Carlos Costa: “Nadal continua a sorprendere con la passione e la forza con cui lavora”

Carlos Costa: “Nadal continua a sorprendere con la passione e la forza con cui lavora”

Il manager del maiorchino parla delle virtù che hanno costruito un mito dello sport, dentro e fuori dal campo.

di Francesco Papa
Il successo di Rafael Nadal non è dovuto solamente ai grandi successi in campo, ma anche nella maniera in cui egli ha saputo circondarsi prima di uomini in cui ripone tanta fiducia, e poi professionisti. Carlos Costa, anch’egli catalano ed ex giocatore professionista, è uno di questi.
Dopo una carriera incentrata praticamente sui tornei in terra,ha appeso la racchetta al chiodo nel lontano 1999 ed è entrato a far parte dell’IMG:”Conobbi  Toni Nadal in un Campionato della Spagna e mi disse che suo nipote di sei anni, poteva diventare numero 1 al mondo“.
Nadal-4
SUL PASSATO- Costa cominciò a lavorare con il giovane maiorchino nel 2002, interrompendo la collaborazione con Carlos Moyá. “Ogni stagione è una nuova sfida per lui e lo vedo lavorare con  la fame di successo tipica di un diciottenne.
SUL PRESENTE-Mi sorprendono la sua intensità, indubbiamente uno dei sui punti cardine, e la sua passione per il duro lavoro (……) Rafa è un ambasciatore. Trasmette alcuni valori molto importanti e ha una forma mentis davvero sopra la media”.
Per quanto riguarda il coinvolgimento di Rafa nel business di Costa, afferma che il suo assistito si mantiene sempre attento e “prende le decisioni finali”. Quello che è chiaro è che una persona come Nadal deve essere un sogno per un manager. “Lui è già un marchio, al di fuori dei suoi trionfi“.
SUL FUTURO – “Il futuro di Rafa è nell’Accademia. Immagino che quando smetterà di giocare prenderà un pò di tempo, ma sarà sempre legato allo sport.”
rafael-nadal-atp-tennis_3433291
Interessante è poi sapere come si gestisce il successo di una leggenda. Carlos ha sviluppato un modus operandis basato nella discrezione, la fedeltà e le buone decisioni.
Rafael Nadal è circondato da un’eccellente team che lo posiziona su un gradino più in alto, e quindi tutte le vittorie sono le vittorie della squadra.
4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Adri U Russu - 1 anno fa

    Un grande

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giuliana Marconi - 1 anno fa

    Grande Nadal

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pasini Viviana - 1 anno fa

    J’ A D O R E !!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Lucia Maffi - 1 anno fa

    VAMOS RAFA

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy