Dimitrov: a Montecarlo per rialzarsi

Dimitrov: a Montecarlo per rialzarsi

Il bulgaro sta per iniziare la stagione sulla terra rossa con uno spirito di rivalsa, visto che negli ultimi mesi non è riuscito ad esprimersi al meglio delle sue possibilità.

di Daniele Turrini

Che non sia il miglior inizio di stagione per Grigor Dimitrov non è un segreto. Certo ha avuto problemi all’inizio dell’anno a causa di un virus ma resta il fatto che ha perso quattro delle ultime cinque partite, serie terribile per uno dei migliori giocatori del circuito. Ma il tour offre sempre nuove opportunità per ricominciare e rifarsi . Montecarlo apre la stagione della terra rossa europea e ci si aspetta che il Bulgaro posa dare continuità al finale della scorsa stagione. Ci sono sempre state grandi, grandissime aspettative su di lui forse proprio questo è stato il vero problema, che ha impedito l’esplosione definitiva. Sarà importante vedere la sua reazione dopo un periodo difficile, trasformare la negatività in positività è attitudine appartenente ai campioni, veri. “A volte hai bisogno di una o due partite per prendere confidenza con un torneo e poi, all’improvviso, giochi molto bene, a volte giochi due o tre partite difficili che non riguardano solo l’intero torneo, ma tutto l’anno.” Il campione della Masters Cup, nelle dichiarazioni alla stampa di Monte Carlo, indica anche un momento specifico della scorsa stagione come cruciale e significativo. “L’anno scorso, prima di Cincinnati, non avevo buone sensazioni, non potevo allenarmi e giocare con intensità, ho vinto un trofeo molto importante e non me lo aspettavo affatto, e alla fine lo paghi nelle tue partite successive” La liturgia del giocatore talentuoso che non risponde alle aspettative l’abbiamo sentita a più riprese, forse è meglio essere concreti: Dimitrov spesso viene descritto come un perdente ma comunque ha vinto e ha vinto anche titoli importanti, oserei dire importantissimi come le Finals di Londra. E se fosse stato più continuo? Nessuno può saperlo con certezza però non si può negare la sua crescita, anche dal punto di vista a gestione emotiva delle partite, e quindi proprio perchè si stanno verificando importanti passi in avanti perché non aspettarsene altri? Sicuramente il circuito ha bisogno di lui, perché è uno dei giocatori più belli ed eleganti da vedere, gli amanti del tennis questo lo sanno ed è per questo che vi ripongono così tanta attenzione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy