Atp Kuala Lumpur e Shenzhen: sorride Kyrgios, si ritira Gulbis

Atp Kuala Lumpur e Shenzhen: sorride Kyrgios, si ritira Gulbis

Prima giornata condizionata da due ritiri su quattro nei tornei asiatici. Ad approfittarne è stato Nick Kyrgios in Malesia, che dopo aver avuto la meglio su un Giraldo in evidenti difficoltà fisiche, troverà dall’altra parte della rete il vincente di Nieminen-Ito.

Commenta per primo!

Si sono conclusi i primi match dei due tornei asiatici in corso questa settimana. A Kuala Lumpur esce di scena a sorpresa Sam Groth contro Benjamin Becker dopo un primo set da brivido condito da ben 6 doppi falli e 3 break subiti. Nel secondo set entrambi i tennisti giocano in maniera impeccabile al servizio ma al tie break la spunta il tedesco  nonostante l’australiano fosse avanti per 6-4. 6-1 7-6 il punteggio finale in favore di Benjamin Becker.

Nel secondo match di giornata avanza facile Nick Kyrgios che approfitta di un ritiro di Giraldo che nel primo set aveva mostrato evidenti problemi fisici. A Shenzen esce subito di scena Ernests Gulbis che dopo un primo set combattuto e perso al tie break contro l’australiano Millman, decide di ritirarsi consegnando all’ avversario il match e l’accesso al secondo  turno.

Austin+Krajicek+Australian+Open+Qualifying+qkVAbvqeE3pl

 

Partita combattuta invece quella tra Austin Krajicek e James Duckworth. Il primo set segue un andamento molto strano con l’americano che subisce il break sul 5-4 e servizio in suo favore perdendo la frazione per 7-5. Nel secondo set l’americano va ancora avanti di un break ma al momento di chiudere il set, subisce di nuovo il break che lo costringe a finire il set con l’epilogo del tie break. Krajicek riesce a portare a casa il tie break e nel terzo set approfitta di un calo fisico e mentale dell’australiano chiudendo la partita per 5-7 7-6 6-1

Nella mattinata di domani assisteremo agli altri match in programma nei primi turni dei rispettivi tornei.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy