Novak Djokovic: “ Giocherò Monte Carlo, poi vedremo”

Novak Djokovic: “ Giocherò Monte Carlo, poi vedremo”

Il serbo è già al lavoro sulla terra del Principato, ma non esclude cambiamenti nella sua programmazione sul rosso.

1 Commento

Il numero 1 del mondo è appena reduce dalla doppietta Indian Wells-Miami , ma il suo pensiero è già rivolto ai prossimi  impegni in calendario; impegni fitti e faticosi ,trattandosi di terra rossa.

Il belgradese non è sembrato al top della forma fisica, specie in quel di Miami. In Florida , Nole   ha  dovuto far ricorso a trattamenti fisioterapici in campo, a causa di evidenti problemi alla schiena che ne inficiavano il gioco nella sua globalità.

nole parigi 1

Questo ha fatto sì che,  da più parti , si levassero dubbi sulla sua effettiva capacità di resistere fisicamente ad una stagione che il serbo vuole quanto più possibile vicina  al  suo fantastico 2015.

Djokovic  prova subito a sgombrare  il campo dai dubbi sulla sua presunta stanchezza:

“Quest’anno l’inizio di stagione è stato  migliore di quello del 2015 in termini di risultati e per come mi sento. Non mi sento troppo esausto. Non penso che avrò difficoltà a passare ai campi in terra velocemente. Vediamo cosa succede”.

Il campione serbo, però,  conosce    bene il dispendio di energie fisiche e nervose  che porta con se il passaggio al clay e, pertanto , non  sente di poter  escludere eventuali cambiamenti  nella sua programmazione da qui al Roland Garros :

“ Ovviamente la terra rossa è la superficie più faticosa dal punto di vista fisico. In generale il Roland Garros è il torneo più grande e il più grande obiettivo sulla terra ; cercherò di adattarmi a quel torneo. Ma vivo a Monte Carlo e giocherò senza dubbio  quel torneo. Poi comincerò a pensare se giocare o meno il resto dei tornei. Per ora ho in programma Madrid, Roma e Parigi. Rimarrà  tutto così, se non ci saranno cambiamenti”.

Cambiamenti cui Nole potrebbe  sentirsi costretto se dovesse considerare oltremodo  faticosa la partecipazione agli altri due Master 1000 che precedono Parigi, suo grande obiettivo stagionale , al pari di Rio 2016.

In tal caso, purtroppo, un  evento   potrebbe esser cancellato.

Sperando che non sia proprio il tanto atteso appuntamento al Foro Italico.

 

 

 

 

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Francesco Lionetti - 1 anno fa

    Se elimina qualcosa, elimina madrid

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy