ATP TORONTO – Sopresa Monfils, Djokovic supera Berdych

ATP TORONTO – Sopresa Monfils, Djokovic supera Berdych

Il francese supera a sorpresa Milos Raonic, mentre il serbo la spunta in due set contro Tomas Berdych

Emozionanti partite nella notte italiana. Nel terzo quarto di finale dell’ATP di Toronto, Gael Monfils si prende la semifinale del torneo canadese contro Raonic, rivelandosi la sorpresa del torneo. Solo due set occorrono al transalpino per far suo il match, indirizzato da alcuni punti decisivi all’interno di entrambi i parziali. Grande successo per Monfils, che ora se la vedrà in semifinale contro Novak Djokovic. I pochi errori gratuiti per il francese, appena 8, gli permettono di tenere senza difficoltà i turni di servizio e attaccare durante quelli di Raonic, alquanto falloso soprattutto di diritto. In appena un’ora e quindici minuti la pratica è archiviata e ora per lui c’è la proibitiva semifinale contro il numero 1 del mondo.

AVANTI DJOKO – Il serbo ha infatti sconfitto Tomas Berdych nell’ultimo quarto di finale in programma. Solo due set gli sono bastati per superare le resistenze del ceco, capace comunque di tenergli testa per buona parte del match. Un Djokovic di certo non apparso al cento per cento della condizione quello visto sul centrale, ma che è comunque riuscito ad aggiudicarsi il match. Primo set molto equilibrato, con molti errori, soprattutto di diritto del ceco, colpo con cui spreca diverse chance di break. Nell’undicesimo gioco, ancora tre palle break in suo favore ma sprecate malamente. Arrivati al tie-break Berdych ha avuto tre set point, ma è stato autore di alcuni errori (alcuni banali) che l’hanno portato a cedere il parziale. Nel secondo set il campione di Belgrado è riuscito, invece, ad interporre un break tra sè e il ceco, che gli è valso la vittoria finale. Ottava semifinale in stagione per lui, con le altre sette tutte portate a casa. Riuscirà Monfils a mettergli i bastoni tra le ruote?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy