ATP Shenzhen/Chengdu: Sascha Zverev eliminato da uno Dzumhur quasi perfetto

ATP Shenzhen/Chengdu: Sascha Zverev eliminato da uno Dzumhur quasi perfetto

Il tedesco, in una delle sue peggiori versioni del 2017, ha perso in due set contro il bosniaco che ha giocato un ottimo match. Goffin si è guadagnato la semifinale vincendo contro Young. A Chengdu, nel frattempo, avanza Guido Pella.

di Jacopo Crivellari, @JacoCrivellari

La grande sorpresa della giornata (e forse della settimana) arriva dritta da Shenzhen, città nella provincia di Guangdong sede del torneo ATP 250 che si sta tenendo in questi giorni presso il Longgang Sports Center. Alexander Zverev ha perso due set a zero contro Damir Dzumhur. La notizia, all’apparenza, potrebbe sembrare sorprendente, ma non lo è affatto per come si è svolto il match. Il Sascha che abbiamo visto oggi sul cemento blu cinese è stato probabilmente il peggiore dell’anno, mentre Dzumhur ha giocato una delle sue migliori partite nel 2017. Il primo set è stato molto divertente, Zverev ha concesso una palla break nel primo gioco, che è riuscito ad annullare, e ha breakkato nel game successivo. Il bosniaco non è stato a guardare ed ha trovato la forza di contro-breakkare subito dopo, riportando il match in un equilibrio precario, che si è nuovamente rotto nel successivo turno di battuta di Sascha, quando Damir è passato in vantaggio strappandogli il servizio per la seconda volta nel set. Zverev ha poi dovuto quasi impotentemente assistere alla fine del primo set che lo ha visto perdere per 6-4. Dzumhur ha concesso davvero poco, è stato sempre efficace e cinico nei punti importanti. Zverev, invece, sotto gli occhi preoccupati del padre, ha infilato una notevole serie di errori non forzati (che ha continuato nel secondo set) che non gli hanno permesso di esprimere al meglio le potenzialità del suo tennis. La seconda frazione si è aperta col tedesco che sembrava essere riuscito ad ingranare e a trovare le contromisure a Damir: il break nel quarto game lo aveva portato a condurre 4-1. Da quel momento, Alexander è sparito e ha concesso terreno all’avversario, che non si è fatto pregare ed ha riportato il match in parità in un batter d’occhio. Sul 5-5, Zverev ha avuto tre palle-break per andare a servire per il match: le prime due sono state annullate con maestria da Dzumhur, mentre la terza è stata malamente sprecata da Sascha, che ha mandato un rovescio interlocutorio in corridoio. Il tennista di Sarajevo ha quindi tenuto il servizio e, manco a dirlo, ha breakkato Zverev nel game successivo, assicurandosi la possibilità di servire per il match: turno di battuta tenuto a zero, aiutato sul primo match point da un rovescio incrociato di Zverev finito in rete, emblema della condizione odierna del tedesco.

Dzumhur dà seguito alle recenti ottime prestazioni centrando quindi una semifinale quasi insperata, in cui affronterà Dolgopolov.

Per quanto riguarda il restante quarto di finale della parte bassa del tabellone, Goffin si è imposto per due set a zero in un’ora e quattro minuti su Young. In semifinale, domani, se la vedrà con il finlandese Laaksonen.

ATP Shenzhen, quarti di finale:

[6] D. Dzumhur b. [1] A. Zverev 6-4 7-5

[2] D. Goffin b. [8] D. Young 6-2 6-3

Per quel che concerne il torneo di Chengdu, Guido Pella ha vinto abbastanza agevolmente in due set contro Taylor Fritz. Dopo un primo set combattuto in cui l’argentino si era trovato sotto di un break e in cui ha poi vinto al tie-break, il secondo è scivolato via molto più velocemente e si è concluso sul punteggio di 6-2.

L’ultimo quarto in programma è stato interrotto per pioggia, mentre Baghdatis era nettamente in vantaggio su Yen-Hsun Lu. Il cipriota ha vinto il primo parziale 6-3 e stava conducendo anche nel secondo 5-2.

ATP Chengdu, quarti di finale:

G. Pella b. T. Fritz 6-3 7-6(3)

M. Baghdatis – Lu Yen-Hsun 6-3 5-2 [interrotta]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy