Nishikori soffre, ma la spunta al terzo

Nishikori soffre, ma la spunta al terzo

Il nipponico spreca ma esplode al terzo parziale contro Verdasco

Commenta per primo!

Emozionante e intenso. Questi sono i due aggettivi che meglio descrivono il match  che ha visto come protagonisti lo spagnolo ultratrentenne Fernando Verdasco e il giapponese testa di serie n. 2 Kei Nishikori.

LA PARTITA- Il primo set è stata una vera e propria battaglia che ha visto combattere i due giocatori punto su punto. A Nishikori è servito un tie-break infatti per aggiudicarselo dopo ripetuti break e contro-break nel set. Nel secondo set il nipponico è subito riuscito a conquistare un break grazie ad un continuo pressing da fondo campo con colpi molto penetranti. Portatosi sul 5\3 Nishikori ha avuto l’opportunità di chiudere il match sul servizio dell’avversario, buttando tuttavia il match-point a disposizione. Arrivati al tie-break del secondo set, Nishikori ha nuovamente avuto l’occasione di chiuderla portandosi sul 5\3, ma ha sprecato ancora, facendosi sfilare il tie-break dalle mani. Tuttavia il terzo set è stato monotono e grazie a una migliore forma fisica il giapponese lo ha chiuso 6\1.

Kei Nishikori

E’ la volta buona per Nishikori?- Da tempo si parla di un Nishikori non capace di conquistare un master 1000, ma questa sembra davvero essere la volta buona, date le assenze di Murray e Djokovic. In ogni caso il giapponese dovrà cambiare qualcosa dal punto di vista mentale: non si può prolungare al terzo set una partita come quella di oggi buttando le tante occasione avute. Quando sale il livello bisogna munirsi del famoso ‘killer istinct’ che caratterizza i giocatori di vertice.

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy