ATP/WTA Miami: Azarenka si gode la tiepida vendetta, Kyrgios abbatte un Raonic in tono minore

ATP/WTA Miami: Azarenka si gode la tiepida vendetta, Kyrgios abbatte un Raonic in tono minore

Se è vero che la vendetta è un piatto che va servito freddo, è altrettanto vero che talvolta la rivalsa può regalare gratificazioni persino superiori se elargita a temperatura ambiente. Vika Azarenka ha atteso pazientemente per due mesi l’occasione di poter restituire l’indelebile maltolto ad Angelique Kerber, rea di averle negato la possibilità di aggiudicarsi il suo terzo titolo dello Slam. Nell’ultimo quarto di finale maschile successo di prestigio per Nick Kyrgios, contro un Milos Raonic in tono minore rispetto alla versione deluxe contemplata ad Indian Wells.

Se è vero che la vendetta è un piatto che va servito freddo, è altrettanto vero che talvolta la rivalsa può regalare gratificazioni persino superiori se elargita a temperatura ambiente. Vika Azarenka ha atteso pazientemente per due mesi l’occasione di poter restituire l’indelebile maltolto ad Angelique Kerber, rea di averle negato la possibilità di aggiudicarsi il suo terzo titolo dello Slam. Dopo il quarto di finale andato in scena nell’ultimo Australian Open, nel corso del quale Angie aveva sorprendentemente superato la favoritissima Vika,i destini tennistici delle due non si erano più incrociati. L’agognata occasione di riscatto è stata colta dalla bielorussa grazie ad una formidabile dimostrazione di forza, seppur macchiata da un breve passaggio a vuoto che ha riesumato nel subconscio di Vika antichi spettri. Azarenka si produce in una partenza lanciata nel primo parziale, portandosi subito sul 4-1 grazie ad una raffica di vincenti cui nemmeno la respingente teutonica può porre argine. Vantaggio irrobustito poco più tardi, quando Vika strappa per la terza volta il servizio ad Angie, sigillando il primo set con il punteggio di 6-2. Nel secondo parziale la bielorussa rivive, almeno in parte, la stessa beffarda situazione capitatale a Melbourne. Azarenka, come nel secondo set dell’Australian Open, si fa breakkare proprio nel momento in cui serve per il set, permettendo alla tedesca di riagganciarla nel punteggio fino al 5-5. A differenza del succitato precedente, però, ora Vika può contare su un’inesauribile scorta di fiducia e baldanza, accumulata grazie al cruciale successo ad Indian Wells. Vika vanifica gli sforzi di Kerber, strappandole il servizio nell’undicesimo gioco, chiudendo set e match senza alcun tentennamento supplementare.

g_Kyrgios_200116_85

Nell’ultimo quarto di finale maschile successo di prestigio per Nick Kyrgios, contro un Milos Raonic in tono minore rispetto alla versione deluxe contemplata ad Indian Wells. L’australiano si guadagna la prima semifinale in una Master 1000 al termine di un match per nulla spettacolare, prevedibilmente incentrato sui rispettivi servizi. Kyrgios si aggiudica il primo set grazie ad un break ottenuto nel primo game del match, vantaggio custodito fino al 5-4, quando l’australiano è stato costretto ad annullare una palla del contro break prima di incamerare il primo set. Il secondo parziale si trascina stancamente verso il tie break, con un unico momento di pathos ubicato all’altezza del settimo gioco, quando Raonic neutralizza con successo ben tre palle break all’australiano. Giunti al tie break, Kyrgios rompe l’equilibrio portandosi sul 5-2, prima di chiudere il match sul 7-4.

Questi i risultati

ATP MIAMI

N.Kyrgios– M.Raonic- 6-4 7-6(4)

WTA MIAMI

V.Azarenka– A.Kerber- 6-2 7-5

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy