Novak Djokovic fra i migliori atleti del 2015 secondo Sport Illustrated

Novak Djokovic fra i migliori atleti del 2015 secondo Sport Illustrated

Non sono bastati gli 82 match vinti nel 2015, né i 16000 punti ATP, né i 22 milioni di Dollari solo in Prize Money né le quattro finali Slam. Il 2015 di Robo-Nole sarà forse coronato dal riconoscimento di Sports Illustrated che in passato ha assegnato questo premio solo a tre tennisti Billie Jean King, Chris Evert e Arthur Ashe.

La settimana prossima Sports Illustrated darà l’annuncio del prescelto come “Sportivo dell’anno 2015”. Gli editori devono aver avuto molti dubbi riguardo al destinatario.
I candidati erano Steph Curry, leader del Golden State Warriors della NBA che con i suoi vorticosi crossover risulta il più vincente fra i vincenti. Ma cosa dire di Jordan Spieth, che a 22 anni finisce l’anno come golfista n1 del mondo, vincitore di 2 Majors, oppure di Lydia Ko, che è diventata la n1 del golf femminile più giovane in quanto non ancora diciassettenne?

Nel frattempo Ronda Rousey è stata nominata migliore atleta di sempre da un’ ESPN poll in Maggio ed è stata imbattuta fino a un mese fa.
Nessuno di questi atleti ha però avuto un’annata speciale, da Gennaio a Novembre, come quella di Novak Djokovic, nessuno di loro è stato completo come Djokovic, in tutti gli aspetti del gioco e, come ha fatto notare anche Christopher Clarey del Times, su tutte le superfici, indoor e outdoor, ed ha vinto tornei combattendo contro atleti fra i più accreditati.
Nessuno ha mai avuto l’annata storica che Nole ha vissuto quest’anno, una delle migliori del tennis maschile nell’era Open. Il serbo ha infatti vinto ben 82 match nel 2015, contro 6 sconfitte. La sua percentuale di vittorie è del 93%,
Nole è il terzo uomo dell’era Open, dal 1968, ad aver raggiunto quest’anno la finale in tutti gli Slam. In effetti è arrivato in finale in ogni competizione a cui ha partecipato, vincendo 6 titoli Master 1000. Ha chiuso l’anno come n1 indiscusso, visto che i suoi punti ATP, sono più di quelli di Murray, n2 e Federer n3 messi insieme. Per non disdegnare, il serbo ha vinto più di 22 Milioni di Dollari in Prize Money, bottino maggiore nella storia del tennis.
Possiamo dunque considerare la sua come l’annata migliore del tennis maschile?

macMOS230607_468x662

John McEnroe ebbe la sua annata d’oro nel 1984, perdendo solo 3 volte e vincendo per il 96% dei match, ma lui non giocava praticamente mai sulla terra, infatti ha disputato, proprio quell’anno solo 2 match sulla terra rossa del Roland Garros, perdendo tra l’altro in modo devastante contro il suo rivale Ivan Lendl.

Caricamento sondaggio...

Jimmy Connors fu 99-4 nel 1974 ma non potè giocare il French Open perché facente parte del World Team Tennis. Anche Roger Federer invece nel 2006 ha raggiunto la finale in tutti e quattro gli Slam, in più ha collezionato ben 12 titoli e perso solo 5 match, 4 dei quali contro Rafa Nadal sulla terra, e l’altra a Cincinnati contro il diciottenne Andy Murray. Molti considerano il 2006 di Roger come la seconda stagione migliore, dopo quella di Rod Laver del 1969, nella storia del tennis.

Ma né Federer nove anni fa né Laver all’inizio dell’era Open hanno affrontato le competizioni faticose a livello fisico e mentale che Djokovic ha dovuto affrontare quest’anno. Dei top ten con cui lo svizzero ha giocato nel 2006, solo 2 avevano avuto vittorie Slam, Nadal che lo dominava, e Andy Roddick che aveva vinto uno Slam. Gli top ten erano Ivan Ljubicic e Fernando Gonzales, ma la Golden Age del tennis doveva ancora arrivare.

E mentre Federer ha avuto diversi anni di splendore, non ha mai accumulato più della metà dei punti ATP accumularti da Djokovic. Dire che Laver ha avuto una stagione più facile nel 1969 è pura speculazione.

london-finals-2015-djokovic-federer-rivalry

Quest’anno nelle competizioni più difficili contro i top ten Djokovic è stato 30-5 incluso il 6-1 contro il n2 del mondo, Andy Murray ed ha terminato la stagione a Londra battendo Nadal in semifinale e Federer in finale entrambi in 2 set, cosa che nessuno ha mai fatto.
Solo 3 tennisti hanno meritato il riconoscimento di Sport Illustrated ed erano Billie Jean King nel 1972, Chris Evert nel 1976 e Arthur Ashe nel 1992. Per tutti e tre comunque è stato più un riconoscimento alla carriera che per prestazioni sportive degli anni in questione. Quindi nella lista dei possibili candidati entrerebbe anche Serena Williams come riconoscimento alla carriera e come ricordiamo come quasi campionessa del Grande Slam annuale. In ogni caso questo 2015 è stato un grande anno per il nostro sport, che ogni stagione ci fa vivere un pezzo di storia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy