ATP TORONTO – Monfils la spunta su Goffin, rischio Berdych

ATP TORONTO – Monfils la spunta su Goffin, rischio Berdych

Ai quarti di finale arrivano quasi tutti i big: ok Djokovic, Berdych Nishikori e Wawrinka, saluta il Canada Tomic, che cade sotto i colpi di Anderson.

Gli ottavi di finale del torneo ATP di Toronto hanno regalato diverse emozioni agli appassionati. Clamorose le uscite di Tomic e Karlovic, rispettivamente contro Anderson e Dimitrov. L’australiano parte favorito, tanto da incamerare senza troppe difficoltà il primo set, salvo poi subire la rimonta del sudafricano. Un Anderson tirato a lucido quello visto in questi primi giorni di torneo, che potrà dire la sua anche nel prossimo match contro Wawrinka nei quarti. Lo svizzero ha superato non senza problemi l’americano Sock, che ha lottato con le unghie e con i denti prima di cedere il primo parziale al tie-break. Nel secondo parziale, anche complice un po’ di stanchezza, cede diverse volte il servizio, non trovando la continuità del primo set.

OUT RAM E KARLOVIC – Finisce la favola di Radjeev Ram, l’americano che ha sconfitto in serie Gulbis e Pouille, prima di fermare la propria corsa agli ottavi con Kei Nishikori. Lotta impari quella vista in campo, a causa dell’enorme differenza di classifica, ma con il numero 118 del mondo capace di tenere duro fino all’ultimo e cedere solo di misura al nipponico. Grigor Dimitrov supera in due set Ivo Karlovic, riuscendo ad arginare il suo micidiale servizio in più occasioni, e aggiudicandosi il tie-break del secondo set.

RISCHIO HARAKIRI – Vittoria anche per Gael Monfils su David Goffin, nel match della giornata. Nel primo set si gioca su pochi punti ed è il tie-break a decidere le sorti del parziale in favore del tennista francese. Il belga rimane in partita e sfruttando un passaggio a vuoto dell’avversario si rifà sotto, fino ad equilibrare il conto dei set. Nel terzo set si assiste a uno dei più incredibili episodi del torneo: sul 4-4, 30 pari, Goffin alza un campanile da fondo campo che va a toccare in pieno la riga; Monfils vede la palla out (a differenza del giudice di sedia e di linea) e non gioca il colpo seguente, affidandosi al falco. Ovviamente Hawk Eye gli dà torto e consegna una sanguinosa palla break all’avversario. Per sua fortuna riesce prontamente ad annullarla e infine a vincere set e match.

AVANTI GLI ALTRI TOP – L’unico top10 a faticare è Tomas Berdych, che deve ricorrere al terzo set per superare l’ostacolo Ryan Harrison. Lo statunitense mette in campo un ottimo tennis fin dai primi scambi, cedendo nel primo set solo alla distanza. Nel set seguente è lui a comandare la partita, tanto da riuscirsi alla fine ad aggiudicarselo al tie-break per 7 a 2. Alla fine l’esperienza del ceco fa la differenza e il terzo set termina in suo favore, ma non senza un’agguerrita battaglia su tutti i punti disputati. In scioltezza avanti anche Djokovic e Raonic, che superano rispettivamente Stepanek e Donaldson, quest’ultimo carnefice del nostro Fognini nel passato turno.

I risultati:

(1)Novak Djokovic (SRB) d. (Q)Radek Stepanek (CZE) 62 64
(5)Tomas Berdych (CZE) d. (Q)Ryan Harrison (USA) 64 67(2) 64
(4)Milos Raonic (CAN) d. (Q)Jared Donaldson (USA) 62 63
(10)Gael Monfils (FRA) d. (7)David Goffin (BEL) 76(5) 26 64
Grigor Dimitrov (BUL) d. Ivo Karlovic (CRO) 63 75
(3)Kei Nishikori (JPN) d. Rajeev Ram (USA) 63 64
Kevin Anderson (RSA) d. (12)Bernard Tomic (AUS) 46 63 64
(2)Stanislas Wawrinka (SUI) d. (16)Jack Sock (USA) 76(3) 62

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy