Federer al Roland Garros: sogno o son desto?

Federer al Roland Garros: sogno o son desto?

Il campionissimo svizzero si è fatto sfuggire alcune dichiarazioni che lasciano presagire la volontà di tornare a giocare sul rosso, dove manca da Roma 2016. Perché non provare allora proprio a Parigi, alla ricerca di un bis che avrebbe del surreale.

di Davide Lahmid

Roger Federer al Roland Garros? Dai, non si scherza con queste cose. Lo svizzero, per quanto allo stato attuale delle cose dominatore indiscusso del circuito, sembrava, coerentemente alla sua programmazione minima e quanto mai mirata volta alla massimizzazione dell’utile, aver accantonato le velleità sulla terra rossa, superficie sulla quale non gioca dal Master 1000 di Roma del 2016. Ancora più improbabile sembrava immaginare Roger tornare a danzare sui campi del Roland Garros, dove i 3 set su 5 sembravano fuori portata per il trentaseienne, soprattutto considerando la resistenza del Re della terra rossa (perdonateci la blasfemia), che l’anno scorso ha dimostrato di non aver intenzione di abdicare, per lo meno nel suo regno.

No, non abbiamo sbagliato tempo verbale: Roger potrebbe davvero tornare a Parigi, alla ricerca di un double che assumerebbe le sembianze di un’impresa storica, forse ancora più dell’ennesimo Wimbledon, forse ancora più del numero 1. La situazione dei diretti concorrenti, ma soprattutto le incognite sulle condizioni fisiche dell’eterno rivale Nadal, hanno forse spinto Roger a valutare lo scenario che fino a un paio di mesi fa pareva quantomeno utopico. “Sarebbe fantastico ritornare al Roland Garros. Il mio più grande sogno è quello di trionfare una seconda volta, anche se capisco quanto  possa essere difficile” queste le parole pronunciate dal numero 1 ai microfoni di Radio Montecarlo Sport. Parole che lasciano ben sperare, soprattutto se affiancate alle dichiarazioni concesse in occasione del Match for Africa, dove Roger ha compiuto un’analisi della sua carriera su terra battuta, una carriera resa non paragonabile a quella condotta sulle altre superficie solo dallo strapotere di Nadal sul mattone sgretolato; “A dire il vero posso dirmi giocatore da terra battuta. Ho giocato anche indoor, era quella la superficie dove mi allenavo durante l’inverno. Mi piaceva tantissimo giocare sulla terra; all’inizio della mia carriera ho incontrato difficoltà,  dal momento che sono stato sconfitto nei miei primi undici incontri, e poi ho impiegato parecchio tempo prima di riuscire a vincere il Roland Garros“.

Roger sogna, e i suoi tifosi con lui. Lo Svizzero però è ben consapevole del fatto che inseguire un sogno quasi irrealizzabile potrebbe costargli caro in ottica Wimbledon, così come gli era costato caro l’azzardo sul cemento americano dell’anno passato in ottica US Open. Certo è che Federer arriverebbe quest’anno a Parigi quasi sicuramente da numero 1, e le pressioni, da parte degli organizzatori e degli sponsor, ma non solo, saranno senz’altro maggiori. 

La storia d’amore fra Roger e Parigi potrebbe vivere un nuovo, forse finale, capitolo. Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti.

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Marley Roberto - 1 mese fa

    Può fare qualsiasi cosa… sei e sarai sempre magico!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Salvatore Bunone - 1 mese fa

    Lascia perdere il roland garros perché lo sai bene che non lo potrai vincere mai se fossi in te penserei il torneo di Wimbledon almeno lì c’è una possibilità di vincere in bocca al lupo te lo dice un nadaliano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Angela Bruni - 1 mese fa

    Se rientra Nadal non hai possibilità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Enrico Filippini - 1 mese fa

    immagino che gli sponsor gli stiano proponendo Parigi con superbonus milionario partite serali e campo reso in qualche modo più veloce….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Matteo Zanini - 1 mese fa

    A Wimbledon non deve dimostrare nulla…penso che farebbe bene a provare . Non ha nulla da perdere e nulla da dimostrare ma dal punto di vista suo personale , vincere ipoteticamente un RG sarebbe un tassello di enorme valore in questa sua fase di una carriera già irripetibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Barbara Maggiora - 1 mese fa

      Sono assolutamente d’accordo con te Matteo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Roberto Esposito - 1 mese fa

    Ha vinto una volta dovrebbe ripetersi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Scalzo Orlando - 1 mese fa

    Se lo fa perde occasione di rivincere Wimbledon abbastanza facile non essendoci nessuno farebbe la cazzata del secolo…mah

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Roberto Corbetta - 1 mese fa

    speriamo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Nikolas Ferro - 1 mese fa

    io credo che come unico torneo sul rosso e come n1 abbia un Po il dovere di andarci e seguendolo conoscendo come parla da una vita salvo problemi ci andrà! Nessuno ci ha ancora pensato ma dopo il bis in Australia Roger vuole darsi una ultima possibilità x un possibile grande slam! È questo il vero movente non tanto rivincere di x se il Roland garros

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Claudia Cavallaro - 1 mese fa

    Perché non Roma? Ho già i biglietti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Monica Borgna - 1 mese fa

      Magari!! Anch’io li ho!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Claudia Cavallaro - 1 mese fa

      Non vedo l’ora!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Edoardo Alessandrini - 1 mese fa

      Per quello che ha detto Binaghi anno scorso..Roma non se lo merita neanche come turista. Mi spiace per chi ha già i biglietti..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Silvio Mia - 1 mese fa

    Credo sarebbe un grosso errore. Non penso potrebbe vincere il torneo e comprometterebbe anche Wimbledon…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Edoardo Alessandrini - 1 mese fa

    Giocare Parigi sarebbe la cazzata dell’anno, così come farsi ingolosire pensando che Nadal non si presenti in forma sul rosso. Spero che qualcuno del suo team lo distolga da questa fantasia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy