Federer e Djokovic sul coaching in campo

Federer e Djokovic sul coaching in campo

Il serbo e lo svizzero hanno opinioni discordanti sui cambiamenti nel regolamento degli U.S. Open

7 commenti

Hanno reagito diversamente Roger Federer e Novak Djokovic per quanto riguarda la possibilità nelle qualificazioni degli U.S. Open di poter usufruire del coaching.

Il torneo permetterà ai giocatori di poter parlare con i propri coach mentre si trovano nello stesso lato del campo, e di poter gesticolare qualora il tennista si trovi dall’altra parte del campo.

In più un orologio di 25 secondi verrà utilizzato per far rispettare il riposo tra un punto e un altro.
Federer non è sembrato tanto incline a questo cambiamento nelle regole: “Non sono d’accordo. Penso sia bello che nel tennis ci sia solamente tu. Inoltre non tutti hanno le stesse possibilità per pagare gli allenatori. Potrebbe essere una cosa interessante da vedere, anche se a livello juniores accade ovunque che i coach e i giocatori parlino senza problemi.

rs_1024x759-140706084136-1024.Roger-Federer-Wimbledon.jl_.070614_copy

Federer, che si è lamentato spesso sul gioco lento, abbraccia la regola del timer di 25 secondi,  pensando però  che questo  non sia il miglior modo per far rispettate tale obbligo.

“È una cosa interessante. Ma, per esempio, dopo aver recuperato ad un drop shot e aver giocato sicuramente uno scambio molto duro c’è bisogno di riposare. Penso dovremmo far rispettare la regola step by step. Proviamo e vedremo come andrà”.

Al serbo invece piace l’idea del consentire il coaching durante l’incontro, ma non solo agli U.S. Open. Nole supporta anche il piano della Atp di provare le conversazioni con gli auricolari tra giocatori e allenatori.

novak-djokovic-

“Ad essere onesti penso sia una bella cosa. Certamente bisogna rispettare i tempi del battitore. Le cuffie in campo sarebbero belle: conversando così è molto più confortevole ed anche intimo.
Converrebbe anche da un punto di vista commerciale. Sicuramente ci sono un sacco di compagnie di cuffie che vorrebbero investire nel tennis. Da quanto ho capito gli spettatori tv potrebbero sentire le nostre conversazioni.”

DjokerNole non si capacita perché nel tennis, a differenza di molti sport, non permette il coinvolgimento dei coach durante il gioco.

london-finals-2015-sunday-djokovic

“Quando la Wta ha introdotto il coaching in campo, molti giocatori uomini non erano d’accordo. Ritengo invece che sia un buon cambiamento per il nostro sport, che è probabilmente l’unico al mondo che non permette ai coach di intervenire in aiuto dei giocatori con dei consigli”.

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Enrico Filippini - 5 mesi fa

    autocontrollo,astuzia,malizia,capacità di interpretare la psicologia dell’avversario,le sue debolezze e molto altro…….sono i pregi,durante il match, dei giocatori vincenti a tutti i livelli e ciò che rende il tennis uno sport unico nel formare i giovani.inserire altre figure in questo contesto mi sembra una immensa perdita di valori umani a prescindere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabiana Cortesi - 5 mesi fa

    Cambiamenti interessanti… vedremo gli sviluppi …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marco Antonelli - 5 mesi fa

    Ha completamente ragione Federer

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giuliana Cau - 5 mesi fa

    Io non ci trovo niente di male al coching anche per gli uomini. Con una regolamentazione seria, limitandolo alla fine del set e di una durata non superiore ai 100 secondi mi sembra una cosa fattibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Giselda Meneghetti - 5 mesi fa

    Roger ha ragione , loro giocano con la loro testa ! Non è un gioco di gruppo !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Enzo Chiarolanza - 5 mesi fa

    E pure su questa sto con RF..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Cristian Quarantelli - 5 mesi fa

    Simone Valesi cosa ne pensi?????

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy