Nick Kyrgios: “So di poter essere il migliore. In troppi parlano di me senza conoscermi”

Nick Kyrgios: “So di poter essere il migliore. In troppi parlano di me senza conoscermi”

Intervistata, la star 22enne del tennis australiano ho toccato molti degli argomenti più “sensibili” che riguardano la sua persona – la pressione delle aspettative, lo stare in campo – e poi il rapporto con Del Potro.

di Riccardo Artuso, @i2icky98

UN KYRGIOS DIVERSOIn una recente chiacchierata con il giornale sportivo Clarìn, Nick Kyrgios ha parlato di se stesso in maniera più introspettiva di quanto non siamo abituati a sentire: “So di essere fortunato a poter vivere questa vita privilegiata, ma sono anche un essere umano, quindi ho momenti in cui mi manca la mia famiglia e sono stanco di viaggiare sempre così tanto”. Da quel lontano 1° luglio 2014 della vittoria su Nadal a Wimbledon, il giovane australiano è stato sempre sottoposto a pesantissimi carichi di pressione, che forse hanno avuto un’influenza deleteria sul suo carattere e sul suo rapporto con il tennis: “Sono cosciente che potrei essere il migliore, ma molti mi dicono che ci si sente molto soli una volta arrivati in cima. Adesso sono solo un ragazzo normale che si gode la vita e l’affetto che i miei mi dimostrano; prima o poi sarò pronto a raggiungere il top”.

KyrgiosArmsSpreadWimbledon

LE CRITICHE – Con il suo comportamento sfrontato, Kyrgios è ormai diventato argomento di continui pettegolezzi: “Tutti hanno il diritto di parlare del Kyrgios giocatore, ma non capisco perché così tanti mi attacchino anche a livello personale, dato che non mi conoscono. Ho commesso degli errori in campo ma è una cosa diversa da ciò che sono”. Inoltre, ha smentito le voci che lo descrivevano svogliato e continuamente distratto dal tennis: “Ho dato tutto a questo sport e continuerò a farlo: lavorerò tutto quello che posso per soddisfare i miei sogni. Sono un vincitore e mi piace competere, vorrei scrivere un pezzo di storia; non ho mai pensato a ritirarmi dal tennis”. Un sogno piuttosto ambizioso. Forse, però, è proprio perché è un obiettivo alla sua portata che in tanti arrivano a detestare il suo “spreco di talento”: “Quando sono in giornata posso essere il migliore del mondo, ma per esserlo in modo continuo servono impegno e dedizione”. Parole umili che non suonano nuove, in questi ultimi mesi di 2017; speriamo che possano essere un di buon auspicio in ottica 2018, dal momento che per l’”alter ego” della Next Gen questo potrebbe essere un anno di ghiotte occasioni.

download

DUE PAROLE SU DEL POTRO – Ulteriore passo verso la “normalizzazione” è stata la fondazione della NK Foundation, che Nick sostiene essere, ora, la ragione per cui gioca a tennis. Dare aiuto ai bisognosi può essere una forte motivazione, e a questo proposito, insieme con Juan Martin Del Potro, prenderà parte a un’esibizione benefica nello storico Luna Park di Buenos Aires. Delpo è un tennista molto stimato dal 22enne: “È una leggenda, un giocatore che ammiro e che non ha limiti. Il suo dritto è micidiale e potrebbe battere chiunque in qualsiasi circostanza; non mi stupirei di vederlo numero 1 al mondo. Inoltre è molto gentile e simpatico con tutti, purtroppo ha sempre dovuto combattere con gli infortuni. Onestamente, credo che ognuno sappia che se non fosse stato per questo, avrebbe vinto diversi tornei dello Slam”. Come dargli torto…

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alessandra Cadeddu - 6 mesi fa

    Io confido in lui e in Shapovalov

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Senka Fortunato - 6 mesi fa

    6 e rimani una testolina di……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alberto Petrosilli - 6 mesi fa

    Sarebbe ora che ti dai da fare che dopo Federer sei l’unica speranza di vedere qualcosa di diverso dai 78378373 pallettari tutti uguali.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Viviana Colnaghi - 6 mesi fa

    Per poter diventare tra i primi devi mettere a posto la testa , perché il resto c’è l’hai…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Mireille Lambot - 6 mesi fa

    L’as des as….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Cristiana Pagliari - 6 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Steve Togni - 6 mesi fa

    Per me ha le potenzialità del futuro n1 gran tennis fisico sensibilità e personalità anche troppa, di spavaldi il tennis non ne ha bisogno, speriamo si concetti solo sul tennis seriamente perché ha un gioco spettacolare. Non mi è simpatico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Mauro Bartolini - 6 mesi fa

    …di poter essere cosa????????

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy