Hopman Cup: Roger Federer supera Zverev in rimonta e porta la Svizzera a un passo dalla vittoria

Hopman Cup: Roger Federer supera Zverev in rimonta e porta la Svizzera a un passo dalla vittoria

Lo svizzero commette qualche pasticcio di troppo nel primo parziale perso al tie-break, poi travolge il giovane tedesco con una prestazione straordinaria. Le sorti della Germania sono nelle mani di Angelique Kerber, sotto 3-0 negli head-to-head contro Belinda Bencic.

di Michele Alinovi

Un’altra vittoria per Roger Federer, in questa prima settimana della stagione 2018. A 17 anni dal suo primo e finora unico titolo vinto alla Hopman Cup insieme a Martina Hingis, nel 2001, il 36enne svizzero mette a segno una magica e preziosissima vittoria contro il tedesco Alexander Zverev con il punteggio di 6(4)-7 6-0 6-2 in 1 ora e 50 minuti, nel primo incontro della finale dell’esibizione a squadre con sede a Perth, Australia. Grazie a questo successo, ora la Svizzera è a solo un punto dal secondo titolo del Paese – e di Roger. Decisivo sarà l’incontro di singolare femminile tra l’ex n. 1 tedesca Angelique Kerber, sulla carta leggermente favorita contro la 20enne Belinda Bencic, la quale però è avanti 3 a 0 negli scontri diretti. In caso di pareggio, le sorti della finale saranno decise dal doppio misto finale.

PRIMO SET TEDESCO – L’inizio del match è molto equilibrato, anche se non privo di occasioni da entrambe le parti. Nel primo game Zverev, complice qualche errore di troppo al servizio dell’avversario, ottiene tre palle break consecutive, che però Roger riesce ad annullare, per poi incamerare il game. Nel turno successivo è Federer ad avere ben tre occasioni per il 2 a 0, in un game lungo circa 10 minuti, nel quale il tedesco riesce a risorgere e conquistare il primo punto. Da lì in poi il parziale è molto più equilibrato ed entrambi i giocatori tengono senza enormi difficoltà i turni di servizio, se si esclude una palla break per Zverev nel settimo gioco. Il campione degli ultimi Internazionali d’Italia sembra un giocatore completamente diverso da quello visto ieri nella sfida persa contro il 21enne aussie Thanasi Kokkinakis, da anni martoriato da problemi fisici. Il campioncino di Amburgo regge molto bene lo scambio con Federer, il quale spesso cerca il vincente per accorciare, trovando splendide soluzioni alternate a qualche ‘gatta’ dettata dalla troppa fretta. Il match prosegue equilibrato fino al 6-5, dove lo svizzero si procura una palla set, eliminata da un poderoso dritto incrociato dell’avversario, che porta le sorti al tie-break. Qui una clamorosa volée sbagliata dello svizzero (seguita da un insolito gesto di stizza e lancio della pallina verso gli spalti) permette a Zverev di salire in vantaggio prima 3-1 poi 5 a 4, per poi chiudere 7 a 4.

DOMINIO ROGER – Nel secondo set la partita cambia totalmente direzione. Roger, più sciolto e libero dal nervosismo e, chissà, dalla tensione mostrata nel primo parziale, diventa praticamente perfetto, riuscendo a dominare sin dal primo punto il giovane avversario, che forse aveva approfittato per prendere un po’ di fiato, non immaginandosi forse una simile reazione. Se il primo set era durato 58 minuti, il secondo, finito 6-0 per lo svizzero, dura appena 23 minuti, il terzo 29, con due miseri game della bandiera concessi a uno Zverev sempre più rassegnato. Federer è completo padrone della scena, fa quello che vuole: tra splendidi dropshot, cambi di direzioni e recuperi incredibili che gli permettono di chiudere il match senza fatica, anche grazie al servizio ritrovato. Federer porta così il suo Paese avanti 1 a 0, mostrando una forma ottimale (seppur con qualcosa da migliorare) in vista degli Australian Open. Più dubbia la prestazione di Zverev, che in questi primi incontri a Perth ha mostrato un rendimento molto irregolare, fra prestazioni perfette e preoccupanti passaggi a vuoto segnati dall’impossibilità di reagire. Vedremo se anche stavolta, come in semifinale, la ‘socia’ Angelique Kerber riuscirà a rimediare alla sua sconfitta e regalare alla Germania il terzo titolo in Australia, dopo quelli ottenuti nel 1993 (con Micheal Stich e Steffi Graf) e nel 1995 (grazie a Boris Becker e Anke Huber).

Hopman Cup 2018 (Perth) – Finale:

R. Federer b. A. Zverev: 6(4)-7 6-0 6-2 

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giacomo Corona - 10 mesi fa

    Mostro…PUNTO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giovanni Della Chiesa - 10 mesi fa

    Zverev non sarà mai come lui

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Roberto Zambrelli - 10 mesi fa

    Alla faccia di quei coglioni rosiconi che continuano a dire che Roger vince contro nessuno, che gioca da solo, che vincera’ gli AO a mani basse perche’ da solo ……Avete rotto le palle !!!! Almeno state zitti che fate piu’ bella figura

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mirko Cappilati - 10 mesi fa

      Ricordati che chi parla male del MITO e perché sanno che è il migliore di tutti.non dar peso ai non sportivi e la miglior cosa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Roberto Zambrelli - 10 mesi fa

      Mirko Cappilati non gli do peso pero’ ogni giorno sentire sempre le solite cazzate sui social e anche nei luoghi che frequenti….che palle

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Jean Peter Lobe - 10 mesi fa

    Roger per sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Andrea Giacchi - 10 mesi fa

    Il primo set lo ha gettato Roger alle ortiche poi ha detto: portiamo a scuola il ragazzo che deve imparare tante cose

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Federico Raimondo Mele - 10 mesi fa

    Stato di grazia.Gioca per divertirsi e fa divertire…alla faccia dell’etá!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Uccio Giuffrida - 10 mesi fa

    ROGER IS HOW THE WINE….MORE OLD MORE GREAT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Milena Ginocchio - 10 mesi fa

    Sei meraviglioso come sempre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Trimonti Maurizio - 10 mesi fa

    Molti sono oscurati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Trimonti Maurizio - 10 mesi fa

    In streaming dove?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Vincenzo Ticali - 10 mesi fa

    Semplicemente devastante

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Michela Poletti - 10 mesi fa

      A tratti umiliante per il giovane tedesco

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Vincenzo Ticali - 10 mesi fa

      Si sognera’ tutti i drop shot che Federer gli ha fatto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Vincenzo Ticali - 10 mesi fa

      Ad oggi Federer è il primo favorito oer gli AO

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy