Atp Parigi Bercy: Djokovic avanza senza convincere, crolla Tsitsipas

Atp Parigi Bercy: Djokovic avanza senza convincere, crolla Tsitsipas

Dopo un pessimo primo set, ma comunque portato a casa, il serbo domina il secondo ed esce vittorioso dal match d’esordio contro Joao Sousa. Nel turno seguente, Nole se la vedrà con Dzumhur, che ha sconfitto a sorpresa Tsitsipas.

di Antonio Sepe

NOLE C’È- Non era certo questo l’esordio che ci sia aspettava da Novak Djokovic, che ha comunque sconfitto Sousa, ma lo ha fatto offrendo una delle peggiori prestazioni negli ultimi mesi a questa parte. Da Wimbledon in poi, infatti, il serbo aveva perso solamente contro Tsitsipas a Toronto, ma, a dir la verità, quella sconfitta ci poteva stare date particolari circostanze; quest’oggi, invece, nonostante la vittoria sia arrivata, non ci sono state scuse per Djokovic, ad eccezione del fatto che fosse leggermente raffreddato o che avesse qualche piccolo problema fisico, che non può essere soddisfatto della sua prova, piena di errori e di imprecisioni e soprattutto caratterizzata da un pessimo rendimento con il servizio. Per sua fortuna, il suo avversario è riuscito a fare peggio, sfruttando una sola palla break ed alternando buone soluzioni a banali gratuiti, che alla lunga lo hanno condannato. In un’ora e 34 minuti di gioco, dunque, il tennista di Belgrado si impone ed approda al terzo turno, dove non troverà Tsitsipas, ultimo giocatore capace di batterlo, bensì il bosniaco Dzumhur, che non ha ancora mai sfidato in carriera. Rimane, invece, invariato il bilancio degli scontri tra Sousa e Djokovic, anzi si aggrava il bilancio a discapito del portoghese, che in sei incontri non è riuscito a vincere nemmeno un set ma, come magra consolazione, almeno quest’oggi è riuscito ad arrivare a 5 giochi vinti in un singolo set. 

PRIMO SET- Come da pronostico e come accaduto già in buona parte dei precedenti, Djokovic è partito subito forte e, dopo quattro giochi, era già avanti di un break. I tanti errori e la poco continuità però si sono subito palesati e, dopo essersi salvato annullando quattro palle break di cui tre consecutive, Nole non ha potuto nulla nel turno di servizio seguente, dove ha ceduto il servizio addirittura a zero. Incapace di uscire da questo momento di black out, il serbo ha sprecato anche le quattro palle break a disposizione nell’ottavo game e si è complicato la vita in maniera incredibile. Di fatto, la partita è girata quando, sul 5 pari, Sousa ha sbagliato un passante non impossibile che lo avrebbe portato a servire per il set; annullata questa palla break, infatti, Djokovic si è un po’ ripreso ed ha chiuso il set con lo score di 7-5, riuscendo persino ad evitare il tie-break.

Novak Djokovic
Novak Djokovic

SECONDO SET- Nel secondo parziale, invece, la musica è cambiata e Nole è salito in cattedra, innalzando il livello del suo tennis e costringendo sempre più spesso il suo avversario all’errore. Nonostante una prestazione ancora non perfetta e con qualche dettaglio da rivedere, l’attuale numero due al mondo si è portato sul 5-0, e dunque in vantaggio di due break, in maniera piuttosto rapida e, malgrado un settimo game abbastanza lungo e combattuto, è riuscito a portare a casa il set per 6 giochi a 1. Per non farsi mancare nulla, Djokovic ha fatto anche da infermiere quando, tra il sesto ed il settimo gioco, uno spettatore si è sentito male ed il serbo gli ha passato un asciugamano, attendendo insieme all’arbitro l’arrivo dei medici. Si chiude, quindi, in maniera positiva questa prima giornata di fatica per Djokovic, in lotta per la prima posizione del ranking mondiale ed intenzionato a terminare la stagione nel migliore dei modi. 

ALTRI MATCH- Nei restanti incontri, sconfitta a sorpresa per Tsitsipas che, probabilmente giunto stanco al penultimo appuntamento della stagione – il greco giocherà le NextGen Finals a Milano – non è stato in grado di esprimere il suo miglior tennis e si è arreso in due set al bosniaco Dzumhur. Match piuttosto a senso unico che Tsitsipas ha lasciato andar via piuttosto velocemente, cedendo dopo poco più di un’ora il passo al suo avversario, che grazie a questa vittoria farà ritorno in Top 50. Il match del giorno, però, almeno per quanto riguarda la sessione diurna, ha visto protagonisti Raonic e Tsonga, che si sono dati battaglia per tre set estremamente combattuti, nonché terminati tutti al tie-break, con il canadese che l’ha spuntata dopo quasi tre ore, chiudendo al terzo match point. Infine, il derby francese se lo aggiudica Gilles Simon, che sta disputando un gran finale di stagione, vittorioso ai danni del connazionale Pouille, il quale al contrario è stato protagonista di una parabola discendente che lo ha portato fuori dai primi 30 del mondo.

Atp Parigi Bercy – Risultati

[2] N. Djokovic b. [Q] J. Sousa 7-5 6-1

D. Dzumhur b. [14] S. Tsitsipas 6-3 6-3

G. Simon b. L. Pouille 6-3 6-4

M. Raonic b. [WC]  J. Tsonga 6-7 [4] 7-6 [5] 7-6 [5]

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giovanni Picciuti - 4 mesi fa

    Il più forte muti!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Antonietta Brugnola - 4 mesi fa

    Adesso arriva l’aiutino e vedrete come vince…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mirko Aschiero - 4 mesi fa

      Antonietta Brugnola l’aiutino

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Goran Jankov - 4 mesi fa

    Titolo del cazzo, Quando serviva Nole ha vinto 7 Game di fila, lo ha asfaltato in quelli 7 game, dal 5-5 del primo set fino al 5-0 del secondo set, nole ha vinto 7 game di fila.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mark Falzon - 4 mesi fa

    Non era al meglio perche se era cosi aveva vinto in un ora

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy