La stagione sul rosso è al via, riuscirà Nadal a difendere il trono?

La stagione sul rosso è al via, riuscirà Nadal a difendere il trono?

È tempo di primavera e questo per i tennisti significa una cosa sola: terra battuta. Quali saranno i protagonisti dei prossimi tornei? Nadal riuscirà a difendere la vetta della classifica o Roger effettuerà il contro-sorpasso? Andiamo a vedere cosa ci aspetta nelle prossime settimane.

di Riccardo Costarelli, @rickycostarelli

Archiviata la prima parte della stagione sul veloce, che di sicuro non è stata avara di sorprese, è tempo di volgere lo sguardo verso le prossime nove settimane di tornei sul rosso.

Ben 13 saranno infatti gli eventi del circuito ATP che si disputeranno sulla terra a partire dal prossimo 9 aprile a Houston, fino ad arrivare al 10 giugno, giorno in cui si incoronerà il vincitore dello slam parigino.

Con moltissimi punti a disposizione (su 13 tornei ci saranno 3 Master 1000 ed un Major), tutti gli occhi saranno puntati sul favorito di sempre, Rafa Nadal. Lo spagnolo, che in questo 2018 ha potuto giocare solo gli Australian Open, durante i quali è stato forzato al ritiro nei quarti contro Cilic, dovrà cercare di difendere la strepitosa stagione disputata l’anno passato, in cui riuscì a guadagnare la bellezza di 4680 punti grazie alle vittorie di Monte Carlo, Barcellona, Madrid e Parigi.

Al momento Rafa si è appena riportato al comando del ranking ATP, in seguito alla prematura uscita di scena di Roger Federer a Miami, ma lo svizzero gli sta col fiato sul collo ad appena 100 punti di distanza.

Ciò significa che al primo passo falso del maiorchino, Roger potrebbe effettuare il contro-sorpasso direttamente dal divano di casa, non avendo alcun punto da difendere esattamente come 365 giorni fa.

Lo spagnolo dunque si trova costretto a vincere tutto, compreso un incredibile undicesimo titolo ai French Open, se non vuole vedersi costretto a scendere dal suo trono. L’unica possibilità di allungo per Nadal è data dal nostro caro Foro Italico, dove Rafa potrebbe guadagnare punti preziosi solo andando oltre i quarti di finale, risultato che non gli riuscì nel 2017 quando perse da un Dominic Thiem in ottima forma.

L’impresa di difendere 4680 punti in soli 5 tornei (più punti di quanti ne abbia conquistati Grigor Dimitrov in tutto il 2017) sembra piuttosto complicata, ma si sa che Rafa ci ha abituato anche all’impossibile.

Ma oltre ai soliti nomi noti, in questi primi 3 mesi di stagione abbiamo visto come molti altri giocatori sembrino anch’essi essere pronti a dare battaglia. Durante la passata stagione su terra, sei tennisti sono riusciti a guadagnare più di 1000 punti e ce ne sono molti altri che, invece, vorranno sfruttare gli scarsi risultati passati per raccogliere punti preziosi. Qui di seguito la classifica dei Top 40, con i relativi punti da difendere:

Rafael Nadal – 4680

Roger Federer – 0

Marin Cilic – 980

Alexander Zverev – 1575

Grigor Dimitrov – 200

Juan Martin del Potro –  310

Dominic Thiem – 2070

Kevin Anderson – 395

John Isner –  495

David Goffin  –  765

Lucas Pouille –  720

Pablo Carreno Busta –  800

Novak Djokovic – 1500

Sam Querrey –  190

Diego Schwartzman –  415

Jack Sock –  200

Roberto Bautista Agut –  460

Tomas Berdych –  465

Hyeon Chung –  332

Fabio Fognini –  235

Stan Wawrinka – 1640

Milos Raonic –  690

Albert Ramos-Vinolas –  935

Nick Kyrgios –  135

Adrian Mannarino –  195

Kyle Edmund –  232

Filip Krajinovic –  136

Borna Coric –  491

Gilles Muller –  250

Andy Murray – 1090

Feliciano Lopez –  325

Damir Dzumhur –   76

David Ferrer –  270

Philipp Kohlschreiber –  190

Andrey Rublev –   42

Fernando Verdasco  –  325

Jo-Wilfried Tsonga –  315

Richard Gasquet –  135

Kei Nishikori –  720

Karen Khachanov –  390

Come abbiamo già detto dunque, Nadal sarà costretto a tornare ai suoi massimi livelli se vorrà rimanere in vetta alla classifica, mentre Roger Federer potrebbe sfruttare ogni piccolo errore dello spagnolo per detronizzarlo, non avendo alcun punto da difendere prima dell’erba di Stoccarda.

Un ruolo per nulla marginale potrebbero giocarlo Marin Cilic (980 punti), vincitore di due titoli ATP nel 2017 sulla terra, e Sasha Zverev (1575 punti), campione a Roma lo scorso anno e fresco finalista a Miami.

Senza dimenticare chi, come Grigor Dimitrov, che ha racimolato appena 200 punti, potrebbe sfruttare le pessime prestazione dell’anno passato per balzare avanti nel ranking e nella Race.

Più difficile sembrano invece i compiti che dovranno affrontare giocatori come Dominich Thiem (2070 punti), Stan Wawrinka, ancora al rientro e con 1640 punti da difendere, e Novak Djokovic, 1500 punti e parecchi dubbi sulle sue condizioni psico-fisiche.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy