Karlovic e il record di aces

Karlovic e il record di aces

Volete imparare a servire bene? Facile, andate in Croazia, o meglio ancora, provate a nascere là.
Fuori di scherzo, la notizia del nuovo record di aces in carriera messi a segno nel tennis professionistico da parte di Ivo Karlovic in realtà ne contiene un’altra. Ovvero che la terra dei grandi bombardieri al servizio è proprio è la terra delle “mille isole”, perché questo record era detenuto fino a ieri da Goran Ivanisevic.

Karlovic, pur perdendo contro Pablo Cuevas nel secondo turno del China Open, ha raggiunto quello che già nello scorso agosto pareva un obiettivo cui teneva parecchio, avendo superato i 10000 aces in carriera: ora ha agganciato e superato a quota 10183 Ivanisevic, attestandosi a 10247. Sono numeri stratosferici, se pensate che il terzo di questa classifica è tale Roger Federer, staccato di un centinaio di lunghezze.

ivanisevic-wimbledon.jpgkarlovic-600x337

Per quello che valgono le statistiche (ricordiamo quello che sosteneva David Foster Wallace in merito) il risultato è straordinario, tanto più che il risultato di Karlovic è ottenuto alla verde età di 36 primavere compiute, e proprio in quella che è da considerarsi a tutti gli effetti la sua stagione migliore, segno che i vecchietti del tennis mondiale non accennano ad abbassare la guardia nonostante il tempo che passa. Nel caso del croato (discorso che vale per tutti i grandi servitori, comunque) andrebbero conteggiati in una classifica a parte anche i servizi vincenti, quelli in cui l’avversario non è riuscito che a sfiorare o sporcare appena la traiettoria della sassata scagliata dai 211 cm di Ivo.

Per chiudere un ricordo vecchio 10 anni, ma calzante. Wilmbledon 2005. Avevo già sentito il nome di questo croato in giro per il circuito, leggendo cronache e risultati, ma non lo avevo visto giocare. Succede che grazie alla buona compertura televisiva proposta da Sky per il torneo di Church Road posso seguire il match tra Daniele Bracciali e Ivo Karlovic, primo turno. Una battaglia infinita, che termina col successo di Daniele per 12-10 al quinto, dopo 3 tiebreak. Vado nelle statistiche e vedo che il nostro rappresentante aveva al suo attivo 31 aces, mentre 51 erano quelli del croato. Due settimane prima, a Surbiton, stessa musica, con 3 tiebreak e ancora vittoria di Daniele. Se 31 aces sono un numero notevole, 51 erano fuori dalla grazia di Dio. Mi chiesi dove sarebbe potuto arrivare quel giocatore rubato al basket: oggi, dopo 10 anni, mi accorgo che quel colpo e tanta applicazione, Ivo Karlovic è arrivato molto lontano e la sua carriera merita davvero tanto rispetto, non solo per il record di aces che resterà imbattuto a lungo, credo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy