Next Gen ATP Finals: in sette già qualificati, manca solo un azzurro

Next Gen ATP Finals: in sette già qualificati, manca solo un azzurro

Ecco i nomi dei sette protagonisti delle Next Gen ATP Finals di Milano: manca solo una wild card che verrà assegnata ad un giovane azzurro tramite le prequalificazioni.

di Andrea Lombardo

Pochi giorni ci separano dalla seconda edizione delle Next Gen ATP Finals, che si terranno a Milano dal 6 al 10 novembre a Milano. Non ci sono più dubbi sui partecipanti ufficiali: Stefanos Tsitsipas, Denis Shapovalov, Alex De Minaur, Frances Tiafoe, Taylor Fritz, Andrey Rublev e Jaume Munar. A questi sette si aggiungerà un giovane italiano grazie ad una wild card, assegnata al vincitore del torneo di prequalificazioni.
Il torneo non si disputerà nella stessa sede delle Next Gen ATP Finals (Fiera Milano di Rho), bensì allo Sporting Milano 3 dal 2 al 4 novembre.
I primi otto Next Gen italiani in classifica si scontreranno in una formula ad eliminazione diretta che partirà dai quarti di finale. Lo scorso anno Matteo Berrettini si presentò da grande favorito, ma uscì sconfitto all’esordio per mano di Filippo Baldi, poi sconfitto in finale da Gianluigi Quinzi.
Quest’anno Berrettini, Baldi e Quinzi non potranno partecipare per una questione anagrafica. Andiamo quindi a vedere chi saranno i partecipanti italiani quest’anno.
Il principale favorito, Gianmarco Moroni, non prenderà parte alle prequalificazioni a causa di un problema alla schiena. Il primo posto, quindi, sarà occupato da Raul Brancaccio, classe 1997, attualmente al best ranking al numero 301 al mondo. Periodo di gran forma per il tennista di Torre Del Greco, reduce da due vittorie consecutive a livello ITF sulla terra battuta di Santa Margherita di Pula. Sarà interessante vederlo in opera sul veloce indoor di Milano, data la sua poca esperienza su questa superficie.
Il secondo nome è quello di Jacopo Berrettini, classe 1998, considerato una delle grandi speranze del tennis italiano come il fratello Matteo. Numero 433 del ranking, Jacopo potrebbe ben destreggiarsi sui campi indoor grazie ad un ottimo servizio e a dei colpi molto potenti.

Pellegrino_22

Ci riprova Andrea Pellegrino, classe 1997, che lo scorso anno fu eliminato in semifinale da Filippo Baldi. In questa stagione ci saremmo aspettati sicuramente qualche risultato in più da parte del pugliese, che potrà sfruttare questa occasione come rampa di lancio. Attualmente occupa la 442esima posizione in classifica, ma vanta un best ranking di 315 raggiunto lo scorso aprile.

Presenti anche Balzerani, Fonio, Dalla Valle, Caruana e Giacomini. Tra questi, spicca il nome di Liam Caruana, che nella prima settimana dell’anno fu ripescato ad Auckland come lucky loser e fu capace di mettere in difficoltà Steve Johnson. A differenza di tutti gli altri azzurri, Liam sarà avvantaggiato dalla superficie veloce su cui è praticamente cresciuto. Quest’anno è stato fortemente penalizzato da vari infortuni che lo hanno tenuto fermo a lungo, e anche il ranking ne ha risentito, crollando dalla posizione 375 alla 622.

Osservando la lista dei partecipanti, trovare un vero e proprio favorito risulta difficile. Caruana, Pellegrino e Berrettini sono sicuramente i giocatori più noti al pubblico e sono quelli con più possibilità di andare avanti, ma tutto dipenderà dai sorteggi. 
Nel 2017 Gianluigi Quinzi è riuscito a sorprenderci anche contro dei grandi giocatori come Chung e Rublev, cosa accadrà quest’anno?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy