Gasquet, crac all’IPTL: addio Australian Open?

Gasquet, crac all’IPTL: addio Australian Open?

Richard Gasquet, reduce dall’infortunio alla schiena in cui è incappato durante l’IPTL, ha già dato forfait per l’ATP 250 di Doha in partenza il prossimo 4 gennaio.

In queste ore è tornato sull’argomento concedendo un’intervista a tennismagazine.fr. Riportiamo qualche stralcio: “Vedremo come andrà il recupero, ma sono abbastanza positivo, non credo andrà come l’ultima volta che mi sono dovuto fermare per due mesi”.

Nonostante l’infortunio, Gasquet apprezza questa manifestazione e si dichiara pronto a partecipare anche l’anno prossimo: “Erano tutti lì: Roger, Rafa, Serena… Un’esperienza bella, divertente, in un formato differente e con la possibilità di visitare nuovi Paesi”.

Ha esplicitato inoltre la volontà di partecipare ad alcuni doppi nel 2016 con Tsonga, seguendo le richieste del capitano di Davis, Noah. Il tutto sarà un po’ improvvisato, anche perché dopo l’Australia Tsonga andrà in Sudamerica mentre Gasquet tornerà in Europa: i due potrebbero quindi giocare insieme per la prima volta direttamente in Coppa Davis a marzo.

Torniamo però al tema principale: Gasquet, dopo aver fatto la riserva al Masters di Londra, si è prima recato a Budapest per un’esibizione per poi partecipare al tanto discusso e acclamato IPTL.

Lo spettro ritiro dagli Australian Open non è ora tanto remoto e verrebbe anche da chiedersi: possibile che i tennisti si lamentino puntualmente dell’eccessiva lunghezza delle annate e di quanto sia faticoso reggere dal punto di vista fisico per poi, invece di riposarsi e allenarsi, darsi senza remore al mondo delle esibizioni in un periodo così delicato dell’anno? Facili guadagni equivale anche a facili rischi, soprattutto per un Gasquet notoriamente fragile come il cristallo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy