ATP Toronto: clamorosa eliminazione di Kyrgios contro Shapovalov, avanzano Querrey e Sock

ATP Toronto: clamorosa eliminazione di Kyrgios contro Shapovalov, avanzano Querrey e Sock

Shapovalov, numero 370 del ranking e classe 1999, sovverte il pronostico regolando in tre set uno spento Nick Kyrgios. Un falloso Querrey ha la meglio su Frank Dancevic.

2 commenti

LA PROMESSA CANADESE – Per la prima giornata di incontri del main draw, gli organizzatori del Master 1000 di Toronto riservano i due match della sessione serale a due wild card locali opposte ad altrettanti bombardieri. Protagonisti del primo match sono il talentino Denis Shapovalov, diciassettenne fresco vincitore di Wimbledon juniores, e l’undicesima testa di serie del seeding Nick Kyrgios. Shapovalov, che si era già messo in mostra nel challenger di Drummondville a marzo (semifinale persa contro Daniel Evans dopo aver battuto Peliwo, Austin Krajicek e Olivo), è un mancino che cerca di esprimere un tennis offensivo, è dotato di un ottimo servizio e un notevole rovescio a una mano – una rarità per un giovanissimo – mentre il dritto è penalizzato da un’ampia apertura e richiede più tempo per essere eseguito.

UN’ESERCITAZIONE DI SERVIZI – I colpi di Kyrgios hanno una diversa pesantezza e l’inizio dell’efebico canadese è traumatico: nel primo game si ritrova sotto 0-40; la reazione è quella del campione e grazie al servizio riesce a vincere il game (sarà lo stesso per la palla break concessa nel settimo game). Nei turni di servizio di Kyrgios, nonostante l’atteggiamento menefreghista e l’andatura talvolta claudicante di quest’ultimo, quasi non si scambia: con la prima è devastante (8 ace e 22 punti su 26 nel set) e forza spesso anche la seconda (si spiegano così gli 8 doppi falli). Il primo set si decide al tie break: il ventunenne di Canberra regala subito due mini-break e Shapovalov ne approfitta chiudendo con un categorico 7-2.

VINCE IL PIU’ DETERMINATO – Il secondo set si apre con una pioggia di palle break (nove in quattro game) e due break, prima di Kyrgios e subito dopo di Shapovalov. Il copione è lo stesso del primo set: l’australiano alterna servizi vincenti a doppi falli; stavolta però sfrutta le incertezze di Shapovalov che sulla palla break soffre la pressione e spedisce in corridoio un semplice dritto: Kyrgios archivia il set con un 6-3 e porta la partita al terzo. L’australiano torna subito a pasticciare e, con ben quattro doppi falli, nel secondo game del set decisivo concede il break a Shapovalov che vola sul 3-0. Shapovalov si esibisce in colpi di pregevole fattura che ne rivelano il talento (un delicato pallonetto per scavalcare l’avversario a rete, una definitiva accelerazione col rovescio incrociato, un dritto anomalo che spazzola la riga) e, al momento di servire per il match, dimostra personalità annullando una palla break e chiudendo la partita con due dritti ben angolati: 7-6 3-6 6-3. Kyrgios paga a caro prezzo la propria indolenza (e insolenza), mentre Shapovalov conquista l’accesso al secondo turno contro un Dimitrov che non ha convinto (ed è stato a due punti dalla sconfitta) nel match con Sugita.

IL BRACCIO ARMATO DI QUERREY – Nell’ultima partita di giornata, il giustiziere di Djokovic a Wimbledon, Sam Querrey, è favorito contro l’estroso Frank Dancevic, la cui carriera è stata pesantemente condizionata dagli infortuni (e adesso, a 31 anni, si trova fuori dai primi 200). Il canadese è presto spettatore delle dissennate fucilate di Querrey, che regala il break con quattro errori di fila nel quinto game. Quando centrano il campo, però, i colpi dell’americano sono di un’altra categoria: così recupera il break di svantaggio, riemerge da uno 0-40 al servizio e infine vince il primo set per 7-5 al tie break. Dancevic gioca bene, ottiene diversi punti col suo elegante rovescio a una mano, ma anche nel secondo set la potenza di Querrey è difficile da arginare: l’americano strappa il servizio nel nono game e chiude l’incontro 7-6 6-4. Al prossimo turno, contro Goffin, dovrà ritrovare la brillantezza e il dritto ammirati a Wimbledon per avere possibilità di vittoria.

Sam Querrey (USA) d. (WC)Frank Dancevic (CAN) 76(5) 64
(WC)Denis Shapovalov (CAN) d. (11)Nick Kyrgios (AUS) 76(2) 36 63
(16)Jack Sock (USA) d. Denis Kudla (USA) 62 62

Di Davide Truglio

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giacomo Foglietta - 1 anno fa

    Solo noi abbiamo pescato quello che vince Wimbledon junior, come il suddetto piccolo fenomeno, e poi passa i seguenti anni a provare a vincere un challenger in Lapponia?!?!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gianluca Mascolo - 1 anno fa

    17 anni Gianluca

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy