Djokovic batte Federer in finale a Cincinnati ed entra nella storia

Djokovic batte Federer in finale a Cincinnati ed entra nella storia

Il serbo regola lo svizzero con un doppio 6/4 nella finale del torneo nella città dell’Ohio, e diventa il primo professionista ad avere vinto almeno una volta ogni torneo della categoria Masters 1000

di Gabriele Congedo

Novak Djokovic si è aggiudicato il torneo Masters 1000 “Southern & Western Open” di Cincinnati, battendo per 6/4 6/4 in finale Roger Federer, e confermandosi così come uno degli uomini da battere ai prossimi U.S. Open.

Vediamo la cronaca del match:

Primo set

I due contendenti partono mantenendo agevolmente il servizio, in quella che sembra più la fase di studio, visto che i due non si incontrano da più di due anni (semifinale Australian Open 2016), e di cose ne sono successe da allora, per entrambi.

Federer tira i colpi lasciando andare il braccio, ed è un piacere vederlo giocare. Djokovic, dal canto suo, ribatte colpo su colpo, giocando potente e profondo, e trovando il vincente ad alto tasso di difficoltà quando è il caso: sembra a tratti essere tornato quel muro invincibile di un paio di anni fa. Il match si preannuncia bellissimo.

Sul 3-3 arriva la svolta del primo set: Federer commette doppio fallo sul 40/40 e nello scambio successivo liscia clamorosamente un dritto: break Djokovic e 4/3: i tifosi serbi sulle tribune si scatenano, e ne hanno ben donde. Il serbo, con un turno di servizio impeccabile, allunga sul 5/3, ma Federer risponde con un (stavolta) buon turno di battuta per rimanere aggrappato al parziale. Tuttavia, nel game successivo, il campione di Wimbledon è ancora una volta solido come una roccia, ed una risposta di rovescio in rete di Federer gli consegna il primo set per 6 giochi a 4.

Secondo set

Nel primo gioco del secondo set, Federer sbaglia un paio di dritti non difficili a va subito sotto 0/30, ma è bravo a recuperare una situazione non semplice e ad aggiudicarsi il game. Tuttavia, Roger fatica ancora a trovare la giusta misura in risposta, e sembra davvero difficile pensare che lo svizzero possa riuscire a strappare il servizio al suo avversario, che di suo sta servendo davvero bene. Ed invece, proprio quando non ce lo si aspettava, il campione di Basilea recupera benissimo un game che sembrava già perso: sotto 40/15, è bravissimo a riportarsi in parità mettendo pressione a Djokovic, che prima sbaglia un facile attacco di dritto e poi commette doppio fallo: break Federer e 2/0; il pubblico si infiamma e inizia ad urlare “Roger, Roger!” Ora il match è veramente intenso, e la pressione (scandita forse anche dallo shot clock, sui cui le telecamere puntano spesso) è chiaramente avvertita da entrambi i giocatori.  Manco a dirlo, nel terzo gioco, Federer concede due break point, di cui il secondo commettendo doppio fallo, e concedendo poi a Djokovic l’immediato contro-break con un errore su un facile dritto in attacco: 2/1. I due tennisti tengono poi i due turni di servizio successivi, 3/2  Federer.

Dopo che Djokovic ha tenuto il servizio, sul 3/3 arriva di nuovo una possibile svolta: Federer, dopo aver avuto 3 vantaggi a disposizione senza concretizzarli, commette un doppio fallo concedendo al serbo una preziosa palla break, che viene subito sfruttata con un bel passante di dritto. 4/3 Nole, e si ha l’impressione che il match rispecchi molto le ultime sfide fra i due, in cui lo svizzero cerca ripetutamente di chiudere i punti mettendo pressione all’avversario, ma con un conseguente elevatissimo numero di errori gratuiti. Federer avverte chiaramente la pressione, è impreciso non come suo solito, e spesso molto frettoloso. Sul 5/3 Djokovic, Roger si complica ancora la vita al servizio, che riesce a tenere a fatica. Ora è Djokovic che va a servire per il match sul 5/4. E il serbo non sbaglia: sul 40/30 e match point, un dritto abbondantemente largo di Federer consegna a Novak Djokovic il Southern & Western Open di Cincinnati.

Le statistiche del match dicono 22 vincenti a 12 per Federer, ma anche, fattore determinante, 39 unforced dello svizzero contro i 16 del serbo. La tattica di Federer oggi non ha pagato, e Djokovic ha vinto meritatamente sfruttando una delle sue qualità principali: la regolarità. Il serbo conquista il suo 31mo Master 1000, ed il 32enne di Zagabria diventa il primo giocatore ad aver vinto almeno una volta ogni torneo della categoria Masters 1000, scrivendo così la storia. Cincinnati, dove il serbo aveva perso per due volte in finale da Murray (nel 2008 e nel 2011), e per ben tre volte (2009, 2012 e 2015) proprio da Federer, era l’unico torneo Masters 1000 che mancava a Nole per raggiungere questo prestigiosissimo traguardo. Per Federer, sfuma invece l’occasione di conquistare il suo 28mo titolo in un Masters 1000 e il 99mo titolo ATP in carriera.

Una cosa è certa: a questo punto della stagione, con Djokovic che pare essere ritornato ai livelli di un tempo, un Federer sempre competitivo, Wawrinka finalmente sulla strada per tornare Stan the Man, i next gen e tutto ciò che di buono hanno fatto fin’ora (Tsitsipas su tutti),  la riconferma di Nadal agli U.S. Open non sembra più essere così tanto scontata come si pensava. Intanto, complimenti a Novak Djokovic per la vittoria odierna, e arrivederci a New York fra due settimane: ci sarà da divertirsi!

40 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giorgio Codeluppi - 2 mesi fa

    Niente alibi ,ma federer ha 37 anni ha giocato 2 match in un giorno .mai visto giocare cosi male ,secondo me e ‘nauseato di tennis

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Matteo Odolini - 2 mesi fa

      Anche Djokovic ne ha giocate 2 in un giorno . Quella con dimitrov e quella con raonic .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Giorgio Codeluppi - 2 mesi fa

      Ho detto 37 anni ok ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Patrizia Ferrari - 2 mesi fa

    Non avrà mai la classe di Roger… Eleganza pura…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Janet Greco - 2 mesi fa

    Luca Margheri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Sabina Bacoiu - 2 mesi fa

    Aaaaah, il culo che rode!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Giulio Gallo - 2 mesi fa

    la metà dei punti di Djokovic sono stati errori di federer
    se solo lo svizzero avesse giocato ad un livello decente non ci sarebbe stata partita
    purtroppo secondo me sta arrivando il momento di appendere quella racchetta al chiodo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Sabina Bacoiu - 2 mesi fa

      Ah si certo, perché quelli errori sono stati indotti dalla madonna. Ma dai!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Giulio Gallo - 2 mesi fa

      Sabina Bacoiu La maggior parte sono gratuiti o comunque azzardi di federer

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Antonella Sighinolfi - 2 mesi fa

      E almeno una quindicina di quei punti non li sbaglia neppure in allenamento…. una giornata no ….. comunque onore a Nole per il record

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Giulio Gallo - 2 mesi fa

      Antonella Sighinolfi a me dà l’impressione che non sia più in grado di gestire mentalmente i vari momenti di una partita, perché fisicamente è integro.
      O fa un lavoro psicologico adeguato o difficilmente vincerà ancora qualcosa di importante

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Antonietta Brugnola - 2 mesi fa

    Non lo reggo..è odiso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Giovanni de Nichilo - 2 mesi fa

    Lo sapevo che saresti tornato….. Ora torna ad essere il numero 1…….
    Sei un mito!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Steve Togni - 2 mesi fa

    Nole più solido con i suoi 2/3 metri fuori dal campo riesce ancora a mettere la palla dove vuole con una facilità disarmante. Federer meno forte del suo solito perché Nole lo costringe a scambi più lunghi e coprendo ottimamente il campo roger deve rischiare di più. Tifo scandaloso da stadio di calcio peccato che si lascia questo tipo di condotta il tennis dovrebbe rimanere tennis signorile sempre attaccato ai valori sportivi !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Massimo Mangiarotti - 2 mesi fa

    Se sta tornando …Sono cazzi amari per tutti. Bravo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Camolli Marco - 2 mesi fa

      Ahahah !!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Massimo Mangiarotti - 2 mesi fa

      Camolli Marco ridi ridi che.mamma ha fatto lo gnocchi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Anna Regazzetti - 2 mesi fa

    Bentornato Nole tu sei il principe e mi piaci molto,Ma Roger resta e rimarrà sempre il re del tennis

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Claudia Moreno - 2 mesi fa

    Credo che può essere tornato. Pero mi sa che crede di giocare a calcio. Certi gesti ed esternazioni non sono nella cultura del tennis. Ognuno fa storia d’accordo alla sua cultura. Bravo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Sabina Bacoiu - 2 mesi fa

      Ma hai visto lo stadio???
      Se certi gesti non sono nel tennis allora la gente non deve andare a fare come se fossero nella Cup.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Marisa Volpe - 2 mesi fa

    Grande!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Sandro Coni - 2 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Lorenzo Lo Iacono - 2 mesi fa

    Il top! Questo incredibile traguardo dimostra ancora una volta come Nole sia il giocatore più completo della storia.. Come dice Nick Bollettieri è il giocatore perfetto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Francesca Pomentale - 2 mesi fa

      Ma il re rimane sempre Roger !!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Lorenzo Lo Iacono - 2 mesi fa

      Ho dei seri dubbi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Camolli Marco - 2 mesi fa

      Il vero Re !!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Antonietta Brugnola - 2 mesi fa

      Ahahahahahah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Giovanni Rizzo - 2 mesi fa

      Federer è sempre il numero uno ….anche quando perde , vincere difendendosi non è tennis

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Camolli Marco - 2 mesi fa

      Antonietta Brugnola

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Lorenzo Lo Iacono - 2 mesi fa

      Giovanni Rizzo ma quale difesa?? Nole è un attaccante da fondo! Federer gioca solo slice… Qst è tennis invece… Poi se sulle palle break liscia la palla..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Vincenzo Anzalone - 2 mesi fa

    Chiedete scusa a Nole….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Lucia Maffi - 2 mesi fa

      Per che cosa perché lui ha voluto cambiare la panchina per essere superiore per poi avere bisogno anc di chi ti aveva portato in alto.. Bravo ma per me buffone

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Antonietta Brugnola - 2 mesi fa

      Ma sei fuori??il tennista più odioso della storia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Vincenzo Anzalone - 2 mesi fa

      Buffone quanto mai è ritornato…tutti hanno avuto una pausa o un momento no…ora è tornato ed è un dato di fatto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Branka Gencic - 2 mesi fa

      Antonietta Brugnola,non è buono / bello odiare nessun persona!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Sabina Bacoiu - 2 mesi fa

      Questi commenti sono ridicoli. Chiedere scusa e basta. Il tifo è stato scandaloso e la telecronaca ancora peggio!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Giuliana Cau - 2 mesi fa

      Sabina Bacoiu meglio. Col pubblico contro vince ancora di più.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Branka Gencic - 2 mesi fa

    Novak è tornato,soprattutto mentalmente …
    e per tutti questi buoni risultati,questo è il rispondo più importante!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Bete Cattai - 2 mesi fa

    Nollleeee campeão!!!! Parabéns

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Marco Bonfanti - 2 mesi fa

    Roger Rafa Nole
    20 anni di tennis stellare epico dove tutti i Record sono stati spazzati via
    Roger Federer the best

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy