Au revoir Paul!

Au revoir Paul!

Si è ritirato Paul Henri Mathieu, a un passo dalla gioia Davis nel 2002 e dalla top 10. Ancora in campo nel doppio, dove chiuderà la carriera in coppia con Paire nel torneo di Parigi Bercy

“Ho bisogno di trascorrere più tempo con la mia famiglia”. Quattro volte vincitore di tornei ATP Paul-Henri Mathieu ha giocato ieri la sua ultima partita. Il 35enne francese ha annunciato il suo ritiro, dopo la sconfitta con il canadese Vasek Pospisil 6-3, 6-4 nel turno decisivo di qualificazioni ai Rolex Paris Masters (Parigi Bercy). Il destino ha voluto sullo stesso campo dove nel 2002 raccolse la sconfitta più dolorosa, una Davis persa all’ultimo respiro, che ancora oggi ne segna l’immagine. Forse avrebbe meritato una wild card…

BEST RANKING E TITOLI – Mathieu è diventato professionista nel 1999 e ha raggiunto come best ranking il n. 12 della classifica ATP nel 2008. “Sapevo, quando ho iniziato l’anno, che sarebbe stata la mia ultima stagione, perché ho 35 anni e ho avuto molti infortuni. Devo pensare alla mia famiglia. Quando hai un figlio puoi provare a gestire un po’ la situazione, e cercare di far venire loro da te ogni tanto. Ma quando hai due bambini, è troppo complicato”, ha detto Mathieu. “Dieci, 15 anni fa non avrei mai pensato di giocare così a lungo. Sono stato fortunato a giocare fino a questa età. Penso che sia arrivato il momento. Un anno in più non cambierà nulla per me e voglio trascorrere del tempo con la famiglia”. Mathieu è emerso nel circuito maggiore nel 2002, vincendo i primi due titoli nell’ ATP World Tour in 2 settimane. Mathieu ha vinto Mosca, battendo Marat Safin, all’epoca n. 4 del mondo, nelle semifinali e poi trionfò anche a Lione, dove sconfisse il brasiliano Gustavo Kuerten in finale (quell’anno ebbe un’altra prestigiosa vittoria, contro Pete Sampras a Long Island). “Furono due settimane pazzesche. Ero giovane. È stato un grande momento”, dice Mathieu.

Risultati immagini per mathieu tennis

DELUSIONE DAVIS E PICCOLO RISCATTO – Il 21enne Mathieu raggiunse gli ottavi di finale nel Grand Slam di casa, il Roland Garros sempre nel 2002, si portò avanti di 2 set contro l’americano Andre Agassi prima di cedergli in cinque. Sempre nel 2002 fu eletto come il miglior emergente dell’ ATP Tour. “E’ stato un anno grande per me”. Lo stesso anno che lo vide, suo malgrado, sfortunato protagonista della finale di Coppa Davis. Francia e Russia erano sul 2 pari: le circostanze inducono i due capitani, Guy Forget e Shamil Tarpischev, a schierare due ventenni. Sulla terra rossa appositamente preparata a Parigi Bercy, scendono in campo Mathieu e Youzhny. Il francese è avanti due set a zero, sembra fatta, il pubblico è pronto a festeggiare. Finisce che Youzhny dopo una misteriosa chiacchierata con il fratello, rimette in piedi la partita e la vince in cinque set. La Russia vinse la prima Coppa Davis della sua storia. Dramma personale per un Mathieu in lacrime. Secondo alcuni osservatori la sua vera carriera “si è interrotta lì”. Cinque anni dopo, vince nuovamente due titoli nella stessa stagione – a Gstaad e Casablanca, entrambe su terra battuta. Il terzo e il quarto titolo della sua carriera lo aiuteranno a scalare la classifica ATP fino a raggiungere il n. 12 nell’aprile 2008. Mathieu vanta uno score di 4 vittorie a fronte delle 6 finali disputate nel Tour. “È difficile capire quando sei all’apice della carriera. Quando sei in ascesa vuoi sempre di più. Quando ero n. 12 ambivo ad entrare in top 10, e quando sei in top 10 ti batti per la top 5. Chiedi sempre di più a te stesso “, ha detto Mathieu.

ASPETTANDO IL DOPPIO – Gli infortuni hanno sempre condizionato negativamente la carriera di Mathieu. Soprattutto nei 2 anni a cavallo fra il 2010-12 dove ha perso 14 mesi a causa di un infortunio al ginocchio sinistro che ha richiesto l’intervento chirurgico. Mathieu si è detto propenso a rimanere nel circuito del tennis, ma non per il prossimo futuro, adesso ha intenzione di trascorrere più tempo con sua moglie, Quiterie, e i loro due figli, Gabriel, 5 anni e Ines, di appena sette mesi. Il francese non ha ancora finito con le competizioni ufficiali. Giocherà il doppio al Masters 1000 di Parigi Bercy, in coppia con il connazionale Benoit Paire.

Di Franco Campagna

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy