Del Potro: futuro e speranze confessate ai microfoni

Del Potro: futuro e speranze confessate ai microfoni

Intervistato, l’argentino rivela i suoi progetti – e anche qualcosa di più – dopo il rientro nel circuito ATP. Perplessità, ma soprattutto la grande forza di volontà di un campione.

Juan Martin del Potro, dopo il terzo intervento al polso, ha rivelato di essere stato molto vicino a lasciare il tennis.

Ma con il supporto di famiglia, amici e fans, la Torre di Tandil sta percorrendo i gradini per tornare a pieno regime nel circuito ATP. E’ eccitato per ciò che il futuro li potrà riservare, al di là dei risultati che potrà ottenere.

“Sono felice di essere nel tour ancora dopo due anni senza tenni” dice. “Era frustrante per me all’inizio di ogni infortunio. Ma ho continuato a lavorare duro, cercando sempre di combattere i problemi”.

“Ora il presente è bello per me, è bello giocare a tennis in questo tipo di eventi. Sono felice di condividere tutto questo con i giocatori nelle camere e nelle lounge. La sola idea di essere nel tour per me è bellissima.”

Dopo aver vinto gli US Open nel 2009, e aver raggiunto la posizione numero 4 nel ranking, il mondo sembra essere ai piedi di Delpo, che, col suo dritto scagliava fulmini in giro per l’ATP Tour.

Invece, la carriera dell’argentino, è stata compromessa dai molteplici infortuni al polso. Ora, forte di una seconda chance, Del Potro non prende nulla per certo.

“E’ molto dura quando non risolvi i problemi velocemente. Consulti dottori e nessuno sembra sapere come fronteggiare il problema. Ma finalmente, dopo la terza operazione, il problema sembra essersi risolto. Non vedo l’ora di guardare al futuro, perché ho cose belle in cui credere.”

“Ero vicino a lasciare il tennis. Ero frustrato a casa e non guardavo i match in TV, era triste per me. Ma ora ho voglia di giocare ancora, e questo è quanto.”

Fin dai primi segnali del suo ritorno, abbellito dalla semifinale a Delray Beach, Del Potro ammette comunque di essere lontano dalla s

0 commenti

Recupera Password

accettazione privacy