Isner, con questo servizio tutto è possibile

Isner, con questo servizio tutto è possibile

La semifinale del Miami Open sarà una vera e propria battaglia di potenza: Del Potro raggiunge un Isner in stato di grazia, e quel servizio…

di Alessandro Leva

Che il quarto di finale tra Hyeon Chung e John Isner non fosse chiuso non era una novità, ma nessuno si sarebbe mai aspettato un divario del genere tra i due tennisti. L’americano ha sfoderato una prestazione di altissimo livello, sconfiggendo nettamente il suo avversario in due comodi set col punteggio di 6-1 6-4. Sono bastati solo 69 minuti a Long John per approdare a quella che sarà la sua 11esima semifinale nei tornei Masters 1000, ma addirittura la quarta a partire da Roma 2017. Il match ha avuto come protagonista la prima di servizio di Isner, grazie al quale il nativo di Greensboro ha vinto 31 punti su 32.

2018-03-27T182731Z_1_LYNXMPEE2Q1PM-OUSSP_RTROPTP_3_SPORTS-US-TENNIS-MIAMI-MEN

Ovviamente ho notato il mio rendimento al servizio, ma non penso sia stata la mia unica arma decisiva” – precisa Isner – “mi sentivo bene, sono riuscito a muovermi come volevo, portando pazienza da fondo campo nei momenti necessari”. L’americano, al termine del suo incontro, non sapeva ancora chi avrebbe affrontato in semifinale (Del Potro) e si era espresso nel seguente modo riguardo i due potenziali avversari: “Del Potro sta giocando il miglior tennis in questo momento, mentre Milos è in ripresa… sarà una bella partita!” E infatti così è stato.

“Devo continuare così, stare calmo e rilassato sul campo e giocare il mio tennis. Non puoi giocare con tensione, bisogna divertirsi ed è quello che sto facendo questa settimana”. Per Isner non sarà facile raggiungere la quarta finale in un Masters 1000 della carriera, poiché Del Potro è il giocatore più in forma in questo periodo. D’altro canto, l’occasione è ghiotta perché, se approdasse alla finale, Isner non si troverebbe di fronte per la prima volta uno dei “Fab Four”, visti i precedenti a Indian Wells 2012 (sconfitto da Federer), Cincinnati 2013 (sconfitto da Djokovic) e Parigi Bercy 2016 (sconfitto da Murray).

No-1-Andy-Murray-dispatches-John-Isner-for-Paribas-title

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Dario Liberati - 4 mesi fa

    che schifo isner mamma mia ! se non era per il servizio era una scopa con una racchetta in mano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Nicolò Vallone - 4 mesi fa

    Danilo Motta Un incontro da non perdere, che dici 😛

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Danilo Motta - 4 mesi fa

      nooooooo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Massimo Mangiarotti - 4 mesi fa

    Alessandro Mazzoli. Sai quanti interventi ha subito Delpo al polso quando era destinato ad entrare nei top tre?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Rizzo - 4 mesi fa

      Massimo, verissimo. Ma quando finge?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Marco Ramona - 4 mesi fa

      Ma cosa finge… Da tifosissimo di calcio speravo che almeno nel Tennis ci fosse equilibrio nel giudizio. Mi devo ricredere. Grande DelPo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Sonia Dipasquale - 4 mesi fa

      Adesso va di moda dire che finge di essere infortunato così vince facile sugli avversari

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Matteo Margarita - 4 mesi fa

    Andrea Winnie Davola quello che dicevamo ieri sul servizio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Alessandro Mazzoli - 4 mesi fa

    Poi Del potro fingerà di star malissimo e vincerà…finto come i soldi del Monopoli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Matteo Margarita - 4 mesi fa

      Parole sante Tommaso Marsaglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Scalzo Orlando - 4 mesi fa

      E’ un buon sudamericano del resto la cultura Latina è questa….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Marco Ramona - 4 mesi fa

      Bella la cultura dell’ italiota Fognini.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Massimo Mangiarotti - 4 mesi fa

      Cui prodest?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Tommaso Marsaglia - 4 mesi fa

      Matteo Margarita forte come un campione

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy