Atp Sofia: quarto titolo in carriera per Medvedev, ko Fucsovics

Atp Sofia: quarto titolo in carriera per Medvedev, ko Fucsovics

Daniil Medvedev annienta Fucsovics e trionfa a Sofia. Quarto centro in carriera per il russo, il primo nel 2019.

di Antonio Sepe

Probabilmente se qualcuno vi chiedesse di pensare ad un tennista classe 1996, la maggior parte di voi risponderebbe facendo i nomi di Coric, Khachanov, Chung o, senza oltrepassare i confini nazionali, Berrettini. Eppure, nel circuito Atp, c’è un tennista nato proprio nel 1996 che non sta destando troppo scalpore ma che, con impegno e tenacia, è riuscito a spingersi a ridosso della Top 15 e, anche in virtù dei risultati che progressivamente ottiene, non sembra aver intenzione di fermarsi. Stiamo parlando del russo Daniil Medvedev, già vincitore di tre tornei nel 2018, di cui ben due da qualificato, che in questa stagione ha ripreso da dove aveva lasciato, trionfando in quel di Sofia. Quest’oggi, la testa di serie numero tre ha chiuso in bellezza una settimana quasi perfetta, dove ha lasciato per strada solo un set ed ha messo al tappeto tutti i suoi avversari. Marton Fucsovics il nome dell’ultimo giocatore sconfitto nella sua corsa al titolo, culminata con un’importante vittoria che lo fissa saldamente alla 16ª piazza del ranking, ma sempre più vicino alle posizioni ancora superiori. 5CCB850A-7372-42CD-A377-6BD62E473AC7

PRIMO SET – Fin da subito la trama di questa finale è stata piuttosto chiara, con Medvedev molto propositivo – e pericoloso – in risposta, mentre Fucsovics costretto ad una strenue difesa, nell’attesa di una sbavatura del suo avversario per tentare l’assalto al break. Nonostante i primi sei games siano stati tutti piuttosto equilibrati, solamente Medvedev è riuscito a procurarsi palle break – ben tre – salvo non convertirne nessuna, anzi piazzando il break a zero solamente nel settimo gioco. Un passaggio a vuoto del russo ha rischiato di vanificare tutto, permettendo a Fucsovics di accorciare subito le distanze, recuperando il break ed impattando sul 4 pari. Medvedev ha però avuto il coraggio e la bravura di conquistare il nono game, il più equilibrato della frazione, riuscendo ad ottenere un ulteriore break che lo ha spedito a servire per il set. Senza particolari difficoltà, il tennista moscovita ha chiuso 6-4 e, dopo 46 minuti di gioco, ha messo in cascina il primo parziale. 

SECONDO SET – Malgrado avesse un set di svantaggio da recuperare, Fucsovics non è riuscito ad impensierire concretamente il suo avversario tanto da subire un break in apertura di secondo parziale, ritrovandosi costretto ad una sorta di rimonta nella rimonta. Le uniche chances per il tennista magiaro sono giunte nel sesto gioco, dove però Marton non ha saputo convertire neppure una delle due palle break e, di fatto, si è consegnato nelle mani del suo avversario. Da qui in poi tutto facile per Medvedev, il quale si è persino concesso il lusso di mettere a segno un secondo break nel finale, prevalendo dopo un’ora e 23 minuti di gioco e mettendo in bacheca un altro trofeo.

Risultati: 

[3] D. Medvedev b. M. Fucsovics 6-4 6-3

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Loris Zanotto - 2 mesi fa

    Tsonga e Medvedev, vincitori questa settimana, erano entrambi nel draw di Nole in Australia. Così, per dire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alberto Larghi - 2 mesi fa

      Loris Zanotto tutti come pecoroni addietro allo stile presunto di Zi Zi pas

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Marco Perri - 2 mesi fa

      Nishi ha vinto a Brisbane

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Massimo Poggio - 2 mesi fa

      Quindi è perfettamente scontato stabilire che chi vince 3 ATP 250(Nishi,Tsonga e Danil)è per conseguenza logica pure un mostro negli slam….cazzo siete dei geni

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Marco Perri - 2 mesi fa

      Massimo Poggio si diceva lo stesso con De Minaur campione a Sydney, per non parlare della “riabilitazione ad hoc” di Berdych

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Massimo Poggio - 2 mesi fa

      Marco Perri Io no di CERTO….visto che a rigor di logica stabilire una equazione nell’essere protagonisti in “torneini” = fare bene negli slam,non ha alcun senso….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Marco Perri - 2 mesi fa

      Massimo Poggio diglielo a qualche tuo collega di tifo che cambia versione a seconda della convenienza, tipo Medvedev insidia per Federer a Shanghai e perfetto sconosciuto a Melbourne

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Massimo Poggio - 2 mesi fa

      Marco Perri A me non interessa per niente questo ragionamento o “chi” lo fa….io dico solo che non esiste alcun nesso logico fra tornei “pre”,”post” slam con lo SLAM STESSO….visto che la storia di questo sport è piena zeppa di esempi di gente che magari vince “il” torneo minore prima o dopo uno slam e nel contempo fa ridere nello slam stesso….è inapplicabile a priori un ragionamento simile,da chiunque provenga….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Marco Perri - 2 mesi fa

      Massimo Poggio però sembra che Medvedev sia in un buon momento di forma, tornei del 2019 alla mano. Perdere da Djokovic (dopo aver vinto tutti e 3 i match dei turni precedenti non concedendo set, Goffin compreso) e Nishikori (giocatore di ottimo lignaggio) non lo trovo così disdicevole. Per me, è in una situazione migliore dell’oplita, il quale ha beneficiato di un Federer al dir poco sprecone (dominance ratio alla mano, Tsitsipas ha demeritato) e di un Bautista bello spompo e infatti si è visto l’enorme abisso in semifinale con un giocatore fresco e non sportivamente magnanimo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    9. Massimo Poggio - 2 mesi fa

      Marco Perri Stai applicando lo stesso ragionamento di coloro che “esaltavano” De Minaur,il “ritorno”(presunto)di Berdych o magnificavano Tsitsipas….Medvedev è semplicemente un giovane di belle speranze,che sta facendo bene,ma deve dimostrare ancora tutto,poi non capisco il riferimento a Kei quale senso logico abbia,visto che contro il serbo era un cadavere,e infatti si è ritirato.Stai facendo il ragionamento uguale a contrario a chi dice(va)che il serbo ha giocato contro nessuno,sottolineando in modo eccessivo l’impresa di un tennista (Medvedev)che ha vinto un semplice 250….Sulla carta il giocatore più forte affrontato complessivamente dai 2 finalisti australiani è stato Tsitsipas,per classifica e risultati precedenti,(visto il non match col nipponico da parte del serbo)ma pure questa è una considerazione che sta a ZERO,lo slam è un mondo a parte….(vedasi Zverev).Buondì!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    10. Massimo Poggio - 2 mesi fa

      Oltretutto non vorrei che tra di voi ci fosse gente che considerava il Khachanov dello scorso Flushing Meadows uno scarsone,salvo poi avere un brusco risveglio in quel di Bercy

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ammetto di aver sottovalutato questo ragazzo….. lo vedevo limitato, invece….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alberto Larghi - 2 mesi fa

    È quello che ha messo più in difficoltà djokovic

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Marco Perri - 2 mesi fa

    Djokovic e il sorteggio facile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tomka Subašić - 2 mesi fa

    Čestitam na osvojenom turniru!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy