Laver Cup, prima giornata: Europa già avanti 3-0 a suon di tie-break

Laver Cup, prima giornata: Europa già avanti 3-0 a suon di tie-break

Comincia oggi lo speciale torneo in onore del campionissimo Rod Laver, la Laver Cup, che vede affrontarsi due rappresentative, una per l’Europa e l’altra per il Resto del Mondo, capitanate da Borg e McEnroe rispettivamente, che si affronteranno nella affascinante arena messa in piedi per l’occasione, a Praga, in campi veloci indoor a fondo completamente nero. I primi tre singolari vanno tutti al team Europa, grazie alle vittorie di Cilic su Tiafoe, di Thiem su Isner e di Zverev su Shapovalov. In attesa del doppio che mentre scriviamo sta per cominciare, il team Europa consolida il vantaggio sul 3-0.

di Aureliano Fiorini

Questa prima edizione della Rod Laver si preannuncia come un interessante evento tennistico, sulla falsa riga di altri “sport nobili” che prevedono manifestazioni di questo genere, basti pensare al golf o alla vela. Sebbene sia ancora un evento in fase embrionale, questa prima edizione ha visto la effettiva partecipazione dei migliori giocatori di entrambe le formazioni (salvo i già noti infortunati), nonostante il momento particolare della stagione, visto che si sono appena conclusi gli US Open, e che gli altri appuntamenti tennistici in calendario si stanno comunque svolgendo. Resta da vedere come si consoliderà questo appuntamento nel contesto del calendario ufficiale, e se verrà chiarito un eventuale peso dell’evento sulla classifica ATP. In ogni caso gli ambasciatori dell’evento, per il quale si è speso mediaticamente soprattutto Roger Federer, ma anche Nadal, Berdych, gli stessi Borg e McEnroe, e ovviamente Rod Laver in persona, hanno fatto un buon lavoro di promozione, e le sfide, pur rimanendo al limite fra l’esibizione e il match vero, si preannunciano piuttosto interessanti. Anche per la formula degli incontri, che è una assoluta novità in campo tennistico: gli otto giocatori per formazione si affronteranno in dodici match distribuiti nei tre giorni di durata della competizione, di cui nove in singolare e tre di doppio, quindi quattro partite al giorno, due alle 13 e due alle 19 italiane.

DKVBji0XoAE4dmp
64 Slam in una sola foto (e contando solo in singolare..). Da sinistra a destra: Borg, Nadal, Laver, Federer, McEnroe.

Con i primi tre singolari il team Europa si porta sul 3-0; ne escono vittoriosi Marin Cilic, Dominic Thiem e Sasha Zverev, in match molto tirati i cui set si sono conclusi sempre e solo con un tie-break. Cilic si è fatto bastare due tie-break – 7-6(3) 7-6(0) – per battere un buon Frances Tiafoe, mentre a Thiem ne sono serviti tre, e dopo essere andato sotto nel primo set ha chiuso al terzo giocato con formula super tie-break al meglio dei 10 punti – 6-7(15) 7-6(3) 10-7 –. Zverev invece chiude 7-6(3) 7-6(5) il festival del tie-break; match molto duro quest’ultimo, con l’avversario Shapovalov che ha annullato parecchi match point.

CILIC-TIAFOE – Il primo match fra Cilic e Tiafoe è stato un inedito – i due infatti non si erano ancora mai affrontati in match ufficiali – ma ha dato buone sensazioni ad entrambi. Sull’andamento del match ha inciso soprattutto il servizio, ma entrambi hanno beneficiato del supporto dal loro angolo di due grandi campioni come Borg e McEnroe; per Tiafoe poi è stato un nuovo buon paloscenico dove mettere in mostra il proprio talento in fase di crescita e dove testare il proprio carattere. “Non ero molto nervoso, d’altronde l’ultimo match che ho giocato è stato sull’Arthur Ashe (nel tiratissimo match contro Federer), quindi mi sono sentito piuttosto bene oggi in campo. Mi piacciono queste esperienze, in genere finisco per giocare un buon tennis” ha dichiarato il giovane americano al termine del match; e a proposito del team Resto del Mondo: “siamo tutti grandi amici nel team, soprattutto me, Nick (Kyrgios) e Jack (Sock) siamo molto affiatati”.

È contento anche Cilic dell’esperienza, soprattutto per aver beneficiato della guida di Borg in campo:“è stato un grande onore per me sedere a fianco a Bjorn e giocare il primo match di questo evento. In campo Borg è molto tranquillo e sereno, mi ha dato i giusti consigli e al momento giusto; mi ha supportato bene. Mi sono molto divertito nel mio tempo in campo con lui. Per me è stato un grande inizio e con Frances è stato un bel match, molto solido e di un buon livello. Spero si sia divertito anche il pubblico. Sono felicissimo di aver portato il primo punto al team Europa”.

marin-cilic-frances-tiafoe-laver-cup_4107943

THIEM – ISNER – Il secondo punto al team Europa arriva invece grazie alla rimonta di Dominic Thiem ai danni di John Isner; il primo set infatti se lo era aggiudicato il big server americano, ma da lì in poi l’austriaco è cresciuto in risposta; per la prima volta entra in scena il super tie-break finale, principale innovazione di questo torneo, formula che si vede già nei tornei di doppio, ma inedita in singolare. “Ero molto nervoso, sapevo che sarebbe stato un match difficile. Sono molto contento, è stato molto bello il tie-break del set finale. Una grande partenza per il team Europa; avere al proprio fianco grandi campioni è di grandissimo aiuto, mi danno una grande motivazione”.

981F12FB-E8E9-4C9B-9000-7EDBFD5FFD05_v0_h

A fine partita è intervenuto anche lo stesso Borg, capitano del team Europa: “non potevo chiedere una partenza migliore per il team. È ancora venerdì e ci sono tante partite da giocare, ma è meglio partire da 2-0 che da 0-2. Sono contento per il match di Dominic; rispetto a Isner hanno stili di gioco molto diversi, lui ha uno stile più simile al mio. È un onore stare al fianco di questi ragazzi per supportarli ed essere il loro capitano. Volevamo vincere e ci siamo risciuti, ma sapevamo che sarebbe stata dura perchè anche i nostri avversari sono forti”.

ZVEREV- SHAPOVALOV – Durissimo anche l’ultimo singolare di giornata, e soprattutto primo match di questo torneo in chiave NextGen; Zverev ha di nuovo la meglio sul giovanissimo canadese, dopo averlo già sconfitto nell’ultimo master 1000 di Montreal, ma vista la qualità delle forze in campo, sicuramente ci aspettano tanti anni di sfide fra questi due. Zverev ha la meglio dopo altri due tie-break, e dopo essersi visto annullare tre match point in risposta sul 4-5. “Sono felice di aver vinto questo match, anche se non siamo riusciti ad interrompere questa strana striscia di tie-break. La formula del torneo è fantastica, sono molto contento di passare le giornate fianco a fianco ai miei compagni e a grandi campioni. Si è creato un bell’ambiente, ed è molto divertente sentire Roger e Rafa che raccontano aneddoti sulle loro partite e sulla loro rivalità; faccio gli auguri ai miei compagni che andranno in campo per il doppio a breve”.

In attesa delle prossime partite, per adesso la strada del team Europa è piuttosto in discesa.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy