ATP Miami: un Roger Federer immenso sconfigge ancora Rafa Nadal e torna a trionfare in Florida dopo 11 anni

ATP Miami: un Roger Federer immenso sconfigge ancora Rafa Nadal e torna a trionfare in Florida dopo 11 anni

Sembra non conoscere più la sconfitta Roger Federer, che mette la ciliegina sulla torta di questo straordinario inizio di 2017 completando la tripletta Australian Open-Indian Wells-Miami, grazie al quarto, incredibile successo consecutivo sull’eterno rivale Nadal in finale: lo svizzero, reduce da un tabellone decisamente più complicato, ha offerto un’altra prestazione perfetta e, approfittando anche dei tanti errori dello spagnolo, spento e un poco sconfortato, è tornato ad alzare un trofeo in Florida dopo 11 anni di digiuno.

Mancano ormai le parole per descrivere quanto sta facendo, in questo storico inizio di 2017, Roger Federer, che a poco meno di trentasei anni e dopo una lunga e dispendiosa carriera sta vivendo una vera e propria seconda giovinezza: tornato nel circuito dopo sei mesi di stop, lo svizzero ha superato sé stesso completando una impressionante tripletta Australian Open-Indian Wells-Miami, inimmaginabile solo fino a pochi mesi fa, grazie al quarto successo consecutivo ai danni dell’eterno rivale Rafael Nadal, che deve arrendersi nuovamente di fronte all’aggressività e al tennis brillante del “Maestro”.

[4]R.Federer b. [5]R.Nadal 6-3 6-4

ROGER SEMPRE PIU’ “RE”- Era l’incontro più atteso, la sfida preannunciata già la settimana scorsa, subito dopo il sorteggio, e questa volta ci si aspettava battaglia. Alla fine, però, il capitolo numero 37 dell’epica rivalità tra Roger Federer e Rafa Nadal, i due tennisti che hanno maggiormente segnato gli ultimi dieci anni del nostro sport, si è rivelato nuovamente, come l’ultima volta ad Indian Wells, a senso unico in favore dell’elvetico, che pare proprio aver trovato, ormai, una chiave per scardinare la corazza del proprio avversario e spezzare quel tennis che tanti dispiaceri gli ha inflitto in carriera. Le rotazioni, la solidità da fondo campo e l’inscalfibile difesa di un tempo sembrano ricordi sbiaditi, dinanzi all’aggressività, alla brillantezza fisica e all’estrema precisione del gioco di “Re Roger”, sempre più protagonista in una stagione che lo sta incoronando sempre di più come indiscussa leggenda, ancora più di quanto già non lo fosse: non sono solo i successi straordinari agli Australian Open, ad Indian Wells e adesso anche a Miami, dopo più undici anni, a rendere questi primi tre mesi di 2017 indimenticabili per lui, ma soprattutto la sua capacità da vero fuoriclasse di reinventarsi e la motivazione di spendere ancora tutte le proprie energie, dopo aver vinto più di quanto ogni giocatore potrebbe mai sognare, sul campo.

Non sono bastate le grandi prestazioni di Tomas Berdych e Nick Kyrgios ad affondarlo, ma al contrario lo svizzero, che è apparso qui a Miami quasi protetto da un’aurea di invincibilità, ha saputo superare anche le situazioni più complesse con una forza mentale invidiabile, che probabilmente tifosi e addetti ai lavori non credevano avesse, e si è preso con determinazione il terzo trionfo in Florida, dove era a digiuno di trofei dall’ormai lontano 2006, quando sconfisse nell’atto decisivo colui che è oggi seduto sulla sua panchina, e che è probabilmente artefice, in parte, della sua rinascita, Ivan Ljubicic. E questa volta ha davvero superato se stesso, perché, a differenza delle due sfide precedenti contro Nadal, arrivava alla finale stanco dopo due intensi mesi e dopo un tabellone ostico. L’iberico, probabilmente, non è stato in grado di sfruttare un’occasione favorevole e di approfittare delle fatiche del rivale, sembrando, durante tutto l’incontro, sconfortato e remissivo più del solito: sebbene il risultato sia stato meno severo rispetto al travolgente 6-1 6-2 di Indian Wells, infatti, e sebbene si sia guadagnato anche qualche chance di strappare il servizio, Rafa è sempre mancato nei momenti decisivi e non è riuscito a trovare le contromisure alla “nuova versione” di Federer, contro cui le sue armi non hanno più alcun effetto. Il risultato, dunque, non poteva che essere un’altra sconfitta per Nadal, che vede sfumare per la terza volta la possibilità di guadagnarsi il primo trionfo a Miami.

ROGER SOFFRE MA CONQUISTA IL PRIMO SET- Roger Federer sapeva bene che quest’oggi l’impegno sarebbe stato ben più difficile della passeggiata di salute di Indian Wells, e se ne è probabilmente reso contro già nel primo gioco, in cui, al servizio, ha ottenuto pochi punti con la prima e si è ritrovato costretto ad annullare immediatamente una palla break: come ha dimostrato in Australia e in Florida, però, quest’anno lo svizzero è estremamente lucido e freddo nei momenti più importanti, e con soluzioni brillanti riesce a tirarsi fuori anche da questa complicata situazione. Nadal sembra non subire il colpo, ma anzi si mantiene attaccato nel punteggio, ma anche lui, dopo pochi minuti, subisce le accelerazioni del rivale e deve fronteggiare il pericolo di un break, riuscendo, però, a sua volta a salvarsi. Il primo parziale prosegue sulla scia dei servizi, con entrambi gli avversari che riescono a farsi pericolosi in risposta e a insidiare i turni di battuta altrui;  a fare la differenza alla fine, però, è la maggiore cattiveria agonistica e determinazioni dell’elvetico, capace di convertire, nel fatidico settimo gioco, le proprie chance, e a inanellare tre giochi consecutivi che gli permettono di archiviare la prima frazione con un lottato, ma netto 6-3.

NADAL SI ARRENDE- Paradossalmente, ciò che, fino a poche stagioni fa, era il punto di forza e la maggiore certezza di Rafa è oggi un punto di grande debolezza: la forza mentale e spietata lucidità che negli anni migliori lo sosteneva nei momenti più duri, quest’oggi, sotto il caldo asfissiante e la pressione costante di Roger, è venuta meno, e negli occhi dell’iberico è scomparso lo sguardo “cattivo”, sostituito da un’espressione quasi arrendevole. L’inizio del secondo set appare più equilibrato, con entrambi che difendono senza troppi problemi il servizio ma, allo stesso tempo, non si avvicinano a palla break né mettono in difficoltà il rivale. Il primo sussulto arriva però nuovamente nel settimo game, quando sul 3 pari Federer tenta il tutto per tutto e si issa di nuovo alla chance di strappare la battuta, venendo però respinto dallo spagnolo, che finalmente trova una seppur timida reazione e rimanda l’assalto al mittente con una palla corta e un vincente di rovescio. La svolta, tuttavia, è solo rimandata, e l’inesorabile conclusione giunge poco dopo sul 4 pari, con un nastro elvetico che regala l’ennesima palla break a Roger e un errore di dritto che segna la resa del maiorchino: il decimo gioco si rivela per Federer una pura formalità, e il Re può infine alzare le braccia al cielo, e festeggiare il terzo titolo a Miami e il novantunesimo di una carriera sempre più straordinaria

28 commenti

28 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Andrea Manelli - 5 mesi fa

    Elegantemente cannibale!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Enrico Filippini - 5 mesi fa

    la vera finale è stata con nick!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Daniela Casaglia - 5 mesi fa

    Non facciamo paragoni, godiamocelooo! Roger e’ Roger

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mirko Cappilati - 5 mesi fa

    Alberto Larghi si parla di federer e subito nasce il confronto. Ancora con ste storie . Ogni sportivo di qualsiasi giocatore elogia federer

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Davide Buschi - 5 mesi fa

    ragazzi qui non si parla di chi uno preferisce, nadal,djokovic, murray chiunque esso sia qui si parla del tennis fatta persona anche se oggi non ha fatto la sua miglior partita ha dimostrato ancora una volta di essere il migliore di sempre, a 36 anni sta insegnando ancora tennis a tutti, ha fatto due maratone prima di arrivare in finale una di questa con un 21enne oggi si giocavo sotto un caldo bestiale, basta vedere nadal che pareva appena uscito dall acqua, e poi basta il punto sullo 0/15 dell ultimo game , tutto il resto è noia. GRAZIE ROGER

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Giuseppe Aiossa - 5 mesi fa

    The King Roger Federer

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Alberto Larghi - 5 mesi fa

    La tripletta Nole l ha fatta 3 volte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio Prencipe - 5 mesi fa

      Ma come fa a divertiri Nole……non ti rompi i coglioni! !!inchinatevi al re!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Antonio Crudele - 5 mesi fa

      Se riuscirà a farla a 36 anni, mi inchinerò anche a Nole. A 36 anni i vari Murray, Djokovic e Nadal non arriveranno da campioni ancora competitivi, perché basano il loro tennis solo sulla forza fisica (perché a quell’età, se non hai classe da vendere, non riesci assolutamente ad essere competitivo contro gente si 5, 6, o addirittura 10 anni più piccola di te). Per essere competitivi a quell’età ci vuole una classe innata, unita anche ad una buonissima forma fisica. Roger le ha entrambe…gli altri, dubito riusciranno…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Kimerus - 5 mesi fa

      E Roger quante volte ti sembra l’abbia fatta? 2005 – 2006 – 2017. Tre volte, proprio come Nole.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Il meglio !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Alessandra Bragion - 5 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Alessandra Bragion - 5 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Alessandra Bragion - 5 mesi fa

    Mitico ! Certi colpi li fa solo lui !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Sergio Pagani - 5 mesi fa

    Si è vero…la partita non è stata bella come molte finali del resto….ma per arrivarci a questa finale a 36 anni…viva Federer…e viva anche Nadal…sono i “signori del tennis”!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Luisa Colombo - 5 mesi fa

    Roger non è Fabio Fognini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Francesca Mazzitelli - 5 mesi fa

    Che abbia vinto ok ,ma immenso ?hanno giocato male entrambi e la partirà decisamente brutta !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Todisco - 5 mesi fa

      Hai visto il torneo e il tabellone di Roger?Hai visto cosa ha fatto in 3 mesi dopo 6 mesi di stop a 36 anni???Immenso è poco….La finale è un dettaglio e andava vinta. E così è stato!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Francesca Mazzitelli - 5 mesi fa

      Nel post si parla della partita ;ho commentato in quel senso

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Andrea Todisco - 5 mesi fa

      Nel post si parla del 2017 di Federer a quanto leggo….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Francesca Mazzitelli - 5 mesi fa

      Solo all inizio poi si parla della partita ,la prossima volta sarò più precisa visto che non sei il primo che si risente del mio commento

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Andrea Todisco - 5 mesi fa

      Non si tratta di risentimento….Si tratta di essere oggettivi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Francesca Mazzitelli - 5 mesi fa

      Ho commentato la partita che ho trovato molto brutta ,più obbiettiva di così …

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Paolo Pegorari - 5 mesi fa

    Il RE c’è…. evviva il RE….
    E gli altri si inchinino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Andrea Todisco - 5 mesi fa

    Dove sono quelli che oggi proclamavano che avrebbe preso una stesa da Nadal????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Luigi Piscitelli - 5 mesi fa

    Inchiniamoci al maestro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Maurizia Guidi - 5 mesi fa

    Grande Roger’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Anna Altieri - 5 mesi fa

    Grandissimo Federer!uno spettacolo vederlo giocare

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy