Atp Montpellier/Quito: bene Gasquet e Tsonga, delude Lopez. Accedono ai quarti di finale Lorenzi ed un fantastico Gaio

Atp Montpellier/Quito: bene Gasquet e Tsonga, delude Lopez. Accedono ai quarti di finale Lorenzi ed un fantastico Gaio

In Francia, molto bene i francesi, ben 5 ai quarti, tra i quali Gasquet e Tsonga. Proveranno a fermarli i tedeschi Zverev e Brown. In Ecuador, un ottimo Paolo Lorenzi vince e stacca il biglietto per i quarti, mentre continua a convincere Ram; un incredibile Gaio annulla quattro match point e vince 76 al terzo

Commenta per primo!

Il torneo di Montpellier si è rivelato essere il tornei dei francesi poichè, nella giornata odierna, si sono disputati i 7 match che avrebbero assegnato i restanti posti nei quarti di finale. Ben 5 di questi match sono stati vinti da francesi, alcuni anche in un derby, e quasi tutti hanno riservato sorprese e sono stati di alto livello. Il programma di gioco ha avuto inizio alle 12 quando, sul Patrice Dominguez sono scesi in campo Alexander Zverev e Bedene, e sul Campo 1 c’è stato il derby tra Chardy e Mathieu. Sul campo più importante, il match è stato più complicato del previsto per il tedesco, il quale, dopo aver rischiato di perdere il primo parziale, ha ceduto nel secondo ed è riuscito a spuntarla solo 64 al terzo; sul secondo campo in ordine d’importanza, invece, nonostante i tre set, il match ha avuto un andamento piuttosto diverso poichè, nel primo parziale, Mathieu ha vinto 63 al settimo set point, mentre nel secondo il tennista 35enne ha assistito ad una veloce rimonta di Chardy, vincitore 61 in soli 25 minuti. Nel set decisivo, il tennista di Strasburgo può avere molto da recriminare, soprattutto nei primi 4 games dove non ha sfruttato ben 5 palle break, a differenza del suo avversario al quale è bastata la seconda chance per conquistare un break, rivelatosi poi decisivo ai fini del parziale, conclusosi 64. Successivamente, sono scesi in campo il francese Gasquet, terza tds, ed il tunisino Jaziri, i quali hanno dato vita ad un match rocambolesco dove, nel primo set, l’attuale 22 al mondo, si è fatto rimontare due break prima di chiudere 75, mentre nel secondo, tra palle break e games combattuti, sono bastati 8 giochi per permettere al transalpino di vincere 62. Un altro match interessante è stato quello disputato sul Campo 1, tra il beniamino di casa, De Schepper e l’ostico ucraino Marchenko. La partita non è stata piena di colpi di scena, infatti entrambi i set sono terminati al tie-break, nonostante nel primo parziale, il tennista residente a Donetsk, non abbia sfruttato un set point sul 54 e due palle break importantissime sul 65. Alla fine, il qualificato francese ha vinto entrambi i tie-break ed ha portato a casa un match dalla fondamentale importanza. Il programma diurno sta volgendo al termine, però manca ancora un match, che vede opposti lo spagnolo Lopez e Benoit Paire. I due danno vita ad un’ora e mezza di buon tennis, terminato con la vittoria in due set del francese, il quale incamera il primo parziale grazie ad un solo break, mentre vince il secondo con una grandiosa rimonta nel tie-break.

Comincia il programma serale in Linguadoca, ed il match d’apertura, a dire la verità, delude un po’ le aspettative, poichè il giovane Herbert non riesce ad impensierire minimamente Tsonga, che domina il match, lasciando solo 3 games al suo avversario, il quale è costretto ad arrendersi in meno di un’ora. Il secondo match, al contrario, si rivela molto più interessante, soprattutto grazie al momentaneo leader della Race to Milan, Daniil Medvedev, che soprende Verdasco, ottava tds. Il primo set finisce nelle mani del russo con il punteggio di 63 grazie ad un doppio break, mentre il secondo è vinto con una rimonta non indifferente, condita da 4 giochi consecutivi, vinti dal 32 in favore dello spagnolo.

In Ecuador, il programma odierno è cominciato nel migliore dei modi per l’Italia, infatti, il primo match del programma, vedeva impegnato Paolo Lorenzi, il quale ha superato in poco più di un’ora l’australiano Ebden, grazie ad un break per set, issando il risultato sul 64 64. Successivamente, è stato il turno di Rajeev Ram, che cercava di confermare l’ottimo match del turno precedente, contro l’ucraino Dolgopolov, ed oggi è riuscito a non deludere le attese contro Nicolas Kicker. Il match è stato privo di sorprese e, non a caso, c’è stato un solo break, andato nelle mani di Ram, che ha confermato di esser sempre stato in controllo del match, vincendo 76 (5) 63. Ottima vittoria anche per Federico Gaio, che ha sorpreso l’austriaco Gerald Melzer, vincendo un match combattutissimo, finito solo al tie-break del terzo set, per di più annullando addirittura quattro point al più piccolo dei fratelli Melzer sul 54; per quanto riguarda i match di ieri sera, non ci sono stati colpi di scena, infatti hanno vinto le tds Bellucci e Ramos Vinolas, mentre ha perso la wild card Lapentti, sconfitto da Carballes Baena.

Atp Montpellier- Secondo turno

B Paire d (5/W) F Lopez 64 76 (5)

(3) R Gasquet d M Jaziri 75 62

(Q) K De Schepper d I Marchenko 76 (9) 76 (2)

J Chardy d P Mathieu 36 61 64

(4/W) A Zverev d A Bedene 75 36 64

D Medvedev d (8) F Verdasco 63 63

(2) J Tsonga d P Herbert 61 62

Atp Quito- Secondo turno

R Ram d N Kicker 76 (5) 63

(3) P Lorenzi d M Ebden 64 64

(4) T Bellucci d (W) J Tipsarevic 76 (8) 76 (2) (disputata ieri)

(Q) R Carballes Baena d (W) G Lapentti 63 64 (disputata ieri)

(2) A Ramos-Vinolas d (Q) A Falla 62 75 (disputata ieri)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy