Nadal vs Djokovic: una rivalità speciale

Nadal vs Djokovic: una rivalità speciale

Novak Djokovic ha recentemente dichiarato che gli manca molto la rivalità con lo spagnolo, definendola “qualcosa di speciale”; Nadal invece ha parlato delle sue condizioni fisiche e del recente torneo vinto ad Abu Dhabi

Commenta per primo!

Novak Djokovic e Rafael Nadal, due tra i tennisti più forti di sempre, due modi di fare completamente diversi, ma una rivalità che rimarrà nella storia del tennis.

IL PENSIERO DI NOLE – “La rivalità con Rafa è veramente speciale, abbiamo giocato l’uno contro l’altro tantissime partite, tra le quali anche finali slam, indimenticabile quella disputata agli Australian Open, durata quasi sei ore” ha detto il serbo, in’un intervista rilasciata al quotidiano Mundo Deportivo. Il numero due al mondo, ha poi continuato: “Quando ho cominciato ad essere un tennista più forte, ho dovuto trovare diverse soluzioni per vincere, specialmente contro Rafa e Roger. Fino a qualche anno fa non sapevo se avrei mai dominato, perché loro erano lì”.

LE ULTIME DICHIARAZIONI DI NADAL – Diversamente da Djokovic, che sta disputando il torneo di Doha, Nadal è attualmente impegnato nell’Atp 250 di Brisbane. La settimana scorsa ha disputato, e vinto, un torneo di esibizione ad Abu Dhabi ed ha dichiarato di essere molto soddisfatto: “Ho giocato tre partite contro altrettanti top player e, contro questo tipo di giocatori, non è possibile vincere se non si gioca bene. Quindi queste vittorie sono state veramente notizie positive. E’ stato inoltre piacevole vedere che quando sono in grado di colpire il mio dritto con fiducia, le partite vanno come voglio che vadano” ha affermato lo spagnolo, che successivamente ha proseguito: “Ho lavorato molto per cercare di mettermi in condizione di essere nuovamente competitivo e per cercare di rendere i miei tifosi entusiasti del mio tennis, quindi farò del mio meglio per rendere ciò possibile.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy