Federer conquista il successo numero 1.100: “Ora voglio vincere Wimbledon”

Federer conquista il successo numero 1.100: “Ora voglio vincere Wimbledon”

Il n. 5 al mondo, impegnato nell’Atp 500 di Halle, parla dopo la vittoria contro Yuichi Sugita: “Sono felice di come ho giocato, la sconfitta contro Tommy Haas a Stoccarda mi ha dato carica e motivazioni”.

6 commenti
Nonostante il lungo periodo di assenza dai campi durante la stagione su terra battuta, Roger Federer non sembra aver perso la forma smagliante di inizio stagione. Sulla sua erba, nell’Atp 500 di Halle, torneo che ha vinto in ben otto occasioni, ieri ha battuto in appena 52 minuti il 28enne giapponese lucky loser Yuichi Sugita, con un secco 6-3 6-1. Grazie a questo risultato, il n. 5 al mondo ha conquistato il successo numero 1.100 in carriera, un traguardo che avrebbe potuto cogliere già la scorsa settimana a Stoccarda, dove è stato fermato agli ottavi di finale da Tommy Haas. Roger è secondo nella classifica per numero di vittorie conquistate, dietro solo all’inarrivabile (?) Jimmy Connors, a quota 1.256.
 d
“VOGLIO VINCERE ANCORA TANTI MATCH” – In conferenza stampa dopo la vittoria, Roger ha commentato il suo ennesimo traguardo. “Raggiungere questo numero di vittorie è spettacolare, ho fatto un lungo percorso per arrivare fino a qui. Oggi ho giocato un gran match, sono riuscito a fare quello che volevo: ho fatto buoni punti e sono stato aggressivo negli scambi e solido al servizio. Insomma, nel compesso sono soddisfatto”, ha detto il n. 5 al mondo, che all’inizio doveva giocare contro il taiwanese Yen-Hsun Lu, ritiratosi all’ultimo momento per problemi fisici. Al prossimo turno del Gerry Weber Open, Roger sfiderà il tedesco Mischa Zverev, n. 29 del ranking e fratello maggiore di Alexander, contro cui lo svizzero è avanti 3 a 0 negli scontri diretti (ultima vittoria nei quarti di finale a Melbourne 2017).
 d
“IL MIO OBIETTIVO È WIMBLEDON” –  Federer punta moltissimo sul Major londinese: il suo periodo di assenza negli scorsi due mesi si deve infatti alla scelta di conservare preziose energie per tentare di vincere per l’ottava volta sui prati dell’All England Club (l’ultimo successo risale al 2012) e conquistare il suo 19esimo Slam in carriera, a quattro titoli di distanza dal rivale Rafael Nadal, a quota 15. “Dopo la vittoria agli Australian Open, una volta tornato a casa – ha spiegato – non mi sentivo pronto dal punto di vista fisico e mentale per giocare al Roland Garros. La stagione sull’erba è il mio grande obiettivo di quest’anno. Per questo ci sono rimasto male per la sconfitta della settimana scorsa contro Haas, volevo fare bene. Ma forse questo passo falso era proprio quello che ci voleva per caricarmi e motivarmi in vista di Halle e Wimbledon”. A detta di numerosi esperti e allenatori, come Toni Nadal, Magnus Norman e Pat Cash, Roger è il favorito numero uno. Sarà davvero così?
6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Roberto Valvieri - 5 mesi fa

    È difficile ma non per te ma per gli avversari vincerlo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Laura Brunoni - 5 mesi fa

    E secondo me ce la fa!!! Purtroppo x me e x LUI… Federico Brunoni Michela Filacchioni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Michele Monfasani - 5 mesi fa

    Dipende solo da te

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Daniele Catullo - 5 mesi fa

    halle è un 500 , poi sono sbagliati gli anni in cui Federer ha vinto gli Wimbledon ( sono dal 2003 al 2007 , 2009 e 2012 )

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Samuele Grotti - 5 mesi fa

    Atp 500

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Demetrio Rovitto - 5 mesi fa

    Halle è un 500

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy