Atp Parigi Bercy: male Johnson e M.Zverev, Mahut col brivido

Atp Parigi Bercy: male Johnson e M.Zverev, Mahut col brivido

Si chiude nel peggiore dei modi l’ultimo torneo dell’anno per Steve Johnson e Mischa Zverev: il primo ha raccolto tre giochi contro Haase, mentre il secondo solamente due contro il Next Gen Chung. Mahut sconfigge al tie-break del terzo Pospisil, Gojowczyk avanza ai danni di Harrison.

Commenta per primo!

MALE IL TEAM USA- Non comincia decisamente bene la spedizione americana a Parigi Bercy poiché ben due giocatori sono già stati estromessi dal torneo, lasciandone dunque in corsa solamente 3. Le due sconfitte, però, non possono essere considerate allo stesso modo, anzi possiamo affermare che hanno un peso diverso, sia per come sono maturate, sia per ciò che ci si aspettava alla vigilia. Steve Johnsono ha infatti rimediato una batosta inaspettata contro Robin Haase, che ha dominato dall’inizio alla fine ed ha messo in crisi il tennista americano, che ha vagato per il campo senza meta, riuscendo a portare a casa solamente 3 games e mettendo quindi fine ad una stagione piuttosto difficile, anche a causa di problemi familiari che lo hanno condizionato. Meno amara, invece, la sconfitta di Ryan Harrison, che ha perso in due set dal lucky loser Gojowczyk, ma a dir la verità non ha molto da rimporverarsi se non il tie-break del primo set, terminato 75 in favore del tedesco, dove forse Ryan avrebbe potuto fare qualcosa in più, ma nel complesso quella di Harrison resta una stagione più che discreta, non a caso é arrivata la prima affermazione in carriera, a Memphis, e la Top 50 è ormai diventata la sua casa in quanto vi rimane in pianta stabile. 

PROMOSSI MAHUT E CHUNG- Come ben sappiamo, a breve cominceranno le Next Gen Finals, e Hyeon Chung non poteva scegliere un modo migliore per prepararsi al meglio ed affrontare una lunga maratona che durerà, si spera per lui, ben 5 giorni. Il coreano, quest’oggi, ha infatti surclassato Mischa Zverev, che ha vinto solamente 2 giochi ed è uscito dal campo piuttosto frastornato. Malgrado la prestazione di Chung fosse molto convincente, c’è da dire che il tedesco non ha offerto un bello spettacolo, ma guardando quanto fatto da gennaio fino ad oggi, il fratello maggiore della famiglia Zverev non può che sorridere ed essere fiero di quanto fatto finora. Decisamente più rocambolesca la vittoria ottenuta da Nicolas Mahut, che ha onorato al meglio la wild card concessagli dagli organizzatori e, nonostante non sia più un ragazzino bensì abbia 35 anni, ha vinto una battaglia di 2 ore e 36 minuti contro il qualificato Pospisil. Dopo un primo set dal sapore amaro per il francese, che si era fatto recuperare il break conquistato in apertura ed aveva ceduto con il punteggio di 75, la musica è cambiata e Nicolas non ha più offerto palle break, riuscendo ad evitare il pericoloso tie-break del secondo set, vincendolo con lo stesso punteggio del primo, e trionfando al tie-break del terzo parziale, chiuso 7 punti a 4 grazie ad un solo mini-break di differenza.

Atp Parigi Bercy – Primo turno

Haase d Johnson 62 61

Chung d M.Zverev 60 62

Gojowczyk d Harrison 76 (5) 63

Mahut d Pospisil 57 75 76 (4)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy