ATP Quito, la maratona la vince Estrella Burgos. Sconfitto Lorenzi in oltre 2 ore e mezza di gioco

ATP Quito, la maratona la vince Estrella Burgos. Sconfitto Lorenzi in oltre 2 ore e mezza di gioco

È ancora Estrella Burgos a portare a casa il titolo di Quito, bissando il successo dell’anno scorso. Si arrende per un pugno di punti Paolo Lorenzi, artefice di un match assolutamente di livello e giocato alla pari del suo avversario.

Niente da fare per Paolo Lorenzi, che alla sua terza finale in carriera stecca l’appuntamento con la vittoria, per un soffio. Match molto equilibrato, deciso forse dalla poca freddezza nei momenti topici e da alcune situazioni, specie nel terzo set, che avrebbero potuto cambiare l’andamento del match.

SUL FILO DI LANA – Primo set che fin dai primi scambi lascia intravedere quello che sarà l’andamento dell’incontro. Entrambi molto in fiducia con il servizio, che concedono poco o nulla all’avversario durante i propri turni di battuta. Partita che stenta a prendere una direzione e, come è ovvio che sia in questi casi, è il tie-break a deciderne le sorti. Anche qui la cosa sembra andare per le lunghe, almeno finché Lorenzi non riesce con maestria a strappare due servizi decisivi al suo avversario e a portare a casa il primo parziale in 45 minuti di gioco. Nel secondo set arriva subito un break in apertura, che promette un maggiore numero di emozioni. È Paolino a passare avanti per primo, alla quarta palla break conquistata. Poco dopo ancora una chance per raddoppiare il vantaggio, ma Estrella si scuote e porta a casa il game. Break fallito, dunque, e poco dopo break subìto, visto che nell’ottavo game il senese non riesce ad arginare il dominicano alla risposta e concede il controbreak. Ristabilita la parità, tutto sembra far pensare a un altro tie-break, ma stavolta Estrella non ha nessuna intenzione di aspettare e nel dodicesimo game porta a casa il set, mettendo a segno un magistrale break.

RIMPIANTI –  È il terzo set e tutto viene riazzerato. Di nuovo turni di servizio facili, che non regalano troppe emozioni fino al sesto game, dove il giocatore centroamericano riesce a strappare un break dal sapore di vittoria. Tutto annullato da un grande Lorenzi, che non aspetta nulla per recuperare immediatamente il maltolto. Dopo questa folata di emozioni si ritorna al perfetto equilibrio, e anche stavolta nulla riesce a romperlo, se non il tie-break. La palla inizia a pesare per entrambi, ma il primo passo falso è di Lorenzi, che cede il minibreak. Poco male visto che immediatamente dopo recupera lo svantaggio, e per primo riesce ad andare a match point. Estrella annulla con il servizio e si porta a sua volta a un punto dalla vittoria. Stavolta Lorenzi non è freddo come al solito e finisce per concedere il punto e il match al suo avversario.

Braccia al cielo per Estrella, che a 36 anni conferma il titolo dell’anno scorso e i 250 punti in classifica, un bel bottino per il proseguo della stagione. Tanti rimpianti per Lorenzi, a cui va l’onore di aver disputato un signor match, deciso da pochissimi colpi ed episodi.

V. Estrella Burgos b. [3] P. Lorenzi 6-7(2) 7-5 7-6(6)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy