Juan Martin Del Potro: “Mi fa male dappertutto, ma non sono preoccupato su niente”

Juan Martin Del Potro: “Mi fa male dappertutto, ma non sono preoccupato su niente”

Il campione argentino fa ritorno a Buenos Aires con più sicurezze di prima e parla dell’eventuale partecipazione alle olimpiadi di Rio di quest’estate.

La semifinale raggiunta a Delray Beach gli ha dato pù confidenza, anche se non è difficile tornare dopo 11 mesi senza giocare un match professionistico.

Mi fa male tutto” – ammette Del Potro intervistato dalla stampa locale all’areoporto – “Ma sono stato eliminato. Mi sono divertito a tornare, ero mentalmente preparato ad uscire presto ma non è accaduto. Ora, senza pressione, mi prendo il mio tempo e il mio obiettivo è quello di ridurre gradualmente il gap con quelli che sono più forti di me. Ho avuto strane sensazioni durante il mio primo match, ma ogni giorno che passa sento che il polso sta meglio“.

Dopo i quattro interventi, molti fans dubitavano del suo ritorno, ma Delpo ha assicurato che “Sapevo che sarei tornato prima o poi“.

Avrebbe dovuto partecipare ad Acapulco questa settimana, ma ha scelto di ritirarsi perchè, come ha già detto, si sente molto stanco. Tuttavia “Giocherò Indian Wells e Miami, prima di prepararmi alla stagione su terra: dipenderà da come mi sentirò“.

In una sola settimana l’ex numero 4 del mondo è volato da una posizione vicino alla 1000esima alla 420. E’ comunque consapevole che riceverà delle wild-card e perciò “Non sento pressione per il ranking. Cerco piuttosto di giocare una buona stagione senza infortuni“.

L’argentino, vincitore della Medaglia di Bronzo a Londra 2012, secondo il ranking non è in grado di giocare i Giochi Olimpici a Rio e non ha giocato nessun match di Davis negli ultimi quattro anni. Delpo ha affermato che potrebbe ricevere una wild card: “Sarebbe un sogno giocare alle Olimpiadi, ma non so se stavolta potrò esserci, se vogliono invitarmi, lo spero“-

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy