Felix Auger-Aliassime e quel poster di Nadal in camera

Felix Auger-Aliassime e quel poster di Nadal in camera

“Gli ho detto di levarlo”: a confessarlo è Denis Shapovalov, conterraneo e amico fraterno dell’astro nascente canadese.

di Filippo Gallino, @Pheeling7

Felix Auger-Aliassime se la vedrà con Rafael Nadal per la prima volta oggi pomeriggio al Masters 1000 di Madrid: solo un paio di anni fa il 18enne aveva un poster dello spagnolo in bella vista sulla parete di camera sua. Indovinate chi è stato il responsabile della rimozione? Denis Shapovalov, sconfitto proprio da Aliassime al primo turno del Mutua Madrid Open.

Due anni fa durante la sua straordinaria corsa alla Rogers Cup di Montréal, Shapovalov alloggiava a casa di Felix Auger-Aliassime. In quell’edizione sconfisse Nadal con il punteggio di 3-6 6-4 7-6 di fronte a un pubblico in visibilio e diventò il più giovane giocatore della storia di un Masters 1000 a giocare un quarto di finale. Quella notte festeggiò con la famiglia di Felix, composta da sua mamma e sua sorella. “La cosa divertente è che lui aveva un poster di Rafa a casa sua” – Shapovalov ha confidato ai microfoni di ATP Uncovered – “L’ho tolto per scherzo. Gli ho detto ‘dobbiamo tirarlo giù’. Dopo quella vittoria l’ha levato sul serio e mi ha detto ‘ora metterò il tuo’. È stato un grande momento.”

Sono arrivati grandi momenti quest’anno per le due star NextGen, entrambi hanno raggiunto il proprio best raking (Shapovalov #20 e Auger-Aliassime #30) grazie, per esempio, alle semifinali a Miami di entrambi e alla finale all’ATP 500 di Rio de Janeiro per il classe 2000. “Non mi sarei mai aspettato di arrivare qui così presto. È sempre stato il mio sogno e continuerò ad inseguirlo” – ha detto Auger-Aliassime: “Solo qualche mese fa stavo cercando di entrare tra i primi 100 del mondo e a provare ad essere tra i primi 50 entro la fine dell’anno. È pazzesco essere in top 30, ma c’è un sacco di lavoro dietro. Mi sto solo divertendo ora.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy