Boris Becker: “Murray impari da Federer”

Boris Becker: “Murray impari da Federer”

L’ex coach di Djokovic, Boris Becker, parla di Andy Murray, indicandogli come esempio da seguire per il suo rientro dall’infortunio Roger Federer

Boris Becker ha consigliato ad Andy Murray di prendere spunto dal calendario di quest’anno di Roger Federer e giocare una stagione ridotta quando tornerà in azione, presumibilmente nel 2018. Murray ha perso, inoltre, anche il trono del ranking in favore di Rafael Nadal e una volta conclusi questi US Open perderà anche la seconda piazza, venendo scavalcato da Federer. E così dopo un grandissimo anno come il 2016, per lo scozzese solo un titolo nel 2017, conquistato a Dubai agli inizi dell’anno. Copiare la programmazione di Federer non è affatto una cattiva idea per Becker, visto quanto ha raccolto lo svizzero ad inizio anno e dopo la stagione sul rosso saltata a piè pari.

“Il fatto è che ha ormai 30 anni e pertanto non si può fingere che ne abbia 20”, ha detto Becker su Murray, come riporta il portale inglese Metro. “Hai un corpo alterato. Ora sai meglio di me quello che ti serve, di quante partite hai bisogno e di quante sessioni di allenamento per colpire alla massima velocità. Federer ha dato un grande esempio, naturalmente, nel ridurre il suo programma mentre Rafa Nadal ha giocato meno l’anno scorso, forse questo è un esempio sbagliato”, ha spiegato l’ex numero uno tedesco.

“Novak Djokovic è anche fuori per un infortunio al gomito e avrà un programma limitato nella prossima stagione, ne sono sicuro”, ha detto Becker sul serbo, che ha anche deciso di saltare il resto della stagione 2017 dopo la sua sconfitta a Wimbledon. “Alla fine, si tratta di vincere gli Slam e i Masters 1000, di avere una buona classifica mondiale ed è con questo che si ottiene. E come giocatore di tennis, vuoi fare assolutamente tutto il possibile per aumentare le tue possibilità di riuscirci”.

Andy-Murray-vs-Grigor-Dimitrov

Fonte: IBTimes

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy