Mats Wilander: “Roger e Rafa lavoreranno per sfidare Nole”

Mats Wilander: “Roger e Rafa lavoreranno per sfidare Nole”

Lo svedese valorizza il grande trionfo di Djokovic e spera in una lotta a tre con Federer e Nadal.

di Filippo Gallino, @Pheeling7

Come è d’abitudine alla fine di ogni Slam, i grandi ex giocatori come Boris Becker, John McEnroe o Mats Wilander parlano di ciò che è accaduto nel grande evento. L’ultimo a dare grande merito alla vittoria di Novak Djokovic a Wimbledon è stato proprio lo svedese: la chiave? Essere ritornato con il suo team di sempre.

Non potevo immaginarmi Djokovic vincitore a Wimbledon senza che fosse circondato da coloro con i quali ha condiviso numerosi trionfi. Questa è stata la chiave per me” – ha commentato l’ex numero uno del mondo Mats Wilander a Express. E’ grazie a questo che è tornato ad essere tranquillo e ad adottare quello stile solido e quell’istinto assassino. Il suo allenatore Marian Vajda è tornato con lui, ecco la chiave di Mate. Jelena, moglie di Nole, è un’altra grande riconferma.

Questo nuovo scenario è emozionante per Wilander: “Tutti si sono riuniti per creare un cordone ombelicale che proteggesse Novak da tutto. Ecco perché il ritorno di Djokovic è molto emozionante. Arriverà un nuovo seguito come nel 2011. Tutto questo arrivò quando Federer non vinceva più molto, quando Nadal trionfava specialmente al Roland Garros, mentre Novak vinceva quasi tutto. Questo sta cominciando di nuovo, questi tre giocatori tenteranno di andare ancora più in alto. Roger e Rafa dovranno trovare una ragione per continuare a lavorare per sfidare Djokovic. E questo è spettacolare.

Wilander termina la sua riflessione con le differenze nel ranking e le sensazioni personali di ogni giocatore: “A New York sapremo chi è il migliore del mondo del 2018. In gioco c’è il titolo di campione del mondo. Non saranno le classifiche a contare, la sensazione di essere il migliore dell’anno preverrà sul desiderio di essere il numero uno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy