Montecarlo, Murray risorge dal baratro, soffre anche Raonic

Montecarlo, Murray risorge dal baratro, soffre anche Raonic

Il numero due del mondo ribalta un match che sembrava già perso, contro Benoit Paire, ora per lui Raonic che continua a non convincere.
Eliminato Vesely, avanzano Tsonga e Monfils.

1 Commento

Se l’ è vista veramente brutta Andy Murray, che ha dovuto salvarsi in più di un’ occasione da quella che sembrava una sconfitta clamorosa, nel match di apertura degli ottavi di finale, del Master 1000 di Montecarlo.

Benoit Paire ha messo a dura prova lo scozzese, che ha dovuto ricorrere a tutta la sua grinta per riemergere da una situazione che sembrava compromessa. Partenza fulminante del francese che con grande stupore si aggiudica il primo parziale in maniera più che agevole, con il punteggio di 6-2, davanti a un Murray che sembra soffrire l’ aggressività e le variazioni del transalpino, che vola via anche nel secondo set, portandosi sul 3-0 con due break di vantaggio.

benoit-paire-francebleu.jpg

La svolta del match probabilmente arriva nel game successivo, quando Paire dopo un passaggio a vuoto, perde un turno di servizio, che si rivela una iniezione di fiducia per il britannico, che inizia la sua rimonta che si concretizza con il 7-5 che manda il match al set decisivo.

Ci su aspetta il tracollo del francese, che spesso ha sofferto di passaggi a vuoto e cali di concentrazione dovuto al nervosismo,  ma il numero 22 del mondo è bravo a restare in partita, procurando diverse occasioni per il break, che si concretizza al nono game, che manda Paire a servire per il match. Qui però emergono le differenze fra un buon giocatore e un grande giocatore, e Murray riesce prima ad effettuare il contro break e poi a chiudere il match in suo favore con un nuovo 7-5.

Profondo rammarico per Paire, che si vede sfuggire un match che se fosse stato di pugilato,  probabilmente lo avrebbe visto trionfare ai punti, contro un Andy Murray che continua a vincere soffrendo.

Chi soffre anche più dello scozzese è Milos Raonic, che per il secondo giorno consecutivo, riesce a venire a capo di un incontro, solo al tie-break del terzo set. Dobo la battaglia di ieri contro Pablo Cuevas il copione si ripete contro il bosniaco Dzumhur.

Raonic

Raonic appare poco brillante e meno incisivo con il servizio, Dzumhur dal canto suo continua a dimostrare ampi margini di miglioramento, e disputa un match in cui mette in campo tutto il meglio del suo repertorio. Il canadese dopo essersi portato in vantaggio di un set, viene costretto al terzo, e come Murray rischia più volte di capitolare al cospetto di un avversario che dimostra di valere ben più dela novantanovesima posizione del Ranking, ma al tie-break Dzumhur si fa tradire dall’ emozione e quel rovescio che durante il match gli aveva portato tanti punti, lo porta a commettere alcuni errori che si rivelano fatali.

Ai quarti ora Raonic e Murray si contenderanno un posto in semifinale, dopo un avvio di torneo che lasciava pensare a ben altro epilogo per entrambi.

Stan-Wawrinka1

Chi invece non ha avuto problemi è  Stan Wawrinka, che disputa un match di altissimo livello, e impartisce una severa lezione a Gilles Simon. Uno svizzero parso in grande spolvero, con una prestazione degna delle sue migliori vittorie sulla terra rossa. Probabilmente è presto per fare previsioni, ma dopo l’ uscita di scena di Djokovic, questo Wawrinka si candida di diritto ad un ruolo di favorito.

David Goffin non sfrutta il buon tabellone, e si fa sorprendere da Marcel Granollers, che dopo essere entrato in tabellone da Lucky Looser, per la rinuncia di David Ferrer, prosegue la sua avventura e accede ai quarti di finale, dove ad attenderlo ci sarà Gael Monfils.

Il francese ha concesso appena tre game a Jiri Vesely, che dopo l’ exploit contro Novak Djokovic, è apparso svuotato a livello mentale, come se il suo torneo l’ avesse già vinto.

Risultati:

G. Monfils b. J. Vesely 6-1 6-2

J.W. Tsonga b. L. Pouille 6-4 6-4

M. Granollers b. D. Goffin 7-6 6-4

S. Wawrinka b. G. Simon 6-1 6-2

 

 

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alan Casazza - 11 mesi fa

    È il vero numero 2 del mondo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy