Buon compleanno, re Roger Federer!

Buon compleanno, re Roger Federer!

Oggi Roger Federer spegne trentaquattro candeline. Ecco gli auguri di Tennis Circus al fuoriclasse svizzero.

140411-federer-zukunft

Per scrivere di Roger Federer non servirebbero poi così tante parole. Per lui parlano le imprese, i record, i trofei, gli Slam e quel suo modo di fare leggiadro e timido, quel suo peculiare equilibrio tra la specialità del suo tennis e la normalità della sua persona.

47323-roger-federer
Andre Agassi disse un giorno di lui: “Federer non ha difetti“, e su questa fama di perfezione che lo circonda ci ha giocato su anche lo sponsor tecnico, dando risalto alle iniziali del suo nome nell’aggetivo “peRFect“, appunto. A lui però l’epiteto di Mister perfezione non è mai piaciuto e più volte ha sottolineato il suo voler essere considerato una persona normale.
A dire il vero, è difficile parlare di normalità quando sei considerato uno degli sportivi più influenti del mondo, quando esiste una linea di cosmetici che porta il tuo nome, quando hai inventato un modo di far punto che è diventato tutto tuo “alla Federer“, quando hai vinto 17 Slam e 94 trofei totali, quando sei considerato il più  forte di tutti i tempi nel tuo sport.

Quando per strapparti una foto, si è disposti anche ad eludere la sicurezza (vedi un recente episodio Roland Garros).
Eppure Federer, al di là della grandezza del suo gioco, della classe dei suoi colpi, di quel suo modo di “sfidare le leggi della fisica” con una racchetta in mano, resta la reincarnazione dell’antidivo, lontano da gossip e copertine e dal personaggio costruito per essere dato in pasto alla fame pubblica.

Roger Federer of Switzerland celebrates after defeating Andy Murray of Britain in their men's final tennis match at the Wimbledon Tennis Championships in London
Da ragazzino, Roger non era affatto l’atleta educato e misurato che tutti conosciamo ma un ribelle con poca voglia di allenarsi, tanto da essere cacciato dal centro di allenamento che lo ospitava. Perfetto non lo è sempre stato nemmeno nel look: a diciassette anni decise di sfoggiare dei discutibili capelli biondo ossigenato, quanto mai lontano dallo stile che poi lo contraddistinse negli anni a venire.
A 34 anni è un campione ancora in grado di stupire, grazie a quel talento che stringe tra le mani, alla sua voglia di vincere, di sentirsi ancora il numero uno.
Ma è anche un figlio, un marito ed un padre estremamente attaccato alla sua famiglia, che lo segue in ogni dove. Per passare più tempo con i figli Myla RoseCharlene RivaLeo e Lenny, e la moglie Mirka, sembri ultimamente si dedichi meno alle sessioni di autografi e si faccia vedere poco  nella zona mista dei vari tornei. Roger è sempre stato bravo a tenere lontano dai riflettori il suo privato, nonostante il suo essere una star, ed a sentire lui la serenità infertagli da Mirka in questi anni è uno dei segreti dei suoi successi sportivi.

Mirka-Federer-wedding
Forse appenderà la racchetta al chiodo dopo le olimpiadi di Rio della prossima estate, dove andrà a caccia dell’unico trofeo che gli manca: una medaglia Olimpica in singolare.
Il tennis  non è ancora pronto a fare a meno di lui, e forse non lo sarà mai. Buon compleanno, Re Roger.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy