ATP Toronto: un Djokovic in ripresa spegne Monfils e vola in finale

ATP Toronto: un Djokovic in ripresa spegne Monfils e vola in finale

E’ la miglior versione di Novak Djokovic della settimana quella scesa in campo contro Gael Monfils, nella seconda semifinale dell’ATP di Toronto. Il serbo, che nei giorni precedenti aveva palesato non poche difficoltà, ha alzato notevolmente l’asticella del proprio gioco, e alla fine il francese si è dovuto arrendere con il punteggio di 6-3 6-2.

E’ Novak Djokovic l’ultimo ad approdare all’atto finale dell’ATP di Toronto. Il numero 1 del mondo ha infatti sconfitto nella seconda semifinale in programma il francese Gael Monfils, che veniva dall’ottima vittoria ai danni di Milos Raonic, e raggiunge così la quinta finale della sua carriera alla Rogers Cup.

NOLE PARTE MALE, MA SI AGGIUDICA IL PRIMO SET- Nella sessione serale sul Campo Centrale scendono in campo Novak Djokovic e Gael Monfils. Gli scontri diretti recitano un imbarazzante parziale di 11-0 in favore del serbo, ma, alla vigilia, i pronostici sono nettamente meno chiusi di quanto non dicano le sfide passate. I due, infatti, arrivano alla sfida in condizioni decisamente diverse: il numero 1 del mondo nei giorni precedenti era apparso fuori condizione, contratto, con difficoltà al servizio e cali di concentrazione inconsueti; il transalpino, al contrario, è forte di una striscia di match vinti consecutivamente incoraggiante, e nei quarti aveva avuto la meglio del beniamino di casa Milos Raonic, secondo favorito del torneo.

E l’avvio della partita sembra confermare la aspettative per una sfida equilibrata. Djokovic entra in campo sottotono, e fatica ancora a trovare il giusto feeling in battuta. Nel primo gioco il campione di Belgrado si ritrova immediatamente sotto per 15-40, costretto ad annullare due palle break; riesce a salvarsi, e subito dopo riesce a sua volta a farsi pericoloso in risposta, issandosi sullo 0-30. Anche Monfils però non trema e con quattro punti consecutivi tiene il servizio, e nel terzo game, alla fine, centra il break, aiutato da un pessimo doppio fallo del suo avversario. Anche oggi sembra proprio che Djokovic dovrà sudarsi la vittoria. Una volta persa la battuta, però, il numero 1 del mondo cambia improvvisamente marcia: i colpi sono più precisi e più profondi, e sul suo volto si rivede la tipica espressione decisa e determinata. Il francese imposta la propria strategia su scambi lunghi e bracci di ferro da fondo campo, ma non resiste di fronte alla pressione asfissiante del proprio rivale. In svantaggio per 2-1, Nole mette a segno l’immediato contro break dopo due scambi mozzafiato, tiene poi il servizio e nel sesto game strappa ancora la battuta, grazie ad uno smash imbarazzante sbagliato da Gael. Ora pare proprio che l’incantesimo del transalpino si sia rotto, e sotto per 5-3 Monfils cede il primo parziale.

DJOKOVIC DOMINA E VOLA IN FINALE- Il copione non cambia nella seconda frazione, che comincia con un break del serbo in apertura. Novak si issa rapidamente sul 2-1, ma qui il francese capisce di non avere niente da perdere e tenta un ultimo disperato assalto: facendosi più aggressivo, dopo avere disputato un primo set costantemente due metri dietro la riga di fondo campo, si guadagna due chance di contro-break. Con le spalle al muro però “Djoker” si tira fuori dai guai e si mantiene al comando, per tre giochi a uno. Il match termina qui. Il numero 1 del mondo toglie ancora il servizio, grazie ad uno splendido dritto vincente, e per il suo avversario c’è giusto il tempo di conquistare un altro game, prima di capitolare con il punteggio di 6-3 6-2 in poco più di un’ora di gioco.

Nell’atto decisivo Djokovic sarà opposto al giapponese Kei Nishikori, che ha sconfitto nella prima semifinale uno scellerato Stan Wawrinka. I precedenti sono di 9-2 in favore del serbo, che avrà la ghiotta occasione di portare in bacheca il trentesimo Master 1000, migliorando il proprio record.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy