Luthi: “Federer continuerà a giocare per diversi anni”

Luthi: “Federer continuerà a giocare per diversi anni”

Il capitano di Davis e allenatore di Roger #Federer conferma la volontà dello svizzero di giocare ancora diversi anni prima di dover appendere la racchetta al chiodo

In un’anteprima dell’intervista che la televisione svizzera ‘Teleclub” pubblicherà integralmente il prossimo 31 agosto, Severin Luthi, allenatore di Roger Federer, ha confermato il motivo per cui il giocatore svizzero ha deciso di fermarsi e non competere nel resto della stagione. Federer, che ha presentato ieri la Laver Cup a New York, ha anche parlato dei suoi sentimenti in questo periodo di pausa, inviando un messaggio di ottimismo.

ARRIVEDERCI AL 2017 – Luthi ha chiarito in due frasi che Roger non riapparirà in nessun torneo nel 2016. Anche se il ginocchio migliorerà in modo significativo dovrebbe recuperare al 100% prima di poter tornare a giocare. I tempi sono marcati e già decisi: “È garantito, Roger non giocherà alcun torneo nel resto dell’anno.”

VOGLIA DI GIOCARE – “Roger ha ancora voglia di giocare per altri due o tre anni”, ha dichiarato l’allenatore e capitano della Coppa Davis. È probabilmente la prima volta che un membro del team dello svizzero si pronuncia sul tempo che continuerà a trascorrere nel tennis giocato. Da parte sua Federer ha sempre mantenuto il desiderio di giocare “molti anni” e se la salute lo permette il 17 volte campione Slam rimarrà ancora diverse stagioni nel circuito.

L’INFORTUNIO – “Non ho mai avuto dolore. Il problema era l’instabilità. E poi ha cominciato a gonfiarsi, e quindi non ero più in grado di competere ai massimi livelli. Per questo, credo, è stato punto un po’ frustrante. Almeno se avessi avuto un sacco di dolore, o se la risonanza palesava il problema, allora penso che sarebbe stato più facile prendere una decisione.”

AMAREZZA OLIMPICA – “Non ho mai pensato di avere una stagione come questa, naturalmente. Sono felice di essere a New York, ma in qualche modo è doloroso. È stato difficile vedere le Olimpiadi. Mi sarebbe piaciuto essere lì, a rappresentare la Svizzera per avere la possibilità di vincere una medaglia. quindi voglio tornare più forte di prima.”

FUTURO – “Non vedo come la fine di qualcosa, lo vedo come un principio. Voglio tornare ad essere il più forte possibile per quando si giocherà all’Australian Open. È stata una decisione molto difficile, ma in un certo senso è stata semplice, perché la salute è più importante. Ho dedicato tempo al rafforzamento dei muscoli e continuerò a fare della palestra nei prossimi due mesi. Continuo a essere molto ottimista.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy