic, Schwartzman e Raonic. Fuori Goffin e Bautista-Agut

Il resoconto della prima sessione di gare odierna.

di Federico Gasparella

Buon esordio di Cilic – La testa di serie numero due del seeding, Marin Cilic, ha superato Pierre-Hugues Herbert con il punteggio di 7-5 6-3. Il tennista di Medjugorje ha avuto un buon avvio di gara. Grazie ad una serie di pregevoli azioni offensive, effettuate di risposta al servizio dell’avversario, si è aggiudicato un break in apertura. Il francese, di contro, ha sofferto oltremodo i ritmi imposti da Cilic. Ma nei game successivi si è espresso con maggiore efficacia e costanza, tanto da riuscire a recuperare il break di ritardo all’ottavo gioco. Tuttavia, proprio alla fine della frazione, all’undicesimo game, il croato ha trovato l’allungo decisivo, guadagnandosi il break e vincendo il set. All’inizio della seconda partita, Herbert ha perso un po’ di lucidità, risultando in diverse circostanze falloso e poco reattivo negli spostamenti laterali. Cilic si è così avvantaggiato di un break raggiunto in apertura. Infine, sul 5-3 in suo favore, ha costretto l’avversario a cedergli un altro break e la gara.

Sousa domina Goffin – Il tennista belga, testa di serie numero sette del tabellone, si è presentato in questa competizione assai lontano dalla forma migliore. E’ probabile che abbia voluto anticipare i tempi di recupero dall’infortunio, al fine di testare e valutare il suo livello di gioco. Ma i risultati sono stati pessimi. Nella sfida che l’ha visto contrapposto a Joao Sousa è come se non fosse sceso in campo. In meno di un’ora ha subito un perentorio 6-0 6-2. In particolare, si rivelato spesso in ritardo nell’esecuzione dei colpi e poco reattivo nei movimenti laterali. Solamente all’inizio del secondo set, è riuscito a piazzare qualche vincente e a rendere meno gravoso lo score definitivo, realizzando almeno due game.

Avanzano senza problemi Schwartzman e Raonic  – Diego Schwartzman si è imposto nettamente su Nicolas Jarry, con il punteggio di 6-3 6-1. Il confronto si è svolto in maniera equilibrata sino alla metà della prima partita. Poi l’argentino ha aumentato i ritmi del proprio gioco, prendendo inesorabilmente l’iniziativa e concedendo sempre meno occasioni all’avversario. In merito alla seconda frazione, si è rivelata un vero e proprio assolo da parte di Schwartzman, il quale ha concluso in maniera favorevole gran parte dei duelli fa fondo campo. Il tennista cileno non ha potuto fare altro che tentare delle velleitarie azioni di recupero, senza trovare gli spazi necessari per poter contrattaccare. Per quanto riguarda Milos Raonic, il canadese ha avuto ragione di Mikael Ymer, infliggendogli un doppio 6-3. Raonic si è rivelato devastante all’interno dei propri turni di battuta, realizzando numerosi vincenti direttamente con la prima palla, eseguita spesso a velocità davvero sostenute. Nel corso degli scambi non ha dato la possibilità al suo avversario di prendere il ritmo, variando di frequente il gioco e praticando improvvise accelerazioni, soprattutto di diritto. Con due break raggiunti al terzo e al nono gioco, ha vinto agevolmente la prima partita. La seconda frazione si è svolta sulla falsariga della precedente e si è risolta con un break guadagnato da Raonic al secondo gioco. In conclusione, relativamente al confronto tra Roberto Bautista-Agut e Michael Mmoh, lo spagnolo si è dovuto arrendere al giovane tennista scandinavo. Dopo aver ceduto la prima partita al tie break, Bautista-Agut ha pareggiato il conto dei parziali e poi ha tentato di completare la rimonta nel parziale decisivo. Ma in occasione fasi salienti, il giovane tennista svedese si è rivelato più lucido, tanto da portarsi in vantaggio di un break e di chiudere la gara favorevolmente. Il punteggio definitivo è stato: 7-6(4) 2-6 6-4.

Gli altri risultati:

[22] F. Krajinovic – L.Broady 6-3 6-2

R. Gasquet – J. Chardy 5-7 1-6

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy