Djokovic trionfatore a Parigi; è l’anno buono?

Djokovic trionfatore a Parigi; è l’anno buono?

Il campione serbo sembra inarrestabile. Trionfatore a Madrid ed in gran forma a Roma, Nole ha tutto per conquistare il sospirato Career Slam. Era così anche lo scorso anno….

Commenta per primo!

Maggio 2015 ; tutti, ma proprio tutti, pronosticano Novak Djokovic  vincitore a Parigi. Sappiamo come è andata. Maggio 2016; anche questo  sembra  l’anno giusto per sfatare l’ultimo tabù rimasto a separare  Nole dal Career Slam e dal giusto posto tra i cosiddetti “ GOAT”, ovvero quella categoria di Campioni  destinati ad appartenere alla Storia del Tennis e non più alla precipua era di attività. L’indicazione del GOAT è, in effetti,  esercizio atto più ad animare infinite discussioni tra appassionati e tifosi che ad assegnare il ruolo di Primo tra i primi. Un ruolo di “Primus inter pares”  che , però, persino Rod Laver  ha  assegnato al belgradese poche settimane fa , accanto al già investito King Roger.

Ma , per ora, resta quella benedetta terra rossa  parigina  da bagnare con lo Champagne e le previsioni , anche stavolta, dicono che Nole è lì , ad un passo dalla cima.

Nole roma 3

In effetti, le condizioni affinchè ciò avvenga vi sono tutte, come nel 2015;ma, a ben vedere, alcune diversità rispetto alla scorsa stagione ci sono, e non tutte giocano a favore del numero 1 del mondo.

E’ indubbio che la capacità di Djokovic  di alzare il suo livello complessivo nei match importanti , e soprattutto nei momenti importanti, sia divenuta ormai fenomenale. In quei frangenti , per Nole, inizia un altra partita, si gioca un’ altro tennis. La sua bravura nel “saltare” mentalmente sull’avversario  nei momenti cruciali rende  la sua gestione di quei punti   sempre più sapientemente conservativa. Se fosse in questo mondo, Novak sarebbe prossimo alla perfezione   nel gestire i momenti di “ up and down” dell’avversario in quei  fondamentali scambi , quasi leggendone il pensiero ed anticipandone le mosse con mostruosa efficacia. Portare l’avversario lì dove non vuole andare , con pochi rischi e feroce concentrazione. L’ incredibile  quantità di break-points salvati , o trasformati,  contro avversari  di spessore è lì a dimostrarlo.

Ma qualcosa, come detto,  è cambiato rispetto allo scorso anno. Se dal gruppo degli inseguitori potremmo,  a giusta ragione, quasi defilare Federer, in palese difficoltà nei tre su cinque,  tanto più su terra,  quest’anno abbiamo invece un Rafa in chiaro recupero; e si sa quanto l’aria del Roland Garros sia benefica per il maiorchino.  Andy Murray, poi,  lasciati alle spalle gli sbuffi di inizio anno ha dimostrato che sul clay  c’è.  In più , potremmo imbatterci  in un rigenerato  Wawrinka , o in alfieri della next generation nel pieno di  giornate esplosive.

Tuttavia, nonostante i giusti crediti da dare ai vari competitors, l’impressione è che il vero nemico di Nole sia un’ altro.

Tanto più la meta è agognata  da tanto, tanto più tende ad allontanarsi e può esser  ancor più faticoso il raggiungerla.

La dichiarazione di Becker, che poche settimane orsono ha indicato Nadal quale vero favorito a Parigi , si è rivelata tanto improvvida quanto infruttuosa  ed ha avuto quale  unico risultato lo svelare il vero  nervo scoperto di Nole, ovvero il peso del pronostico favorevole.  Ancora una volta tutti, ma proprio tutti, lo danno favorito. Un  pericolosissimo  dèjà vu. La pressione  sarà tanta  e la capacità di  gestirla farà la differenza.

Nole, quindi,  non è favorito nella prossima edizione del Roland Garros più di quanto non lo fosse in quella passata , quando vi  giunse oltremodo affaticato  a causa di un calendario, forse, troppo fitto.

Stavolta però, diversamente dal 2015,  l’avversario più duro da affrontare potrebbe non  essere quello visibile lì,  al di là della rete.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy